Tag Archives: fabio zita

Centrale geotermica di Bagnore 4, dopo le “rivelazioni” dell’arch.Zita: DA 4 ANNI NOI LO SAPEVAMO E LO DENUNCIAVAMO!

20150615_bagnore 3 e 4Le dichiarazioni dell’arch. Fabio Zita durante la giornata di mobilitazione “Geotermia: Focus Toscana” indetta dalla rete NoGesi a Firenze hanno senza dubbio del clamoroso, perché aggiungono particolari, che, se confermati, coinvolgono la Giunta Regionale.
Di certo non colgono di sorpresa Sos Geotermia, che segue da anni la vicenda, e che a suo tempo aveva già denunciato pubblicamente le procedure omissive seguite nell’esame della VIA sulla megacentrale di Bagnore 4 che, affiancandosi all’esistente Bagnore 3, ne triplicava la potenza, da 20 a 60 MW, e –di conseguenza- le emissioni (leggi QUI e QUI).

Ma le nostre denunce, come sempre, sono nei palazzi oggetto di censure, scarsa considerazione, quando non proprio di attacchi denigratori e accuse di “allarmismo” e “terrorismo”. C’è da puntualizzare che nessuno dei soggetti da noi indicati ha mai pensato di portare dinanzi alla Magistratura le questioni da noi sollevate… A questo abbiamo però rimediato noi: infatti a gennaio del 2015, il Forum Ambientalista di Grosseto, ha presentato un dettagliato esposto alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Grosseto nel quale, tra le altre cose, c’è il preciso svolgimento di quanto avvenuto nel 2012 nell’ambito della VIA su Bagnore 4 (che riportiamo di seguito).

Ci auguriamo e siamo fiduciosi che, anche a seguito dello “scandalo” sollevato delle dichiarazioni dell’arch.Zita, finalmente ci sia un deciso intervento della Magistratura, fermo restando che ormai i responsabili della vicenda, dai tecnici ai vertici politici fino al governatore Rossi, da noi ripetutamente avvisati del contenuto dello Studio CNR/ARS del 2010, Allegato 6, non sono più legittimati nei loro ruoli, per aver dimostrato di non rispettare l’art.3 della Costituzione Repubblicana, e dovrebbero dimettersi. Altrettanto ci aspettiamo dai Sindaci delle aree interessate che, anch’essi da noi informati perché responsabili della salute pubblica, fino a ieri (stra)parlavano di sole emissioni di “vapor d’acqua”, nulla hanno mai fatto in questi anni ed oggi le popolazioni residenti in quei comuni iniziano a protestare per le continue emissioni che rendono l’aria irrespirabile.

Penose sono infine le argomentazioni usate dal Direttore dell’ARS, che, mentre smentisce se stesso e il contenuto del suo primo parere, si limita ancora oggi a disquisire sull’areale di ricaduta dell’idrogeno solforato, quando nulla ha detto e dice sulle emissioni cancerogene in Amiata di Mercurio e Arsenico o dell’Ammoniaca, precursori delle Pm 2,5, che vengono trasportate a decine di Km di distanza e producono annualmente danni sanitari valutati in ambito comunitario in centinaia di milioni di euro.

Forum Ambientalista – Sos Geotermia

———————————————————

In merito alla questione del trasferimento dell’arch.Zita e della revoca delle deleghe all’allora assessora Bramerini, ricordiamo come su tale vicenda già era noto il collegamento con la VIA per la centrale di Bagnore 4; proprio la Bramerini lo confessò ai pm ai tempi dello scandalo della TAV toscana.
NOI LO DENUNCIAMMO SUBITO. (clicca e leggi)

——————————————————–
Segue lo Stralcio dell’esposto presentato alla Procura della Repubblica e scaricabile qui:

Le omissioni sulle mancate valutazioni dello stato di salute delle popolazioni in Amiata, in sede di Valutazione di Impatto Ambientale della nuova centrale Bagnore 4 e la manipolazione dei relativi pareri istruttori in merito allo stato sanitario.

