Monthly Archives: ottobre 2016

DAGLI STATI GENERALI DELLA RETE NOGESI DEL 2014 AD ORVIETO AGLI STATI GENERALI DELLA GEOTERMIA DEL 2016 AD ACQUAPENDENTE

20161105_img_testata-locandina_stati-generali-nogesiSTATI GENERALI DELLA GEOTERMIA AD ACQUAPENDENTE DEL 5.11.2016

DAGLI STATI GENERALI DELLA RETE NOGESI DEL 2014 AD ORVIETO
AGLI STATI GENERALI DELLA GEOTERMIA DEL 2016 AD ACQUAPENDENTE

E’ il salto del movimento di contrasto alla geotermia elettrica-speculativa–inquinante dai soli comitati di cittadini ed alcuni “scienziati preoccupati” ai sindaci, produttori di economie legate al territorio, consigli regionali, parlamentari: si allarga il fronte convinto degli oppositori alla geotermia così come oggi viene utilizzata e che, nonostante le opposizioni estese nei territori e le sollecitazioni del Parlamento, il Governo sembra intenzionato a non modificare.

Sabato 5 novembre prossimo ad Acquapendente (Viterbo) si terranno gli Stati Generali della geotermia: comitati, giuristi, scienziati, produttori agricoli, sindaci, consiglieri regionali, parlamentari si confrontano e si interrogano di fronte alla opposizione sociale diffusa, almeno nelle aree del Paese in cui si vogliono collocare impianti geotermici.

Dove la politica ha dovuto prendere atto della insostenibilità dell’attuale utilizzo della geotermia: in Umbria e Lazio sono in discussione le “intese” regionali. L’Umbria ha scelto che l’atto di intesa “non può prescindere” da un accordo del MISE con gli enti locali (accordo recentemente negato al MISE); il Lazio ha invece scelto la strada della moratoria. La Toscana è alle prese con il più forte movimento di opposizione mai verificatosi ed è costretta a prendere in esame la “zonazione” e, per la prima volta, la vicenda ambientale e sanitaria dell’Amiata ha forse trovato una strada di soluzione. Con la vicenda inoltre del mercurio che dalle centrali geotermiche dell’Amiata ha ormai –via fiumi Paglia e Tevere- raggiunto il mar Tirreno, configurandosi come la più grande questione ambientale dell’Italia centrale.

E sullo sfondo la vicenda del referendum costituzionale del 4 dicembre p.v.: infatti l’aumento della conflittualità sociale attorno all’imposizione di politiche impattanti suggerirebbero che i meccanismi di funzionamento della democrazia andrebbero riformati in direzione opposta da quella indicata dalla riforma costituzionale, devolvendo potere decisionale alle comunità sulla gestione delle risorse e inaugurando un nuovo concetto di sovranità legato al territorio.

In tanti quindi partecipino a questa conferenza di aggiornamento che durerà tutta la mattinata del 5 novembre ad Acquapendente; per quanto riguarda invece i militanti della Rete NOGESI nel pomeriggio-a partire dalle ore 15,00-saranno alle prese con la discussione e l’approvazione dei seguenti punti, salvo altri che potranno essere proposti entro il 4 novembre:

1.iniziative di rafforzamento della vertenza Toscana sulla “zonazione” e vicenda Amiata;

2.manifestazione nazionale a Roma verso il MISE;

3.Iniziative diffuse nei territori per il NO al Referendum costituzionale;

4.Utilizzo del sito di SOS Geotermia come sito della Rete NOGESI;

5.Sostituzione dell’attuale portavoce pro-tempore della Rete Nazionale con Solange Manfredi, giurista, attuale consigliera di minoranza Comune di Acquapendente.

Vittorio Fagioli, portavoce pro-tempore Rete Nazionale NO GESI

Per completezza si trascrive infine sotto il percorso fin qui tenuto dalla Rete NOGESI:

1. Bolsena, 26.10.2013-convegno e nascita Rete Nazionale NOGESI
2. Bolsena, 03.01.2014-1°riunione operativa Rete Nazionale
3. Roma, 05.03.2014-1° Convegno Camera dei Deputati
4. Roma, luglio-agosto 2014- incontro delegazioni parlamentari
5. Orvieto, 05.10.2014-1° Stati Generali Rete Nazionale
6. Roma, 19.01.2015-Audizione Camera dei Deputati
7. Roma, 15.04.2015- Risoluzione parlamentare su geotermia
8. Bolsena, 11.10.2015-2° riunione operativa Rete Nazionale
9. Roma, 05.11.2015- 2° Convegno Camera dei Deputati
10. Roma, febbraio –marzo 2016- incontro delegazioni parlamentari
11. Firenze, 09.04.2016-Convegno Regionale Toscana
12. Territori, 24.04.2016- iniziativa”100 fiori contro la geotermia”
13. Orvieto, 12.07.2016- partecipazione al Convegno su “problema Mercurio”
14. Acquapendente, 05 .11. 2016- 2° Stati Generali della Geotermia

SCARICA IL COMUNICATO in PDF

PROGRAMMA DEI LAVORI

Presidenza: Velio Arezzini, SOS Geotermia
Annalisa Bambini, Coordinamento associazioni Orvietano, Tuscia e Lago di Bolsena
Giovanna Limonta, Difensori della Toscana
Vincenzo Miliucci, Cobas 

Ore 9,30 – Apertura Lavori:

Coordina i lavori: Roberto Minervini, Responsabile scientifico Accademia Kronos
Presentazione e saluti:
Angelo Ghinassi, Sindaco di Acquapendente
Introduzione:
Vittorio Fagioli, Portavoce pro-tempore Rete NOGESI

Ore 10,00 – In evidenza (15’)

Prof. Roberto Barocci, SOS Geotermia & dr.ssa Solange Manfredi: Il caso Amiata, dopo i ricorsi alla Magistratura interna, il ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo
Dr. Giuseppe Mastrolorenzo,
Primo ricercatore Osservatorio Vesuviano: Gli impianti pilota geotermici nei vulcani campani, geotermia al massimo rischio
Dr.ssa Laura Cadeddu,
Coordinamento Sardo Geotermia Sostenibile: Stato delle proposte progettuali di impianti geotermici in Sardegna, risultati delle iniziative intraprese e prossimi sviluppi
Avv. Michele Greco,
Avvocato del Foro di Grosseto: Effetti della “riforma Madia” sui progetti di ricerca geotermica ordinari e pilota

Ore 11,00 Interventi dai territori (15’)

Andrea Garbini, Sindaco di Castel Giorgio: La geotermia a Castel Giorgio
Giuseppe Mantellassi,
Presidente del Consorzio Tutela del Morellino di Scansano
Daniele Galluzzi,
Produttore vitivinicolo di Cinigiano (GR)
Piero Pii,
sindaco di Casole D’Elsa, primo comune de-geotermizzato: La lotta dei cittadini contro la geotermia in Alta Val d’Elsa-Val di Cecina

Ore 12,00 Le istituzioni regionali e parlamentari

Interverranno:
On. Adriano Zaccagnini, Commissione Agricoltura Camera dei Deputati
On. Alessandra Terrosi,
Commissione Agricoltura Camera dei Deputati

Sono stati invitati:
Enrico Panunzi, presidente Commissione Ambiente Consiglio Regionale Lazio
Stefano Baccelli,
presidente Commissione Ambiente Consiglio Regionale Toscana
Eros Brega,
presidente Commissione Ambiente Assemblea Legislativa Umbria

 

Ore 13,00 – Dibattito e Conclusioni 

Nel pomeriggio: riunione aderenti Rete Nazionale NOGESI per analisi proposte future di mobilitazione e organizzazione tra cui la sostituzione, per fine mandato, del portavoce pro-tempore.

SCARICA LA LOCANDINA in PDF

20151105_rm_NOGESI_camera_000_lunga

Tribunale di Grosseto sentenzia: criticare la geotermia Enel in Amiata è legittimo

giudice_bagnoreNon è la prima volta, ma perseverare è diabolico.
Nuovo passo falso dell’Enel: nella speranza che “colpendone uno se ne educassero cento” -parafrasando il detto di Mao- l’Enel nel 2012 aveva denunciato Pino Merisio, politico attivo e presente in tutte le iniziative e i comitati amiatini, perchè in una intervista pubblicata sul Corriere di Maremma il 5 maggio di quell’anno aveva criticato duramente le centrali geotermiche amiatine,

Pino Merisio durante una delle iniziative contro le centrali

Pino Merisio durante una delle iniziative contro le centrali

in particolare la prevista Bagnore 4 che poi verrà realizzata e di cui oggi vediamo gli effetti…
Dopo 4 anni, finalmente, arriva il pronunciamento del Tribunale di Grosseto che sentenzia come LEGITTIME le CRITICHE espresse da Merisio nell’intervista e condanna l’Enel al pagamento delle spese.
Di seguito un comunicato stampa che verrà diffuso nella conferenza stampa che si tiene a Grosseto oggi, 15 ottobre 2016.

 

“Criticare la Geotermia è legittimo?
Spunti e riflessioni a margine di una recentissima decisione del Tribunale di Grosseto”

Criticare ENEL sulla geotermia in Amiata si può. Questo, in sintesi, il significato della sentenza emessa dalla dott.ssa Conte del Tribunale di Grosseto nella causa civile di risarcimento danni da diffamazione a mezzo stampa intentata da ENEL GREEN POWER contro Pino MERISIO, esponente di Rifondazione Comunista e di SOS Geotermia, autore di un comunicato pubblicato nel 2012 nel quale si esprimevano critiche alla geotermia, accusata di emettere sostanze inquinanti e nocive nell’aria e nell’acqua, si segnalava la eccedenza di mortalità rispetto ai comuni vicini a quelli geotermici (come ricorda Barocci) e si proponeva un sistema energetico alternativo (Amiata Fotovoltaica).
Nel respingere (con condanna alle spese) la richiesta del colosso energetico, il Tribunale ha riconosciuto dapprima “che i dati relativi alle emissioni riportati dal Merisio nell’articolo incriminato sono ripresi dai dati ARPAT 2009 e sono, quindi, obiettivi.”
Poi ha aggiunto la considerazione (che secondo questo comitato gli Amministratori locali dovrebbero anch’essi far propria) secondo la quale “…è evidente che in un già delicato equilibrio ambientale, qual è quello dell’intero globo a seguito del significativo mutamento nello sfruttamento delle risorse complessive nell’ultimo secolo, anche piccoli apporti di sostanze nocive sono idonei a destare un certo allarme nei cittadini più sensibili al problema. Ciò vale anche per le altre sostanze che, seppur non superiori ai tassi soglia, sono di per sé sostanze potenzialmente idonee ad incidere sulla salute umana. In particolare, il ctu ha confermato che a Bagnore vi sono elevate emissioni di sostanze climalteranti, quali anidride carbonica e metano, ed anche l’emissione di ammoniaca.
Per l’acido solforico e il mercurio i parametri, pur rientrando nella quasi totalità dei valori guida
di tutela sanitaria raccomandati dalla OMS, necessitano di un’attenzione sanitaria per i soggetti
più sensibili (v. p. 97)”.
In altra parte la sentenza dà atto di una riscontrata presenza di “inquinamento olfattivo” ovvero di “maleodoranze”, anche se il fenomeno è andato attenuandosi con l’installazione dei filtri Amis.
Passando alla questione della possibile incidenza dell’attività geotermica sulla salute il Tribunale ha osservato che “Anche i dati relativi alla maggiore mortalità nell’area geotermica sud rispetto alle aree limitrofe sono stati estrapolati dal convenuto da fonti scientifiche accreditate, quali lo studio epidemiologico pubblicato dalla Fondazione “Gabriele Monasterio” avente ad oggetto il periodo 2000 – 2006 (v. doc. 25 di parte convenuta), che ha visto impegnati medici, biologi e ricercatori del CNR di Pisa; da esso s’evince che nell’area geotermica sud c’è un numero di morti di sesso maschile superiore ai comuni limitrofi”.
In definitiva, conclude il Tribunale, “pur se la centrale può dirsi a norma, tuttavia il parlare di inquinamento e di sostanze tossiche non è certo impedito dal fatto che un’attività sia consentita dalla pubblica amministrazione, posto che la scelta di parametri da non superare è -con tutta evidenza- frutto di compromesso…”.

Merisio e Barocci di Sos Geotermia con l'avv. Ceciarini in conferenza stampa (foto Tirreno)

Merisio e Barocci di Sos Geotermia con l’avv. Ceciarini in conferenza stampa (foto Tirreno)

La sentenza del Tribunale di Grosseto va dunque presa, secondo questo comitato, come un autorevole richiamo a non trascurare le criticità per ambiente e salute insite nell’attività geotermica e giustifica le sollecitazioni e le preoccupate segnalazioni da esso ripetutamente fatte, col supporto di evidenze scientifiche, ad un maggiore e più attento ed incisivo controllo (preventivo e successivo) delle effettive conseguenze dannose di tale attività e ad un ripensamento del sistema di produzione energetica che, invece, in questi giorni lo stesso Presidente della Regione è tornato ad esaltare come “grande chance”.

L’Amiata ha già dato e pretende rispetto per il suo territorio e per i suoi abitanti i quali meritano di essere conosciuti in Europa per altri pregi e non per lo sfruttamento geotermico intensivo.

starace-tapiro

La “scivolosa” risposta dell’Enel su MaremmaNews e Amiatanews.it:

In riferimento alla sentenza del Tribunale di Grosseto nella causa civile di risarcimento danni da diffamazione promossa da Enel Green Power nei confronti di Pino Merisio, Enel Green Power precisa che la sentenza del Tribunale di Grosseto legittima il diritto di critica e la personale interpretazione dei dati dell’ARPAT fatta dal Merisio, in quanto in linea con la libertà di manifestazione del pensiero, ma ribadisce che “in definitiva la centrale è a norma”, essendo le emissioni geotermiche della centrale costantemente monitorate dall’ARPAT e assolutamente conformi alla legge. Enel Green Power ha gestito e gestisce gli impianti geotermici con la massima attenzione all’ambiente ed in applicazione dei migliori standard internazionali.

Leggilo su:

StampToscana

La Nazione (per leggere l’articolo scarica il pdf)
20161016_nazione-crop-titolo
Il Cittadino online

OrvietoSì

Radiogiornale.info

Il Tirreno (o scarica il pdf)
20161015_titolo-tirreno
MaremmaNews

OrvietoNews