Monthly Archives: settembre 2015

Dopo quasi tre anni di silenzio, Rossi risponde ai comitati su geotermia e “aree sacrificabili”

rossi_impegnato_tetteIl presidente della regione, e aspirante segretario PD, Rossi prende carta e penna solo dopo che i social network riprendono un comunicato dei comitati del febbraio 2013

 

 

 

Amiata. Che la montagna dell’Amiata, ma anche altre aree limitrofe nella Toscana meridionale, siano ritenute territori “da sacrificare” per le esigenze di uno sviluppo delle centrali geotermiche e non solo, è implicito negli atti di governo della giunta regionale del presidente Enrico Rossi, il quale respinge minacciosamente – anche a nome della giunta – la definizione che gli viene attribuita, suffragato, come spesso accade, da un triste dazebao del Pd di Abbadia San Salvatore e da qualche sparuto fan di facebook.

In alcune delibere di giunta, infatti, come nella 810 del 2012 (approvazione verbale della conferenza dei servizi del 4 settembre 2012) e nella 58 del 2013 (approvazione protocollo di intesa di Enel) si parla chiaramente, nel primo caso, di ricadute delle sostanze emesse dalle centrali di Bagnore 3 e Bagnore 4 “in aree quasi del tutto non abitate” e, nel secondo caso, si definiscono le aree geotermiche della Toscana costituite da “16 comuni con una popolazione di circa 43.000 persone, pari all’1,2% del totale dei residenti regionali”. Come dire, avanti tutta con i soffioni, tanto gli eventuali danni sono irrisori!
Già in occasione del nuovo protocollo di intesa con Enel del gennaio 2013 (non solo geotermia, ma anche centrali termoelettriche, a biomasse e inceneritori nelle aree geotermiche toscane) SOS Geotermia aveva sottolineato quale concetto hanno i nostri governanti rispetto a noi, popolazioni indigene. “Risiedono nei distretti solo l’1,2% degli abitanti totali della Toscana, possono essere sacrificati per il radioso progresso”, scriveva in una nota stampa il coordinamento dei movimenti per l’Amiata. Ma nessuna smentita, nessuna replica dal governatore Rossi, non ancora in odore di segretario nazionale Pd (si è candidato nei giorni scorsi).
Il concetto di area da svendere ricompare anche nelle domande dei cittadini a Rossi in visita a Abbadia San Salvatore il 7 giugno 2012: “Perché la Regione Toscana ha deciso di sacrificare l’Amiata allo sviluppo geotermico, svendendo il territorio prima che all’Enel e oggi alle numerose società che si fiondano sulle risorse energetiche esclusivamente per fini speculativi?”.
Senza poi dimenticare come Rossi liquida la pericolosità delle emissioni geotermiche sulla salute dei cittadini all’indomani della pubblicazione dello studio Ars. “I 43.000 abitanti di queste aree (compresa anche la zona geotermica a nord) hanno un livello di salute in linea con la Toscana, che ha un livello di salute tra i migliori al mondo” (La Repubblica, 6 febbraio 2011). Mentre nel novembre dello stesso anno la giunta regionale chiede un nuovo studio epidemiologico per chiarire i legami tra le troppe morti e malattie e gli impianti geotermici.
E, inoltre, che cosa è se non da territorio sacrificabile individuare tout court la discarica di Poggio La Billa per lo smaltimento di rifiuti speciali in arrivo dalla Calabria; oppure la “scelta” di lasciare questo territorio in una situazione di isolamento dal resto della Toscana e dell’Italia a causa di una viabilità da “sud del mondo”, con ponti crollati o disastrati, strade con frane, traffico deviato o rallentato e gravissimi rischi di rimanere del tutto privi di vie di comunicazione. E, ancora, che cosa è se non da zona sacrificabile non intervenire sul governo al fine di sbloccare il patto di stabilità che impedisce di utilizzare le risorse restanti (13 milioni di euro) per la bonifica mineraria di estrema urgenza per la salute e l’economia della zona. Oppure non sostenere la ripresa di una economia diffusa (agricoltura, commercio, artigianato e turismo) e molto altro ancora.

Per discutere di tutto ciò e perché il governatore Rossi non si limiti a pontificare e lanciare proclami da Firenze, lo invitiamo sull’Amiata per un incontro pubblico con i comitati, la cittadinanza e, soprattutto, con i giovani perché si informi su cosa “pensano” e cosa “sognano” i giovani di un territorio che è alla ricerca di una giusta valorizzazione e di un riscatto.