La Regione Toscana si riscatti e fermi le centrali. Carlucci scrive a Rossi

Pubblichiamo la lettera aperta che Carlo Carlucci, che partecipa anche al coordinamento SOS Geotermia, ha scritto il 28 agosto us al presidente della regione Toscana Enrico Rossi.

Egregio Presidente,
nel caso la Valutazione di Impatto Ambientale ricevesse dalla Regione parere positivo è evidente che saremo costretti a ricorrere  in quanto ci sono tanti, troppi segnali sfavorevoli ( l’acqua ai minimi storici e che continua a calare malgrado le ultime annate di particolare piovosità, l’arsenico che aumenta, le risposte sulle emissioni fornite dall’ARS contorte e distorsive, etc.).
Nel caso invece fosse concesso un’ulteriore posticipo continueremo a batterci contro i giochi della scienza (degli specialisti), contro questi depositari di un ignoranza particolareggiata così come ebbe ad esprimersi il grande avv.Ascari, colui che finalmente ebbe ragione su Enel per il disastro del Vajont.
Ci batteremo contro l’anomalia tutta italiana del controllato che è anche il controllore.
E non a caso l’avv.Ascari fustigava nei primi anni ’70 la legge del profitto fine a se stesso,  la legge del profitto pronta a trovare le mille giustificazioni che la ‘scienza’ era disposta  a fornirgli.
Nel caso la Regione, ritornando sui propri passi, negasse una volta per tutte la possibilità di continuare con questa geotermia (che noi riteniamo assolutamente non sostenibile sull’Amiata e sul suo territorio) noi vorremmo partecipare attivamente all’individuazione delle scelte alternative.
Su una pregevole rivista amiatina, Amiata Storia e Territorio, lei (e un qualsiasi giudice) può constatare che tutte le invocazioni, i richiami, gli appelli al sostanziale principio di preoccupazione sono stati sostanzialmente, sistematicamente, disinvoltamente disattesi nel corso di questo quarto di secolo.
Non so se è vero quanto hanno riportato i giornali secondo i quali lei avrebbe definito di destra coloro che si oppongono all’inceneritore e alla nuova autostrada Grosseto-Civitavecchia… Sempre di più viene fatto ricorso (da una parte e dall’altra) a un linguaggio offensivo e riduttivo. In realtà privati cittadini, fuori da ogni calcolo egoistico, che sacrificano anni della loro vita in nome della difesa del loro territorio sarebbero tutt’altro che definibili con linguaggio denigratorio.
La prova evidente dell’anomalia protratta per la quale il controllato è sostanzialmente il controllore e gli organi di controllo (Arpat, Ars…) della Regione svolgono appena, col loro dire-non dire, una funzione sostanzialmente subalterna; questa prova è stata data nel confronto in Regione tra noi e i tecnici dell’Enel: a una serie di questioni pressanti e  fondamentali da noi sollevate, i tecnici Enel non hanno avuto di che rispondere.
Martini ha presieduto al Protocollo 2007 nel quale, secondo il principio del do ut des, si è consumato l’accordo con Enel e cioè il raddoppio della produzione geotermica in cambio di un aumento vertiginoso dei compensi per la Regione. Bagnore 3 priva di Via sarebbe stata indebitamente prorogata al 2013 e poi col colpo di mano (come chiamarlo altrimenti?) Enel/Scajola, fino al 2024. La dr.ssa Bramerini, per addolcire la nostra profonda delusione, ci disse che ove fossero emerse evidenze si sarebbe provveduto a chiudere anche centrali esistenti. Queste evidenze oggi ci sono.
Distinti saluti, Carlo Carlucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *