L’acqua diminuisce, ma le bugie aumentano. I dati sulle precipitazioni smentiscono Enel e amministratori pubblici

Tabella 12, studio Mobidic, pag.24: Precipitazioni annue 1990-2010

Abbiamo sempre detto che erano una bugia le giustificazioni dell’enel e degli amministratori pubblici che da sempre imputano la diminuzione dell’acquifero dell’Amiata alla minor piovosità; finchè il tutto era basato sulle percezioni personali di ciascuno hanno continuato imperterriti il ritornello ‘c’è meno acqua perchè ci sono meno piogge‘.
Ma, come si sa, le bugie hanno le gambe corte: con lo studio MOBIDIC, commissionato dalla stessa regione Toscana, sono stati resi pubblici i dati delle precipitazioni degli ultimi anni; ebbene gli anni 2008, 2009, 2010 sull’Amiata sono stati i più piovosi in assoluto e l’inverno 2011-2012 -anni non rilevati nello studio Mobidic- ha avuto le nevicate più cospicue rispetto agli ultimi anni (ed è cosa nota che lo scioglimento del manto nevoso garantisce la migliore ricarica dell’acquifero superficiale in quanto non vi è perdita da ruscellamento).
Ciononostante, come testimoniano i dati del piezometro di Poggio Trauzzolo, il livello dell’acquifero dell’Amiata è ulteriormente sceso solo nell’ultimo anno di altri 12 metri (*) e, considerato che la superficie del bacino dell’acquifero è ormai in proporzioni analoghe a quelle del lago di Bolsena, si può immaginare bene l’entità della ulteriore perdita.
Se quindi fosse vero quanto vanno favoleggiando avremmo dovuto assistere ad una risalita dell’acquifero anziché la perdita registrata.
Lo stesso studio Mobidic, pur non nominando mai il problema geotermia e la possibile interferenza con l’acquifero (non lo conoscono? è irrilevante? altri motivi?), nelle conclusioni rimane spiazzato nella valutazione e si trova in ‘difficoltà‘ nel capire perchè ‘…l’ampiezza delle oscillazioni (delle portate misurata alle sorgenti principali, ndr)  riprodotte risulta sottostimata. Ciò tende a suggerire che la variabilità climatica possa non essere l’unico fattore di controllo di tali oscillazioni, ma che possa potenzialmente giocare un ruolo anche una fluttuazione della pressione inferiore…’ (punto 4 delle Conclusioni, pag.66).
Evidentemente la diminuzione è da imputare ad altra causa e noi un sospetto ce l’abbiamo, ma chiediamo alla Regione e a tutti gli amministratori: sarà il caso di trovare la causa ‘reale’ della diminuzione dell’acquifero? Nel frattempo sarà il caso di sospendere cautelativamente quelle attività industriali che potrebbero interferire con lo stesso acquifero rischiando di lasciare l’Amiata e i 700.000 utenti che ne usufruiscono, senza acqua potabile?
Aggiungiamo queste domande e richieste a quelle sull’aumento della concentrazione di arsenico che abbiamo già rese pubbliche.
Riteniamo che non dare risposte a questi problemi sia da irresponsabili e chi oggi ha tra i suoi compiti quello della salvaguardia della salute e dell’ambiente o provvede immediatamente o è meglio che si dimetta.

(*) Rilevazioni del 21 luglio 2011 e del 21 luglio 2012. La prima misurazione indicava la superficie di falda a meno 290,66 metri, la seconda a meno 302,69; la falda si  abbassa mediamente di un metro al mese!  Le misurazioni avvengono circa ogni sei mesi: la prima (luglio 2011- febbraio 2012) aveva mostrato un abbassamento di sei metri; la seconda  (febbraio 2011-luglio 2012) di ulteriori sei metri.

La Nazione 1 settembre 2012
CONTRO Ambientalisti di nuovo all’attacco
«Geotermia, quanti guai alle falde»
RISORSE DATI ALLARMANTI DEGLI AMBIENTALISTI IN LOCALITÀ TRAZZUOLO
IL COORDINAMENTO dei Comitati ambientalisti della Provincia di Grosseto entra nel dibattito sulla carenza idrica. «Lo sfruttamento dall’Enel per produrre energia elettrica geotermica dice Angelo Properzi . Per molti anni Enel ha sostenuto che la nostra preziosa acqua è sana e salva, che la geotermia non la consuma, che il calo del suo livello nel bacino freatico è dovuto a fattori climatici e che non ci sia nessun collegamento tra questo bacino (che fornisce l’acqua potabile all’Acquedotto del Fiora e quindi per 3 province) e i pozzi geotermici. Questa dichiarazione è stata smentita clamorosamente dai dati del piezometro di Poggio Trauzzolo, l’unico piezometro i cui dati sono disponibili. Attendiamo, come da richiesta avanzata dalla stessa Regione che ne siano messi in disposizione 5 o 6». Poi i dati: «Si vede chiaramente che nonostante 3 anni di piovosità eccezionale, il livello del bacino freatico (già calato da 300 metri negli anni 70 fino a 90) si è abbassato altri 12 metri, e che cala un metro al mese. Lo studio Mobidic, commissionato dalla Regione stessa, è stato costretto ad ammettere che l’abbassamento di questo bacino non può essere solo dovuto a fattori climatici, ma che possa potenzialmente giocare un ruolo anche una fluttuazione della pressione inferiore». Questi dati smentiscono un altro mito cioè, quella attualmente prodotta dalle centrali esistenti e che l’Enel intende triplicare usando la stessa tecnologia, non è rinnovabile. «Perché? Perché l’elevato consumo di acqua non è compensato dalle precipitazioni chiudono gli ambientalisti , le emissioni di anidride carbonica sono maggiori di una corrispondente centrale idroelettrica».

Corriere di Maremma 30 agosto 2012
Il caso. Gli ambientalisti preoccupati i dati rilevati dal piezometro
Acqua, la falda si abbassa
AMIATA. Clima torrido e secco con gravissime conseguenze per la mancanza di acqua che ha quasi messo in ginocchio vaste zone della regione toscana. Sull’Amiata si tace. Ma le preoccupazioni non sono poche per i prossimi mesi. Lo stato dell’acquifero dell’Amiata è tenuto sotto osservazione dagli ambientalisti amiatini, ai quali non sono sfuggiti i più recenti dati (richiesti) relativi al piezometro regionale di Poggio Trauzzolo, i quali indicano che la superficie di falda si trova a meno 302,69 metri, mentre un anno fa era stata rilevata a 290,66 metri. Un dato preoccupante, poiché significa che in un anno (dal 21 luglio 2011 al 21 luglio 2012) la superficie piezometrica si è abbassata di 12 metri, con una decrescita costante. Come dimostrano per altro i dati della misurazione intermedia del febbraio 2012, che evidenziavano una diminuzione di circa sei metri. L’ulteriore calo degli ultimi mesi ha creato molta apprensione tra gli ambientalisti, i quali si aspettavano prudenzialmente una crescita della falda, favorita – secondo i loro ragionamenti – dalla ricarica che di solito avviene nel periodo febbraio-luglio. E, invece, nulla di fatto. A conferma per altro che “l’acquifero non reagisce alle fluttuazioni climatiche”. Come sembra avvalorare la tabella pluviometrica della relazione finale relativa allo studio Mobidic (il modello idrologico per il bilancio dei bacini idrografici e dell’acquifero del Monte Amiata), la quale definisce la piovosità dell’ Amiata negli ultimi tre anni (2008-2010) eccellente. Nel 2010 circa 2000 mm/anno, il massimo registrato in circa mezzo secolo ( i dati di partenza risalgono al 1965). L’inverno 2011, inoltre, è stato interessato da nevicate “storiche”, degne degli anni cinquanta. I recenti dati hanno sollecitato agli ambientalisti amiatini la formulazione di nuove osservazioni, che puntualmente sono state inviate ai soggeti deputati, relativamente alla procedura di via del progetto di Bagnore 4 (centrale geotermoelettrica- comune di Santa Fiora). La prima di queste recita: “considerato che i dati relativi alle precipitazioni meteoriche degli ultimi anni avrebbero dovuto far registrare una crescita del livello dell’acquifero, considerato che nello stesso periodo il prelievo ai fini potabili non è aumentato, a quale causa è attribuibile l’abbassamento registrato?”. La seconda osservazione, chiede: “Quali argomenti tecnici sono usati per escludere con certezza che l’abbassamento registrato dell’acquifero idropotabile non possa dipendere dalla ridotta pressione dei fluidi geotermici?”. La terza osservazione, infine, pone un quesito: “considerato che la falda idro potabile dell’Amiata è assimilabile a un unico sistema idraulico incapace di soddisfare tutte le esigenze della popolazione servita dall’Acquedotto del Fiora, quali iniziative si prevedono per garantire il mantenimento della risorsa idropotabile?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *