Monthly Archives: agosto 2012

La Regione Toscana si riscatti e fermi le centrali. Carlucci scrive a Rossi

Pubblichiamo la lettera aperta che Carlo Carlucci, che partecipa anche al coordinamento SOS Geotermia, ha scritto il 28 agosto us al presidente della regione Toscana Enrico Rossi.

Egregio Presidente,
nel caso la Valutazione di Impatto Ambientale ricevesse dalla Regione parere positivo è evidente che saremo costretti a ricorrere  in quanto ci sono tanti, troppi segnali sfavorevoli ( l’acqua ai minimi storici e che continua a calare malgrado le ultime annate di particolare piovosità, l’arsenico che aumenta, le risposte sulle emissioni fornite dall’ARS contorte e distorsive, etc.).
Nel caso invece fosse concesso un’ulteriore posticipo continueremo a batterci contro i giochi della scienza (degli specialisti), contro questi depositari di un ignoranza particolareggiata così come ebbe ad esprimersi il grande avv.Ascari, colui che finalmente ebbe ragione su Enel per il disastro del Vajont.
Ci batteremo contro l’anomalia tutta italiana del controllato che è anche il controllore.
E non a caso l’avv.Ascari fustigava nei primi anni ’70 la legge del profitto fine a se stesso,  la legge del profitto pronta a trovare le mille giustificazioni che la ‘scienza’ era disposta  a fornirgli.
Nel caso la Regione, ritornando sui propri passi, negasse una volta per tutte la possibilità di continuare con questa geotermia (che noi riteniamo assolutamente non sostenibile sull’Amiata e sul suo territorio) noi vorremmo partecipare attivamente all’individuazione delle scelte alternative.
Su una pregevole rivista amiatina, Amiata Storia e Territorio, lei (e un qualsiasi giudice) può constatare che tutte le invocazioni, i richiami, gli appelli al sostanziale principio di preoccupazione sono stati sostanzialmente, sistematicamente, disinvoltamente disattesi nel corso di questo quarto di secolo.
Non so se è vero quanto hanno riportato i giornali secondo i quali lei avrebbe definito di destra coloro che si oppongono all’inceneritore e alla nuova autostrada Grosseto-Civitavecchia… Sempre di più viene fatto ricorso (da una parte e dall’altra) a un linguaggio offensivo e riduttivo. In realtà privati cittadini, fuori da ogni calcolo egoistico, che sacrificano anni della loro vita in nome della difesa del loro territorio sarebbero tutt’altro che definibili con linguaggio denigratorio.
La prova evidente dell’anomalia protratta per la quale il controllato è sostanzialmente il controllore e gli organi di controllo (Arpat, Ars…) della Regione svolgono appena, col loro dire-non dire, una funzione sostanzialmente subalterna; questa prova è stata data nel confronto in Regione tra noi e i tecnici dell’Enel: a una serie di questioni pressanti e  fondamentali da noi sollevate, i tecnici Enel non hanno avuto di che rispondere.
Martini ha presieduto al Protocollo 2007 nel quale, secondo il principio del do ut des, si è consumato l’accordo con Enel e cioè il raddoppio della produzione geotermica in cambio di un aumento vertiginoso dei compensi per la Regione. Bagnore 3 priva di Via sarebbe stata indebitamente prorogata al 2013 e poi col colpo di mano (come chiamarlo altrimenti?) Enel/Scajola, fino al 2024. La dr.ssa Bramerini, per addolcire la nostra profonda delusione, ci disse che ove fossero emerse evidenze si sarebbe provveduto a chiudere anche centrali esistenti. Queste evidenze oggi ci sono.
Distinti saluti, Carlo Carlucci

Ciao, Michelangiolo. Il popolo toscano dell’acqua, dell’ambiente, della difesa della salute in lutto per l’improvvisa scomparsa del dott.Bolognini di Pistoia (*)

E’ morto questa notte, all’ospedale di Pisa, un caro compagno, toscano e polemico anche per temperamento, ma sempre lucido e intransigente nel combattere le nocività evitabili, i cacrovalorizzatori, gli avvelenatori e i tanti “sinistri”, che quotidianamente tentano di mistificare i fatti.
Ci ha lasciato il medico igienista Michelangiolo Bolognini, che tanto ha dato alle Associazioni Ambientaliste e ai Comitati toscani e nazionali.
Ciao Michelangelo, ci mancherà la sfida del tuo sguardo irriverente, la provocazione delle tue posizioni, la tenacia del tuo impegno. Terremo cari i tuoi insegnamenti e il tuo esempio nelle lotta che continueremo a portare avanti perché la salute sia in tutto il mondo un diritto primario.

Roberto Barocci

Sembra che la sorte si accanisca contro chi più si batte contro i responsabili della distruzione dell’ambiente naturale. Avevamo perso Giuseppe Diemidio e ora Michelangiolo Bolognini che tanto si era adoperato in favore dell’Amiata. L’avevo incontrato alla riunione redazionale de Il Ponte cui collaborava con articoli pregnanti e infiammati di una passione civile e ambientale dai toni drammatici. Ora si capisce il suo dramma: lasciare troppo presto questo mondo disgraziato. Ci salutammo di fretta, aveva l’ansia di correre altrove, a riunioni dove sentiva che era necessaria la sua presenza. Ora le sue corse affannate, il suo impegno, la sua promessa di ritornare da noi, tutto è finito. Ma non è finito. La battaglia che conduciamo ‘ha un cuore antico’, siamo pochi, pressochè inascoltati ma oggi abbiamo la coscienza più che mai che la nostra lotta più che necessaria è indispensabile.  Noi siamo chiamati a corrispondere alle attese degli innocenti, i bambini che nulla sanno di ‘volano di sviluppo’, i bambini, le piante, l’ambiente tutto.
Ciao Michelangiolo, abbiamo raccolto il testimone tuo e continuiamo la staffetta.

Carlo Carlucci

(*) Michelangiolo Bolognini, coordinatore del Gruppo Operativo Attività Produttive, la struttura interdisciplinare del Dipartimento di Prevenzione dell’Asl di Pistoia, che costituisce l’interfaccia fra l’azienda e le Amministrazioni Comunali e i Suap.
Ricoverato qualche tempo fa a Pisa per un delicato e lungo intervento chirurgico, il dottor Bolognini stava iniziando la convalescenza e la ripresa, quando, per cause attribuibili a una imprevista emorragia, è improvvisamente deceduto.

Piccoli allarmisti crescono… E’ suonata la sveglia ai consiglieri del versante grossetano

Qualcosa si muove nei consigli comunali di Arcidosso e Castel del Piano.
Due articoli di Cristiano Bernacchi su La Nazione del 24 e 25 agosto, che riportiamo di seguito, riferiscono dei subbugli provocati dalle -seppur timide- posizioni dei consiglieri di minoranza dei due consigli e le preoccupazioni per l’aumento dello sfruttamento geotermico con l’entrata in funzione della progettata centrale Bagnore 4.

Avremmo preferito che le posizioni fossero più decise e, soprattutto, si fosse intervenuti già da tempo considerato che i Comitati amiatini da anni denunciano i rischi e i danni, ma …meglio tardi che mai!

La Nazione – 24 agosto 2012

Opposizione preoccupata per la geotermia
«Ci vorrebbe un’autority con pieni poteri»

ARCIDOSSO CHIESTA LA CONVOCAZIONE DI UN CONSIGLIO COMUNALE
I CONSIGLIERI di opposizione di Arcidosso richiedono un Consiglio comunale: alla luce delle costanti preoccupazioni sullo sfruttamento geotermico amiatino, sollevate da più parti, i consiglieri di opposizione del Comune di Arcidosso richiedono la convocazione del Consiglio Comunale per affrontare l’argomento. Il punto all’ordine del giorno che intendono discutere in Consiglio i tre consiglieri, Michele Nannetti, Alberto Lazzaretti e Donella Garosi, propone di deliberare sulla richiesta alla Regione Toscana, in sede di eventuali concessioni di sfruttamento geotermoelettrico, di porre al gestore fra le altre condizioni anche quella di accettare controlli interni ed esterni all’impianto da parte di una autority che cooperi con l’Arpat. Questa autority dovrebbe essere composta da personale qualificato scelto nell’ambito dei Comuni interessati dallo sfruttamento, tra cui quello di Arcidosso, e dotata di ampi poteri tra cui, quelli ispettivi, sanzionatori e inibitori. La richiesta da parte dei consiglieri cerca di arrivare ad una delibera, da discutere durante il prossimo incontro pubblico in Regione, previsto per il 9 settembre.

La Nazione – 25 agosto 2012

Questione geotermia «Serve un Consiglio»
AMIATA L’OPPOSIZIONE CHIEDE CHIAREZZA
DOPO la proposta dei consiglieri di minoranza di Arcidosso di discutere in Consiglio la questione geotermoelettrica, anche quelli di Castel del Piano fanno la stessa richiesta. Il dibattito sullo sfruttamento geotermico amiatino ed il possibile potenziamento con la centrale di Bagnore4, ha generato forti dubbi nella comunità locale, rinforzati dalle richieste di approfondimento sulle emissioni nocive. L’ultima è quella della comunità buddista Dzogchen di Merigar che esorta cautela e studi certi sui quali far proseguire lo sfruttamento geotermico. Sulla scia delle prese di posizione e richieste di approfondimenti i consiglieri di opposizione di Castel del Piano, richiedono quindi la convocazione di un Consiglio sull’argomento. Il fine dei consiglieri è quello di arrivare ad una deliberazione condivisa per poter richiedere alla Regione che in caso di nuove concessioni ci sia una Autority composta anche da personale qualificato che viva sul territorio. La deliberazione sull’argomento, viene spinta dai consiglieri in vista del vicino incontro pubblico sull’argomento che si svolgerà il 12 settembre in Regione Toscana.

L’acqua diminuisce, ma le bugie aumentano. I dati sulle precipitazioni smentiscono Enel e amministratori pubblici

Tabella 12, studio Mobidic, pag.24: Precipitazioni annue 1990-2010

Abbiamo sempre detto che erano una bugia le giustificazioni dell’enel e degli amministratori pubblici che da sempre imputano la diminuzione dell’acquifero dell’Amiata alla minor piovosità; finchè il tutto era basato sulle percezioni personali di ciascuno hanno continuato imperterriti il ritornello ‘c’è meno acqua perchè ci sono meno piogge‘.
Ma, come si sa, le bugie hanno le gambe corte: con lo studio MOBIDIC, commissionato dalla stessa regione Toscana, sono stati resi pubblici i dati delle precipitazioni degli ultimi anni; ebbene gli anni 2008, 2009, 2010 sull’Amiata sono stati i più piovosi in assoluto e l’inverno 2011-2012 -anni non rilevati nello studio Mobidic- ha avuto le nevicate più cospicue rispetto agli ultimi anni (ed è cosa nota che lo scioglimento del manto nevoso garantisce la migliore ricarica dell’acquifero superficiale in quanto non vi è perdita da ruscellamento).
Ciononostante, come testimoniano i dati del piezometro di Poggio Trauzzolo, il livello dell’acquifero dell’Amiata è ulteriormente sceso solo nell’ultimo anno di altri 12 metri (*) e, considerato che la superficie del bacino dell’acquifero è ormai in proporzioni analoghe a quelle del lago di Bolsena, si può immaginare bene l’entità della ulteriore perdita.
Se quindi fosse vero quanto vanno favoleggiando avremmo dovuto assistere ad una risalita dell’acquifero anziché la perdita registrata.
Lo stesso studio Mobidic, pur non nominando mai il problema geotermia e la possibile interferenza con l’acquifero (non lo conoscono? è irrilevante? altri motivi?), nelle conclusioni rimane spiazzato nella valutazione e si trova in ‘difficoltà‘ nel capire perchè ‘…l’ampiezza delle oscillazioni (delle portate misurata alle sorgenti principali, ndr)  riprodotte risulta sottostimata. Ciò tende a suggerire che la variabilità climatica possa non essere l’unico fattore di controllo di tali oscillazioni, ma che possa potenzialmente giocare un ruolo anche una fluttuazione della pressione inferiore…’ (punto 4 delle Conclusioni, pag.66).
Evidentemente la diminuzione è da imputare ad altra causa e noi un sospetto ce l’abbiamo, ma chiediamo alla Regione e a tutti gli amministratori: sarà il caso di trovare la causa ‘reale’ della diminuzione dell’acquifero? Nel frattempo sarà il caso di sospendere cautelativamente quelle attività industriali che potrebbero interferire con lo stesso acquifero rischiando di lasciare l’Amiata e i 700.000 utenti che ne usufruiscono, senza acqua potabile?
Aggiungiamo queste domande e richieste a quelle sull’aumento della concentrazione di arsenico che abbiamo già rese pubbliche.
Riteniamo che non dare risposte a questi problemi sia da irresponsabili e chi oggi ha tra i suoi compiti quello della salvaguardia della salute e dell’ambiente o provvede immediatamente o è meglio che si dimetta.

(*) Rilevazioni del 21 luglio 2011 e del 21 luglio 2012. La prima misurazione indicava la superficie di falda a meno 290,66 metri, la seconda a meno 302,69; la falda si  abbassa mediamente di un metro al mese!  Le misurazioni avvengono circa ogni sei mesi: la prima (luglio 2011- febbraio 2012) aveva mostrato un abbassamento di sei metri; la seconda  (febbraio 2011-luglio 2012) di ulteriori sei metri.

La Nazione 1 settembre 2012
CONTRO Ambientalisti di nuovo all’attacco
«Geotermia, quanti guai alle falde»
RISORSE DATI ALLARMANTI DEGLI AMBIENTALISTI IN LOCALITÀ TRAZZUOLO
IL COORDINAMENTO dei Comitati ambientalisti della Provincia di Grosseto entra nel dibattito sulla carenza idrica. «Lo sfruttamento dall’Enel per produrre energia elettrica geotermica dice Angelo Properzi . Per molti anni Enel ha sostenuto che la nostra preziosa acqua è sana e salva, che la geotermia non la consuma, che il calo del suo livello nel bacino freatico è dovuto a fattori climatici e che non ci sia nessun collegamento tra questo bacino (che fornisce l’acqua potabile all’Acquedotto del Fiora e quindi per 3 province) e i pozzi geotermici. Questa dichiarazione è stata smentita clamorosamente dai dati del piezometro di Poggio Trauzzolo, l’unico piezometro i cui dati sono disponibili. Attendiamo, come da richiesta avanzata dalla stessa Regione che ne siano messi in disposizione 5 o 6». Poi i dati: «Si vede chiaramente che nonostante 3 anni di piovosità eccezionale, il livello del bacino freatico (già calato da 300 metri negli anni 70 fino a 90) si è abbassato altri 12 metri, e che cala un metro al mese. Lo studio Mobidic, commissionato dalla Regione stessa, è stato costretto ad ammettere che l’abbassamento di questo bacino non può essere solo dovuto a fattori climatici, ma che possa potenzialmente giocare un ruolo anche una fluttuazione della pressione inferiore». Questi dati smentiscono un altro mito cioè, quella attualmente prodotta dalle centrali esistenti e che l’Enel intende triplicare usando la stessa tecnologia, non è rinnovabile. «Perché? Perché l’elevato consumo di acqua non è compensato dalle precipitazioni chiudono gli ambientalisti , le emissioni di anidride carbonica sono maggiori di una corrispondente centrale idroelettrica».

Corriere di Maremma 30 agosto 2012
Il caso. Gli ambientalisti preoccupati i dati rilevati dal piezometro
Acqua, la falda si abbassa
AMIATA. Clima torrido e secco con gravissime conseguenze per la mancanza di acqua che ha quasi messo in ginocchio vaste zone della regione toscana. Sull’Amiata si tace. Ma le preoccupazioni non sono poche per i prossimi mesi. Lo stato dell’acquifero dell’Amiata è tenuto sotto osservazione dagli ambientalisti amiatini, ai quali non sono sfuggiti i più recenti dati (richiesti) relativi al piezometro regionale di Poggio Trauzzolo, i quali indicano che la superficie di falda si trova a meno 302,69 metri, mentre un anno fa era stata rilevata a 290,66 metri. Un dato preoccupante, poiché significa che in un anno (dal 21 luglio 2011 al 21 luglio 2012) la superficie piezometrica si è abbassata di 12 metri, con una decrescita costante. Come dimostrano per altro i dati della misurazione intermedia del febbraio 2012, che evidenziavano una diminuzione di circa sei metri. L’ulteriore calo degli ultimi mesi ha creato molta apprensione tra gli ambientalisti, i quali si aspettavano prudenzialmente una crescita della falda, favorita – secondo i loro ragionamenti – dalla ricarica che di solito avviene nel periodo febbraio-luglio. E, invece, nulla di fatto. A conferma per altro che “l’acquifero non reagisce alle fluttuazioni climatiche”. Come sembra avvalorare la tabella pluviometrica della relazione finale relativa allo studio Mobidic (il modello idrologico per il bilancio dei bacini idrografici e dell’acquifero del Monte Amiata), la quale definisce la piovosità dell’ Amiata negli ultimi tre anni (2008-2010) eccellente. Nel 2010 circa 2000 mm/anno, il massimo registrato in circa mezzo secolo ( i dati di partenza risalgono al 1965). L’inverno 2011, inoltre, è stato interessato da nevicate “storiche”, degne degli anni cinquanta. I recenti dati hanno sollecitato agli ambientalisti amiatini la formulazione di nuove osservazioni, che puntualmente sono state inviate ai soggeti deputati, relativamente alla procedura di via del progetto di Bagnore 4 (centrale geotermoelettrica- comune di Santa Fiora). La prima di queste recita: “considerato che i dati relativi alle precipitazioni meteoriche degli ultimi anni avrebbero dovuto far registrare una crescita del livello dell’acquifero, considerato che nello stesso periodo il prelievo ai fini potabili non è aumentato, a quale causa è attribuibile l’abbassamento registrato?”. La seconda osservazione, chiede: “Quali argomenti tecnici sono usati per escludere con certezza che l’abbassamento registrato dell’acquifero idropotabile non possa dipendere dalla ridotta pressione dei fluidi geotermici?”. La terza osservazione, infine, pone un quesito: “considerato che la falda idro potabile dell’Amiata è assimilabile a un unico sistema idraulico incapace di soddisfare tutte le esigenze della popolazione servita dall’Acquedotto del Fiora, quali iniziative si prevedono per garantire il mantenimento della risorsa idropotabile?”.

‘ARSENICO E SCELLERATI PROGETTI’, il nuovo libro di Roberto Barocci parla anche di noi

E’ stato pubblicato il nuovo libro di Roberto Barocci sui disastri ambientali in Maremma, passati, presenti e futuri.
Ricco di documentazione, basato su dati certi e fonti ‘ufficiali’, il lavoro di Barocci, che ha come sottotitolo ‘Cronaca di abusi ed omissioni a danno delle acque potabili’ pone l’accento sull’avvelenamento delle acque, in particolare a causa dell’arsenico.
Il libro è volutamente ‘No copyright’, cioè senza diritti riservati, per permetterne la più ampia diffusione che –si spera– porti, soprattutto nelle popolazioni della Maremma e dell’Amiata, ad una presa di coscienza e un nuovo e più determinato impulso ad attivarsi in difesa del territorio, delle acque, della salute, in sostanza, del futuro dei nostri figli e di questa ‘terra amara’.
Un capitolo è interamente dedicato alla vicenda che più ci sta a cuore, cioè al problema della geotermia in Amiata e la relazione con l’acquifero potabile che, ricordiamo sempre, serve oltre 700 mila persone su tre province, Grosseto, Siena e Viterbo.
Il libro lo trovate in edizione cartacea nelle ‘migliori’ librerie e , ad un prezzo ‘politico’, presso il nostro banchetto nelle iniziative in cui SOS Geotermia è presente, oppure, in edizione digitale (pdf) scaricandolo dal sito personale di Roberto, dove trovate anche altre interessanti notizie.

Riportiamo l’indice dei capitoli:
Introduzione – Corrotti e corruttori, di Enrico Calossi
Capitolo primo – Un disastro annunciato
Capitolo secondo – La legge non è uguale per tutti
Capitolo terzo – Uno “scellerato progetto”
Capitolo quarto – Impuniti alla luce del sole
Capitolo quinto – Sapevano, ma al danno aggiungono la beffa
Capitolo sesto – A Fenice Capanne altri veleni
Scheda n°I – Qualità dell’ambiente e tumori
Capitolo settimo – L’Acqua dell’Amiata e la salute
Scheda n°2 – Come difendersi dall’Arsenico nelle acque potabili
Capitolo ottavo – Una brutta fine per il Piombo nel sangue
Capitolo nono – Una prima vittoria sul Merse
Capitolo decimo – Gli inquinatori legiferano
Capitolo undicesimo – Una finta bonifica sul Merse
Capitolo dodicesimo – Dal Bruna l’inquinamento s’espande in pianura
Scheda N°3 – Un pericolo per la salute pubblica
Capitolo tredicesimo – La pianura di Follonica: un disastro
Capitolo quattordicesimo – Omissioni, prepotenza e impunità
Scheda N°4 – Le mie querele
Capitolo quindicesimo – Me ne frego!
Capitolo sedicesimo – Conclusione

Piccoli allarmisti crescono: …si sveglia anche Merigar

Dopo un lungo quanto inspiegabile silenzio, tenuto conto la vicinanza del centro con l’area della centrale Bagnore 3 e la progettata Bagnore 4 , finalmente anche la comunità con sede in Merigar ad Arcidosso prende posizione in merito alla geotermia in Amiata.
Leggiamo infatti in un comunicato stampa pubblicato su Facebook il 7 agosto us che “L’Associazione Internazionale Comunità Dzogchen e L’Istituto Internazionale Shang Shung dopo aver preso parte al contraddittorio pubblico con l’ENEL presso la Regione Toscana a Firenze il 18 Luglio 2012 si vedono costretti a lanciare l’ennesimo appello affinché il programma di ampliamento delle centrali Geotermiche di Bagnore sia cautelativamente sospeso fino a che non saranno completamente accertati i possibili rischi per la salute della popolazione dell’Amiata e il suo impatto ambientale…” e “…Ad oggi la possibilità della Comunità Dzogchen di proseguire le proprie attività a Merigar è messa a repentaglio dal programma di ampliamento delle centrali geotermiche di Bagnore portato avanti dall’ENEL. Merigar dista meno di mille metri in linea d’aria dalla centrale Geotermica di Bagnore 3, attualmente in esercizio, le cui emissioni in passato hanno già creato disagi ai frequentatori dell’Associazione. I fumi emessi dalla centrale Bagnore 3, come è noto, contengono idrogeno solforato, arsenico, mercurio, ammoniaca, acido borico oltre a numerose altre sostanze non ancora normate. L’ENEL sembra intenzionata a triplicare la potenza del sito produttivo con gli ulteriori 40MWp della eventuale centrale Bagnore 4 nonostante i numerosi allarmi per i possibili rischi per la salute e le preoccupazioni per il possibile impatto ambientale espressi da scienziati, comitati locali ed associazioni ambientaliste. Le valutazioni che, ad oggi, sono state fatte del possibile impatto dell’intervento dell’ENEL sull’ambiente amiatino sull’acquifero dell’Amiata e sulla salute della popolazione, sono significativamente discordanti e lasciano adito a ragionevolissime preoccupazioni. La decisione di andare avanti con il progetto di ampliamento dell’ENEL e la conseguente costruzione della centrale Bagnore 4 non può essere presa senza aver prima escluso oltre ogni ragionevole dubbio i rischi che questo intervento potrebbero comportare…”.
Preoccupati che le loro attività “…potrebbero essere direttamente danneggiate da questo intervento. L’impossibilità di svolgere regolarmente le proprie attività costituirebbe un gravissimo danno economico e morale per la Comunità Dzogchen contro il quale l’Associazione avrebbe il dovere di cautelarsi. La cessazione delle attività dell’Associazione, o la limitazione delle stesse, rappresenterebbe, per altro, un danno significativo all’indotto economico locale e allo sviluppo di un turismo internazionale sul Monte Amiata…” lanciano un appello “…agli amministratori locali, ai sindaci dei comuni di Santa Fiora, Arcidosso e Castel del Piano, all’assessore all’Ambiente Bramerini e al presidente della regione Rossi affinché, in quanto rappresentanti di noi cittadini, tutelino la salute della popolazione amiatina, dei membri e degli ospiti di Merigar, applicando responsabilmente il principio di precauzione nel non autorizzare la realizzazione della centrale ENEL Bagnore 4. Inoltre la comunità Dzog Chen chiede che venga predisposto un protocollo di controllo delle emissioni con apposite centraline di monitoraggio in continua degli effetti di Bagnore 3 su Merigar dal momento che questa zona non risulta ad oggi monitorata.”

Benvenuti (meglio tardi che mai) tra gli allarmisti.

Geotermia sull’Amiata: invece di risposte arrivano denunce

Pubblichiamo il comunicato di solidarietà, del 30 luglio 2012, a Pino Merisio e di condanna all’Enel; di seguito l’articolo stampa che ne ha dato conto e il comunicato di solidarietà della Rete Stop Enel.

