Tag Archives: Merigar Dzogchen

Piccoli allarmisti crescono: …si sveglia anche Merigar

Dopo un lungo quanto inspiegabile silenzio, tenuto conto la vicinanza del centro con l’area della centrale Bagnore 3 e la progettata Bagnore 4 , finalmente anche la comunità con sede in Merigar ad Arcidosso prende posizione in merito alla geotermia in Amiata.
Leggiamo infatti in un comunicato stampa pubblicato su Facebook il 7 agosto us che “L’Associazione Internazionale Comunità Dzogchen e L’Istituto Internazionale Shang Shung dopo aver preso parte al contraddittorio pubblico con l’ENEL presso la Regione Toscana a Firenze il 18 Luglio 2012 si vedono costretti a lanciare l’ennesimo appello affinché il programma di ampliamento delle centrali Geotermiche di Bagnore sia cautelativamente sospeso fino a che non saranno completamente accertati i possibili rischi per la salute della popolazione dell’Amiata e il suo impatto ambientale…” e “…Ad oggi la possibilità della Comunità Dzogchen di proseguire le proprie attività a Merigar è messa a repentaglio dal programma di ampliamento delle centrali geotermiche di Bagnore portato avanti dall’ENEL. Merigar dista meno di mille metri in linea d’aria dalla centrale Geotermica di Bagnore 3, attualmente in esercizio, le cui emissioni in passato hanno già creato disagi ai frequentatori dell’Associazione. I fumi emessi dalla centrale Bagnore 3, come è noto, contengono idrogeno solforato, arsenico, mercurio, ammoniaca, acido borico oltre a numerose altre sostanze non ancora normate. L’ENEL sembra intenzionata a triplicare la potenza del sito produttivo con gli ulteriori 40MWp della eventuale centrale Bagnore 4 nonostante i numerosi allarmi per i possibili rischi per la salute e le preoccupazioni per il possibile impatto ambientale espressi da scienziati, comitati locali ed associazioni ambientaliste. Le valutazioni che, ad oggi, sono state fatte del possibile impatto dell’intervento dell’ENEL sull’ambiente amiatino sull’acquifero dell’Amiata e sulla salute della popolazione, sono significativamente discordanti e lasciano adito a ragionevolissime preoccupazioni. La decisione di andare avanti con il progetto di ampliamento dell’ENEL e la conseguente costruzione della centrale Bagnore 4 non può essere presa senza aver prima escluso oltre ogni ragionevole dubbio i rischi che questo intervento potrebbero comportare…”.
Preoccupati che le loro attività “…potrebbero essere direttamente danneggiate da questo intervento. L’impossibilità di svolgere regolarmente le proprie attività costituirebbe un gravissimo danno economico e morale per la Comunità Dzogchen contro il quale l’Associazione avrebbe il dovere di cautelarsi. La cessazione delle attività dell’Associazione, o la limitazione delle stesse, rappresenterebbe, per altro, un danno significativo all’indotto economico locale e allo sviluppo di un turismo internazionale sul Monte Amiata…” lanciano un appello “…agli amministratori locali, ai sindaci dei comuni di Santa Fiora, Arcidosso e Castel del Piano, all’assessore all’Ambiente Bramerini e al presidente della regione Rossi affinché, in quanto rappresentanti di noi cittadini, tutelino la salute della popolazione amiatina, dei membri e degli ospiti di Merigar, applicando responsabilmente il principio di precauzione nel non autorizzare la realizzazione della centrale ENEL Bagnore 4. Inoltre la comunità Dzog Chen chiede che venga predisposto un protocollo di controllo delle emissioni con apposite centraline di monitoraggio in continua degli effetti di Bagnore 3 su Merigar dal momento che questa zona non risulta ad oggi monitorata.”

Benvenuti (meglio tardi che mai) tra gli allarmisti.