Monthly Archives: agosto 2014

BAGNORE 3 e 4: UN AFFARE, SI’, MA SOLO PER L’ENEL

avvoltoio_bagnore4Sos Geotermia e Beni Comuni Grosseto replicano alle esternazione del Responsabile Geotermia di Enel Green Power Ing. Massimo Montemaggi apparse sulla stampa locale (leggi sotto).

Con la centrale Bagnore 4, l’Enel si appresta a condurre in porto un investimento di 123 milioni che ne renderà 50 (quasi puliti) ogni anno per decine d’anni (310 milioni di kw/anno che venduti all’utente finale rendono circa 52.7 milioni di euro), un vero bengodi anche per gli standard della coraggiosa imprenditoria italica, tutta concentrata nell’unico settore certamente remunerativo, quello dei servizi indispensabili, e quasi esclusivamente spartito sulla base delle “compagnie di merenda”.

Senza contare che su ogni kw prodotto con la geotermia, l’Enel acquisisce certificati verdi con i quali può mantenere in esercizio centrali a carbone senza pagare le penali previste dal protocollo di Kyoto (perseguendo il singolare risultato di inquinare gratis due volte).

Al territorio amiatino, di questi prodigiosi incassi, l’Enel lascia 0,8 milioni per i salari dei 20 assunti e 2.6 milioni di “compensazioni ambientali” (ma solo per i primi 10 anni), una percentuale risibile del fatturato (4,9%) se commisurato con le royalties che incassano nazioni nordeuropee per lo sfruttamento del sottosuolo (la Norvegia, per citarne una, arriva ad incassare il 93% del fatturato), ma da noi, si sa, quello che ai cittadini appare un bene collettivo, ai politici pare “roba di nessuno”, da regalare con munifica liberalità alla voracità privata.

Abbiamo sentito Montemaggi vantare 70 mila TEP (tonnellata equivalente petrolio) risparmiate all’ambiente, ma rimarchiamo che ha omesso di dire delle decine di migliaia di tonnellate di anidride carbonica liberate in atmosfera insieme a tutti gli altri inquinanti nonostante i decantati filtri Amis: arsenico, acido borico, ammoniaca, radon, antimonio, etc.; lo stesso raccontare che le emissioni “…sono comunque sostitutive di quelle naturali…” è una menzogna: dovrebbero infatti spiegarci come sarebbero uscite le tonnellate di vapori magmatici imprigionati a 4.500 metri di profondità senza l’aiuto delle trivelle!
Peraltro la favoletta della geotermia pulita è stata definitivamente smontata dallo studio Basosi/Bravi che equipara le emissioni delle centrali amiatine quasi a quelle a combustibili fossili (carbone, petrolio).

Quanto al “perfetto inserimento ambientale” all’interno di un Sito di Interesse Comunitario (SIC), di un Sito di Interesse Regionale (SIR), di una Zona di Protezione Speciale (ZPS), di una zona a massima pericolosità di frana (PF4), di una zona ad alta sismicità (Cat. 2), basta rileggersi il contributo istruttorio rilasciato dalla Soprintendenza di Siena: “…considerare una posizione meno invasiva e meno visibile dalla strada provinciale……valutando di modulare diversamente gli impianti per evitare una concentrazione visiva tra le due centrali…”, oppure molto più semplicemente farsi un giro verso il Monte Labbro per rendersi conto dello scempio causato da questo nuovo impianto.

Come si usa in Italia: i profitti vanno tutti ai privati (se ben relazionati con la politica) e a cittadini e territori, qualche briciola e tanto, irreparabile, disastro ambientale e sanitario.

Noi continueremo la nostra lotta per difendere il territorio e la salute, augurandoci un ravvedimento, anche se tardivo, degli amministratori che già oggi iniziano ad avere qualche ‘dubbio’, affinché si chiuda il capitolo tossico della geotermia industriale e si cominci a lavorare per uno sviluppo legato alle potenzialità che l’Amiata, fortunatamente, ancora offre.