Qualsiasi cosa, in Amiata, metta in discussione le scelte scellerate di continuare, ed aumentare, lo sfruttamento geotermico va colpito.
Così succede che Giuseppe Merisio, che partecipa alle attività del Coordinamento SOS Geotermia, firmi un comunicato stampa come componente del PRC Amiatino e che tale comunicato venga poi ripreso, il 5 maggio, sulla stampa locale. In tale comunicato Merisio esprimeva, a nome del PRC Amiatino, tutti i dubbi e le proccupazioni sullo sfruttamento geotermico, la contrarietà alla costruzione della nuova centrale Bagnore 4 e proponeva di investire le risorse nella ricerca di fonti alternative, quale il fotovoltaico.
L’Enel, non potendo ignorare l’intervento, passa alle vie di fatto ed oggi Giuseppe si ritrova accusato di ‘diffamazione’ perchè avrebbe riportato “fatti contrari al vero nonché lesivi dell’immagine e dell’onorabilità della società istante”.
Ci sembra che l’Enel sia in grosse difficoltà, soprattutto dopo il ‘contraddittorio’ sulla VIA (valutazione di impatto ambientale) tenutosi in regione Toscana il 18 us, in cui i rappresentanti dei comitati e delle popolazioni amiatine hanno inchiodato, con domande puntuali e dettagliate, sia la stessa Enel che i rappresentanti istituzionali alle loro responsabilità in materia di salute in relazione all’attività geotermica.
Nel condannare l’Enel per questo atto, il Coordinamento SOS Geotemia esprime a Giuseppe tutta la solidarietà ed il sostegno possibili.
Non credano che spostando la vertenza sul piano giudiziario si mettano a tacere le uniche voci che, nel silenzio degli amministratori locali impegnati nelle sagre sponsorizzate da Enel, continuano a fare informazione, denunciando i rischi alla salute e chiedendo una moratoria immediata per ogni attività geotermica per avviare un momento di riflessione sul futuro del territorio amiatino.

Il Tirreno del 1 agosto 2012

ACCUSA DI DIFFAMAZIONE PER GIUSEPPE MERISIO
Sos Geotermia, Enel denuncia un esponente del Prc
AMIATA – «Nessuno pensi che spostando la vertenza sul piano giudiziario si mettano a tacere le uniche voci che, nel silenzio degli amministratori locali, continuano a fare informazione, denunciando i rischi alla salute e chiedendo una moratoria immediata per ogni attività geotermica». Inizia così la nota del coordinamento Sos Geotermia. È accaduto che Giuseppe Merisio, che partecipa alle attività del coordinamento, ha firmato un comunicato stampa come componente di Rifondazione Comunista. «In tale comunicato Giuseppe esprimeva, a nome del PRC Amiatino, tutti i dubbi e le proccupazioni sullo sfruttamento geotermico, la contrarietà alla costruzione della nuova centrale Bagnore 4 e proponeva di investire le risorse nella ricerca di fonti alternative, quale il fotovoltaico». L’Enel, non potendo ignorare l’intervento, ha accusato Giuseppe Merisio di diffamazione perchè avrebbe riportato «fatti contrari al vero nonché lesivi dell’immagine e dell’onorabilità della società». Sos Geotermia non ci sta. «Ci sembra che l’Enel sia in grosse difficoltà, soprattutto dopo il contraddittorio sulla Valutazione di impatto ambientale che si è tenuta in Regione il 18 luglio, in cui i rappresentanti dei comitati e delle popolazioni amiatine hanno inchiodato sia la stessa Enel che i rappresentanti istituzionali alle loro responsabilità in materia di salute in relazione all’attività geotermica». Il comitato esprime solidarietà a Giuseppe Merisio.

Comunicato 14 agosto 2012 della Rete Stop Enel – Per un nuovo modello energetico

SOS Geotermia, Enel denuncia un attivista del Coordinamento Amiatino
Apprendiamo che Enel ha denunciato per diffamazione Giuseppe Merisio, attivista del Coordinamento “SOS Geotermia” e componente del PRC Amiatino, a seguito di un comunicato stampa, firmato da Giuseppe come membro del PRC Amiatino e ripreso dal “Corriere di Maremma”, in cui esprimeva, a nome del PRC Amiatino, i dubbi e le preoccupazioni sullo sfruttamento geotermico, la contrarietà alla costruzione della nuova centrale Bagnore 4 e proponeva invece di investire le risorse nella ricerca di fonti alternative, quale il fotovoltaico.  Secondo Enel “riportava fatti contrari al vero nonché lesivi dell’immagine e dell’onorabilità della società istante”.
Commenta SOS Geotermia: “Ci sembra che l’Enel sia in grosse difficoltà, soprattutto dopo il ‘contraddittorio’ sulla VIA (valutazione di impatto ambientale) tenutosi in regione Toscana il 18 us, in cui i rappresentanti dei comitati e delle popolazioni amiatine hanno inchiodato, con domande puntuali e dettagliate, sia la stessa Enel che i rappresentanti istituzionali alle loro responsabilità in materia di salute in relazione all’attività geotermica”, messa alle corde è passata dunque alle vie di fatto.
Appare daltronde sempre più evidente come questa sia una prassi generalizzata dell’Enel e delle sue sussidiarie, di intimidire, minacciare, denunciare e far inquisire qualsiasi soggetto che diffonda anche soltanto informazione sulle nocività dei suoi impianti e progetti per la salute, per i territori, per la qualità e l’accessibilità all’acqua, sull’Amiata con quest’ennesimo atto di arroganza, come in Colombia dove EMGESA ha sollecitato alla procura di Huila l’apertura di un’inchiesta, e all’università Surcolombiana un’indagine disciplinare, ai danni del Professor Miller Armín Dussán Calderón per il suo lavoro incessante di controinformazione a fianco del movimento contro la costruzione della diga el Quimbo; come per la querela  contro Greenpeace (anche in quel caso con l’accusa di diffamazione per “attività offensive per l’immagine e il decoro di Enel”) associata alla richiesta, rigettata dalla magistratura, di oscuramento del sito della campagna di GP “FacciamoLuceSuEnel”; come avviene in Guatemala, dove la complicità di governo locale e latifondisti consente ad Enel Green Power un clima di intimidazione permanente e rappresaglia verso la popolazione Ixil, colpita dalla costruzione della diga di Palo Viejo, ad opera delle forze dell’ordine e delle guardie private della finca.
La campagna nazionale “Stop Enel – Per un nuovo modello energetico”, nell’esprimere la totale solidarietà a Giuseppe Merisio e il pieno appoggio agli obiettivi del coordinamento amiatino “SOS Geotermia” condanna con fermezza l’operato di Enel, la sua crescente attitudine autoritaria di intimidazione alle comunità in lotta e i reiterati tentativi di mettere il bavaglio per vie legali a chi denuncia le nocività ambientali e sociali degli impianti e promuove un’alternativa sostenibile, in Italia come nel resto del mondo, nonché i rappresentanti istituzionali e le forze politiche che consentono e sostengono la repressione funzionale alla governance politica.
Non è spostando le vertenze sul piano giudiziario nè con le rappresaglie che Enel metterà a tacere l’informazione sui rischi per la salute e per i territori e sulle sue attività illegali e criminali, che anzi non potrà che moltiplicarsi esponenzialmente, aggiungendo anche la denuncia per l’odiosa pratica di rifiutare persino la critica legittima e la libertà di opinione e d’informazione, né con tali metodi potrà arrestare le lotte che anzi vedono sempre più crescere e radicarsi ovunque i movimenti contro i progetti nocivi e devastanti e per un nuovo modello energetico sostenibile, basato sulle energie rinnovabili e che metta al centro i diritti umani, la difesa della salute dei cittadini e la difesa del territorio come bene comune.
Enel, invece di denunciare attivisti e cittadini, rispetti le rivendicazioni delle comunità locali in Italia e a livello internazionale, metta a norma gli impianti inquinanti, rinunci ai progetti nocivi e distruttivi e investa per l’uscita dal ciclo fossile in energie rinnovabili compatibili con la tutela della salute, dell’ambiente e della vita! Vale la pena ricordare che 13 dirigenti Enel sono stati recentemente rinviati a giudizio per attività relative alla centrale a carbone Federico II di Cerano, a pochi chilometri da Brindisi, “imputati per aver, in concorso tra loro, dal 2000 sino ad agosto 2011, ognuno per la propria funzione, partecipato a un medesimo disegno criminoso, avendo scaricato, trasportato e stoccato milioni di tonnellate di carbone in un il carbonile scoperto…(fonte la Repubblica)”, a riprova che spesso le denunce di comitati e movimenti, che Enel chiama diffamazione, si rivelano poi materia per indagini della magistratura per gravi violazione delle normative ambientali e della sicurezza sul lavoro.
Solidarietà per Giuseppe e per tutto il coordinamento SOS Geotermia!
NO alla criminalizzazione dei movimenti!