—————-

La Nazione del 12 agosto 2014
Dopo la giornata geotermica Montemaggi fa il punto della situazione

Bagnore 4 pronta a creare energia «Ricadute economiche e occupazionali»
di NICOLA CIUFFOLETTI
IL PRIMO gruppo entrerà in funzione nelle prossime settimane e a fine anno sarà a regime anche il secondo. Sono nella fase finale i lavori per la realizzazione della centrale geotermoelettrica Bagnore 4 nei Comuni di Santa Fiora e Arcidosso. Intanto la centrale di Bagnore 3, già in funzione, e quella di Bagnore 4 hanno aperto i cancelli ospitando un’intera giornata di eventi, e nell’occasione è stato possibile visitare il cantiere aperto di Bagnore 4. «Il progetto prevede la realizzazione di due gruppi da 20 MW ciascuno, per una capacità totale di 40 MW, in grado di generare, a regime, fino a 310 milioni di chilowattora di energia all’anno, con un risparmio di 70mila Tep (tonnellate equivalenti di petrolio) così il responsabile Enel Green Power Massimo Montemaggi . La realizzazione della nuova centrale che, con perfetto inserimento ambientale, affiancherà quella di Bagnore 3 da 20 MW, richiederà un investimento totale di circa 123 milioni di euro». Poi Montemaggi e indica tre aspetti fondamentali di Bagnore 4, contributo energetico al territorio, quello occupazionale e infine il contributo economico: «Il primo aspetto importante è che Bagnore 4 apporterà un contributo energetico notevole alla popolazione. Già oggi lo stabilimento di Grandi Salumifici che si trova a Bagnore riceve calore gratis dalla nostra centrale di Bagnore 3, questo fatto deve invogliare altre aziende ad investire in questo territorio. Secondo aspetto continua Montemaggi è quello occupazionale. Il 35% circa del nostro lavoro è sulle imprese locali. la centrale di Bagnore 4 che presto entrerà in funzione prevede assunzioni per circa 20 unità amiatine. Terzo contributo infine è quello economico. Per le amministrazioni di Santa Fiora e Arcidosso c’è un contributo economico di 2.6 milioni per 10 anni, certo vincolati e da spendere in attività produttive». In questa fase compito di Enel e Regione è trasferire alle imprese locali il know how di Enel sul territorio circostante: «Enel Green Power è impegnata anche con le amministrazioni locali per sostenere un percorso di sostegno e di trasferimento di know how per la nascita di imprenditoria locale ad alta specializzazione nei settori della meccanica e dell’automazione, con l’obiettivo di incrementare le ricadute sul territorio e l’occupazione indiretta dell’indotto geotermico». Tutti i materiali utilizzati sono made in Italy: Bagnore 4 rientra nel piano di investimenti quinquennale che dal 2014 al 2018 vede Enel Green Power investire nella geotermia toscana 670 milioni, di cui circa il 50% hanno ricadute locali. Altrettanti investimenti (oltre 700 milioni) sono previsti dal 2019 al 2023.

Il Tirreno del 12 agosto 2014
Bagnore 4, il via a fine settembre
Prosegue la costruzione della centrale geotermica dell’Enel
di
Fiora Bonelli
SANTA FIORA Durante l’evento delle centrali geotermiche aperte che si è tenuto a Bagnore sabato scorso, è stato illustrato lo stato dei lavori della nuova centrale di Bagnore 4, nei comuni di Santa Fiora e Arcidosso. Il progetto, targato Enel Green Power, prevede la realizzazione di due gruppi da 20 Megawatt ciascuno, per una capacità installata totale di 40 Megawatt, in grado di generare a regime fino a 310 milioni di chilowattora di energia all’anno, con un risparmio di 70mila Tep (tonnellata equivalente di petrolio). La realizzazione della nuova centrale che andrà ad affiancare quella di Bagnore 3 da 20 Megawatt, richiederà un investimento totale di circa 123 milioni di euro. Attualmente, nel cantiere operano 130 persone delle ditte mentre a regime la Centrale di Bagnore 4 occuperà circa 40 persone tra addetti diretti e indiretti. Tra la fase di progettazione con l’ingegneria interna ed esterna e quella operativa, le ore lavoro ammontano a 157mila di cui 121mila in cantiere. La realizzazione della centrale procede secondo i tempi previsti; la costruzione dell’impianto, così come la fase di montaggio della componentistica e delle opere accessorie sono terminate. Sono attualmente in corso alcuni lavori di completamento, le opere di finitura e di sistemazione architettonica, a partire dal percorso turistico accessibile tutto l’anno che consentirà ai visitatori di scoprire la geotermia senza bisogno di guide. Nei mesi di agosto e settembre sono in programma le prime prove dell’impianto tese a verificare le funzionalità dei macchinari e dei vari sistemi di sicurezza. Bagnore 4, ribadiscono i vertici di Enel Green Power, è stata progettata tenendo conto dei migliori standard a livello mondiale e delle migliori tecnologie disponibili da un punto di vista ambientale. L’impianto sarà dotato di un sofisticato sistema di monitoraggio e tele diagnostica. «Il primo gruppo – spiega Enel – dovrebbe entrare in produzione a fine settembre/inizio ottobre, mentre l’altro entro fine anno. Le emissioni complessive di Bagnore 3 e di Bagnore 4, che sono comunque sostitutive di quelle naturali, saranno inferiori a quelle attuali di Bagnore 3 perché Bagnore 4 avrà due impianti Amis più l’impianto Amis rinnovato di Bagnore 3 più un impianto innovativo di abbattimento di ammoniaca: in ogni caso, utilizziamo l’ammoniaca anche per il processo chimico dell’Amis quindi alla fine non ci sono reflui, dalle torri di raffreddamento esce vapore e l’acqua viene reiniettata per mantenere in equilibrio il ciclo. Prendiamo vapore dal pozzo di Bagnore 25, che si trova nel territorio comunale di Arcidosso (mentre la Centrale è nel perimetro comunale di Santa Fiora). Ogni perforazione arriva a circa 4.500 metri di profondità ed è foderata di cemento per ben tre volte, motivo per cui è tecnicamente più che impossibile ogni contatto con falda acquifera che comunque sta a circa 500 metri di profondità».

==============================================================

Il Cittadino online del 18 agosto 2014
“Geotermia: proventi ai privati, danni ai cittadini”
Beni Comuni e Sos Geotermia: “Bagnore 3 e 4 un affare solo per Enel”
…segue ns. comunicato

La Nazione del 17 agosto 2014
ARCIDOSSO I MOVIMENTI CONTRO LA GEOTERMIA RISPONDONO A MONTEMAGGI
«Centrali, affare solo per Enel»
I comitati decisi a portare avanti la battaglia in difesa del territorio
di NICOLA CIUFFOLETTI
SI LEVANO forti e unite le voci contro Enel Green Power. Alla protesta di «Sos Geotermia» si aggiunge anche quella di «Beni Comuni Grosseto». Con tono duro, i gruppi replicano alle esternazioni che il responsabile geotermia di Enel Green Power, ingegnere Massimo Montemaggi ha rilasciato qualche giorno fa in merito alle centrali del colosso energetico. «Bagnore 3 e Bagnore 4 sono un affare solo per Enel sostengono con forza i cittadini . Tanto per capirsi, con la centrale Bagnore 4, l’Enel si appresta a condurre in porto un investimento di 123 milioni che ne renderà 50 (quasi puliti) ogni anno per decine d’anni (310 milioni di kw/anno che venduti all’utente finale rendono circa 52.7 milioni di euro), un vero bengodi anche per gli standard della coraggiosa imprenditoria italica, tutta concentrata nell’unico settore certamente remunerativo, quello dei servizi indispensabili». Sos Geotermia va oltre, critica anche i certificati verdi di Enel: «l’Enel acquisisce certificati verdi con i quali può mantenere in esercizio centrali a carbone senza pagare le penali previste dal protocollo di Kyoto. Dei prodigiosi incassi, continua il comitato l’Enel lascia 0,8 milioni per i salari dei 20 assunti e 2.6 milioni di compensazioni ambientali (ma solo per i primi 10 anni), una percentuale risibile del fatturato (4,9%) se commisurato con le royalties che incassano nazioni nordeuropee per lo sfruttamento del sottosuolo, la Norvegia, per citarne una, arriva ad incassare il 93% del fatturato. Abbiamo sentito Montemaggi vantare 70 mila TEP (tonnellata equivalente petrolio) risparmiate all’ambiente, ma rimarchiamo ribattono che ha omesso di dire delle decine di migliaia di tonnellate di anidride carbonica liberate in atmosfera insieme a tutti gli altri inquinanti nonostante i decantati filtri Amis: arsenico, acido borico, ammoniaca, radon, antimonio. Quanto al perfetto inserimento delle centrali nel contesto amiatino dicono: le centrali sono all’interno di un Sito di Interesse Comunitario (SIC), di un Sito di Interesse Regionale (SIR), di una Zona di Protezione Speciale (ZPS), di una zona a massima pericolosità di frana (PF4), di una zona ad alta sismicità (Cat. 2)». La battaglia di Sos Geotermia e di Beni Comuni Grosseto continua «per difendere il territorio e la salute, augurandoci un ravvedimento, anche se tardivo, degli amministratori che già oggi iniziano ad avere qualche dubbio’, affinché si chiuda il capitolo tossico della geotermia industriale e si cominci a lavorare per uno sviluppo legato alle potenzialità che l’Amiata, fortunatamente, ancora offre».

Contropiano.org del 15 agosto 2014
Bagnore 3 e 4: un affare, si, ma solo per l’Enel
…segue ns. comunicato

CortoCircuito del 15 agosto 2014
GROSSETO – LA CENTRALE GEOTERMICA A BAGNORE 3 E 4 È UN AFFARE, MA SOLO PER ENEL
…segue ns. comunicato

Il Tirreno del 15 agosto 2014
BAGNORE 4 A CHI I PROFITTI A CHI I VELENI
…segue ns. comunicato

Il Giunco.net del 14 agosto 2014
Movimenti per l’Amiata: «Bagnore 4, un affare? sì ma solo per Enel»
…segue ns. comunicato

————————————————

Enel risponde:

La Nazione del 20 agosto 2014
SANTA FIORA.  ENEL RIBATTE AI COMITATI METTENDO SUL PIATTO LE CIFRE REALI
«Centrale Bagnore 4, parlano i numeri La geotermia porta denaro sul territorio»
 IMPIANTI Potranno diventare attrazione per un turismo attento a innovazione e territorio
 di NICOLA CIUFFOLETTI
L’ULTIMO intervento dei comitati contro la geotermia in Amiata ha suscitato la replica di Enel Green Power. La multinazionale ribatte a Sos geotermia e a Beni Comuni Grosseto, intervenuti contro il nuovo insediamento geotermico di Bagnore 4 e cerca di fare chiarezza su guadagni economici, ambiente, lavoro ed inquinamento. «I benefici che porterà ad Enel il progetto di Bagnore 4 non sono certo quelli eccezionalmente fantasiosi riportati in alcuni interventi di questi giorni» replica l’azienda. «L’energia elettrica viene oggi venduta alla borsa dell’energia a prezzi che sono varie volte inferiori al prezzo di vendita dell’energia ai clienti finali e l’incentivo per la produzione rinnovabile geotermica è stato ridotto di oltre il 70%. Enel trarrà da questo importante investimento un’equa redditività, così come da altri progetti realizzati in Italia e nel mondo, per dare, a fine anno, un utile ai suoi azionisti, che è poi uno degli scopi delle imprese industriali». In relazione alle questioni ambientali a Bagnore 4 sono state messe a punto tecnologie che abbattono l’inquinamento: «Preme sottolineare che l’impianto di Bagnore 4 sarà dotato delle migliori tecnologie disponibili in campo ambientale. A guadagnare dall’intervento Bagnore 4 di Enel Green Power comunque è anzitutto il territorio amiatino. Le imprese, infatti, sono state fortemente coinvolte nell’esecuzione delle opere e lo saranno ancora negli anni futuri essendo oramai entrate nelle rose delle imprese qualificate di Enel; questo a beneficio dell’occupazione e dell’economia complessiva dell’area». Numeri alla mano, ribadisce ancora Enel: «Abbiamo assunto negli ultimi 12 mesi oltre 20 giovani residenti in Amiata, portando ad oltre 80 il numero complessivo dei propri dipendenti attivi, con residenza nei comuni amiatini». Poi la difesa si sposta sulle concessioni geotermiche, argomento molto discusso dai comitati di protesta: «Le amministrazioni interessate dalle concessioni geotermiche potranno disporre nei prossimi 10 anni di oltre 39 milioni di euro, da utilizzare come fondo per il supporto allo sviluppo occupazionale e turistico, mentre ulteriori importanti contributi legati alla produzione geotermica potranno migliorare sensibilmente i bilanci comunali, a beneficio di tutta la cittadinanza». Bagnore 4 non solo centrale geotermica ma anche attrazione turistica: «L’impianto sarà dotato di un suggestivo percorso turistico, liberamente fruibile, che consentirà di vedere da vicino la centrale conclude Enel insieme alla bellezza naturale della valle e dei luoghi circostanti».