Nonostante i dati allarmanti registrati nei paesi sedi di impianti geotermici dell’Amiata, dati noti alla Giunta regionale, pur nelle diverse quantificazioni assolute, a seconda dell’estensione territoriale di riferimento, è stata autorizzata nel 2012, come già ripetuto, la costruzione di una nuova centrale, di nome Bagnore 4 a Santa Fiora, da 40 MegaWatt, doppia di quella già installata a Bagnore 3.
La procedura autorizzatoria per Bagnore 4, per le caratteristiche pericolose dell’impianto proposto da Enel, ha richiesto la Valutazione di Impatto Ambientale (di seguito VIA), assegnata dalle norme alla Regione Toscana. In tale procedura è stata realizzata sia una omissione molto evidente delle norme nazionali e regionali, sia una vera alterazione dei pareri espressi.
In premessa è necessario ricordare che l’oggetto della Valutazione di Impatto Ambientale non è mai un impianto a sé stante, ma l’ambiente, che deve sostenere il nuovo impianto. Cioè, con la procedura di VIA si deve verificare, in un dato territorio, la capacità dell’ambiente e della popolazione di sostenere le ulteriori emissioni, previste con l’avvio di un nuovo impianto pericoloso. In Amiata, stante i dati sanitari accertati, c’è stata, come dimostreremo di seguito, una violazione delle norme, autorizzando ulteriori immissioni nell’ambiente degli stessi inquinanti accertati come responsabili degli eccessi di mortalità.
Le norme, sia nella legislazione nazionale che nella Legge Regionale di riferimento per il caso in esame, la L.R. 79/98, essendo la procedura iniziata nel 2005, prevedono che la VIA debba avere la salute umana tra gli obiettivi di salvaguardia e di tutela e che lo Studio di impatto Ambientale (di seguito SIA), presentato dal proponente l’impianto, debba valutare lo stato sanitario della popolazione coinvolta, prima che il nuovo impianto entri in funzione e quello conseguente alle nuove emissioni prodotte dal nuovo impianto da autorizzare. Tale contenuto ovviamente è stato confermato nella successiva legislazione regionale del 2010, oggi vigente per le procedure autorizzative, avviate dopo tale data.
Ricordiamo che, coerentemente al suddetto obiettivo, nell’allegato C della legge regionale, che disciplina il contenuto del SIA, viene fatto esplicito e dettagliato riferimento agli aspetti sanitari di impatto sulla popolazione. Nelle Norme Tecniche di attuazione della L.R. 79/98, delegate dalla stessa legge alla Giunta Regionale, vengono dettagliate in maniera puntuale i contenuti della valutazione sulla salute dei residenti. L’articolo 22 della L.R. 79/98 (Disposizioni attuative delle procedure), punto 1. cita: “La Giunta regionale approva, con apposita deliberazione, le”linee/guida” e le specifiche norme tecniche di attuazione delle disposizioni di cui al presente titolo, con particolare riguardo: a) ai criteri ed ai metodi per l’effettuazione delle procedure disciplinate dall’art. 11 e seguenti”. La conseguente Delibera di Giunta regionale n° 1069 del 20.09.1999 ha approvato e pubblicato il testo delle “Norme tecniche di attuazione” sulla VIA, pubblicate nel sito Ufficiale della regione Toscana. Tali Norme sono anche oggi visibili sul sito Ufficiale della Regione, nella pagina dedicata alle procedure di VIA, sotto la voce “Norme tecniche (1999)”….
Tutto quanto sopra, previsto e riportato dalle norme sull’analisi preliminare dello stato di salute della popolazione nel cui territorio deve essere realizzato un nuovo impianto da sottoporre a VIA, è assente sia nello Studio di Impatto Ambientale che nelle integrazioni presentate successivamente da Enel e, ciò nonostante, la Regione Toscana ha espresso parere favorevole alla realizzazione del nuovo impianto non richiedendo all’Enel di sanare la lacuna.
L’assenza di tale valutazione sulla salute della popolazione era nota alla Regione Toscana. Infatti anche nel corso del Contraddittorio in sede di VIA, effettuato il 18 luglio 2012 tra Enel, Regione Toscana ed i cittadini, che avevano presentato Osservazioni alla procedura di VIA, l’ ENEL ha sostenuto che non c’era la necessità di compiere valutazioni sanitarie. Nel Verbale di tale Contraddittorio (1) alla domanda n°5 del gruppo consiliare “Prospettiva comune “ di Piancastagnaio, che chiedeva al rappresentante di ENEL il motivo per cui nello SIA non c’è una valutazione sanitaria, il rappresentante di ENEL risponde: “L’assenza dello Studio di Impatto Sanitario nella documentazione presentata è legata al fatto che il procedimento di VIA è stato avviato ai sensi della L.R.79/98”:…
Come abbiamo visto sopra, la L.R. 79/98 richiede una valutazione sanitaria puntuale , ma la Regione Toscana, pur informata dalle Osservazioni dei cittadini, non ha rilevato e segnalato al proponente tale carenza, mentre la stessa Regione avrebbe dovuto dare una risposta nel merito, positiva o negativa, a tutte le Osservazioni presentate. Adempimento che non c’è stato. Sia l’Enel che la Regione Toscana invece non rispondono alla Osservazione della mancata valutazione dello stato sanitario della popolazione e neppure alle domande successive, in particolare alla n° 8, che, in riferimento ai contenuti dell’Allegato 6 allo studio ARS-CNR, poneva una Osservazione oggettivamente inquietante: “Essendo riconosciuta nei comuni geotermici come vera la relazione tra l’aumento notevole di mortalità in funzione di concentrazioni crescenti di arsenico, mercurio, acido solfidrico ecc.; essendo ritenuta ancora come vera l’esistenza di emissioni significative di arsenico, mercurio, acido solfidrico ecc. dalle centrali geotermiche dell’Amiata, il Proponente non ritenga vera anche la seguente conclusione: che l’incremento delle malattie e mortalità sull’Amiata sia dovuto anche alle emissioni delle centrali geotermiche?”.
Ma nel procedimento autorizzatorio non si è trattato solamente di aver compiuto consapevoli omissioni su una parte centrale della VIA.
Infatti, in sede di procedimento istruttorio per la VIA, anche l’ARS ha rilasciato, in due momenti, il suo parere alla struttura tecnica della Regione Toscana che ha istruito la pratica e formulato il suo parere alla Giunta Regionale per la definizione della VIA. Nel primo parere ARS del 31 maggio 2012 (2) a pagina 3 si legge, a proposito dello SIA dell’Enel: “Ma, aldilà di tali errori oggettivi, l’intero paragrafo dedicato agli aspetti sanitari appare poco esplicativo e non adeguato per descrivere lo stato di salute delle popolazioni potenzialmente interessate alla costruzione della nuova centrale”. Nel secondo parere del 18 giugno 2012 (3) a conclusione di pagina 5, si legge che “L’ARS conferma tutte le affermazioni e conclusioni della prima nota…”. Questa valutazione è stata ribadita anche in occasione del confronto di cui al punto 2 sopra. Infatti il dott. Cipriani rispose a precisa domanda (tempo della suddetta registrazione: 1h 57′ 50”) che il parere dell’ARS in sede di VIA alla Regione è stato decisamente negativo: “una industria grande come Enel non può permettersi una sciattezza nella presentazione dei dati sanitari” definiti dal dott. Cipriani anche “superficiali” e “non accettabili”.
Anche il parere conclusivo rilasciato il 4.1.2012 in sede di VIA alla Regione Toscana dalla AUSL 9 di Grosseto dal dott. Boncompagni (4) riaffermava che: “Visti i nostri precedenti contributi istruttori:…si ritiene che integrazioni prodotte non affrontino adeguatamente quanto evidenziato nei contributi istruttori sopra citati per quanto attiene ai punti di nostra stretta competenza ed inerenti agli aspetti igienico sanitari concernenti atmosfera e suolo, rumore, campi elettromagnetici e viabilità. In particolare si esprimono le seguenti Osservazioni:
Atmosfera e suolo: a nostro parere occorre valutare l’impatto nel tempo degli inquinanti, derivante dal fall out delle emissioni che determinano l’accumulo progressivo al suolo delle diverse specie chimiche nel corso degli anni, conseguenti alle emissioni in atmosfera dell’impianto. E’ quindi necessario valutare le ipotesi di scenario ambientale al momento della dismissione dell’impianto (tenendo conto della vita presumibile per la centrale in questione) calcolando la concentrazione dei principali inquinanti nel suolo…Inoltre si ribadisce la necessità di valutare l’impatto cumulativo dei singoli elementi chimici tossici, in quanto ancorché presenti in concentrazione singola nei limiti della norma, potrebbero rappresentare un rischio sanitario non trascurabile se considerati in termini di carico complessivo.”
Di quest’ultima necessità, prevista dalla legislazione (L.R. 79/98) e segnalata anche dalla AUSL , oltre che nelle Osservazioni dei cittadini, non c’è traccia nella documentazione presentata dal proponente Enel. Il dott. Cipriani, direttore dell’ARS, in occasione del confronto realizzato a Santa Fiora il 17 giugno del 2013, quindi dopo che era stata conclusa la VIA (come vedremo nel settembre 2012), ha confermato, come riferito al punto 2 sopra, che: “sulla valutazione cumulativa ci stiamo lavorando solo ora”.
Quindi la Regione Toscana era consapevole che la parte fondamentale e centrale dello Studio di impatto Ambientale, quello sulla salute della popolazione, era “poco esplicativo e non adeguato”, secondo i pareri di competenza dell’ARS e AUSL. La Regione Toscana era anche consapevole che lo Studio dell’ARS-CNR ha sicuramente messo in evidenza una situazione ambientale ad alto rischio sanitario in Amiata, anche se, come scrive la stessa ARS nel suo parere in sede di VIA (2) a pagina 6 :”la ricerca di ARS- CNR non può essere considerata una valutazione di impatto sanitario che presuppone l’utilizzo di metodi di analisi diversi ed adeguati allo scopo”. Infatti, tale Studio non ha potuto dimostrare con certezza che la provenienza degli inquinanti responsabili delle patologie già accertate sia quella delle centrali già esistenti, avendo utilizzato i dati sanitari aggregati dell’intero territorio comunale e non in funzione della distanza crescente dagli impianti geotermici dei residenti colpiti dalle gravi patologie.
Quindi, nonostante il quadro istruttorio che ha evidenziato una carenza fondamentale di analisi sanitarie sulla popolazione, analisi ritenute non“adeguate” ed “esplicative”; nonostante lo studio ARS-CNR che, se non segnala la stretta relazione tra eccessi di mortalità e geotermia, tuttavia segnala senza ombra di dubbio un inquinamento ambientale già grave in Amiata, da cui deriva alla popolazione un rischio molto elevato per la presenza di inquinanti quali mercurio, arsenico, acido solfidrico ecc. (vedi Allegato 6 allo studio CNR-ARS scaricabile qui), prodotti anche dalle centrali geotermiche, è stata autorizzata la realizzazione di un impianto che incrementa l’emissione degli stessi inquinanti.
Il dott. Cipriani sapeva benissimo, come ha affermato in occasione dell’incontro rammentato al punto 2 sopra, che allo stato attuale mancano quelle verifiche scientifiche che possano escludere la geotermia dalle concause dell’eccesso di malattie registrate in Amiata. Infatti, a precisa domanda, se poteva escludere le attuali emissioni geotermiche dalle cause dell’eccesso di mortalità, ha risposto: “Non lo possiamo escludere in senso eziologico” e alla domanda, se conosceva quali fossero le cause dello stesso eccesso, ha risposto ”non lo sappiamo”. Pertanto, per il ruolo che l’ARS ricopre, nei suddetti pareri espressi alla Regione, oltre al giudizio chiaramente negativo sulle analisi sanitarie eseguite dal proponente l’impianto, si sarebbe dovuto sottolineare e dare il quadro dello stato sanitario della popolazione amiatina preesistente al nuovo impianto, così come è emerso dallo studio ARS-CNR. Invece, come abbiamo visto, il direttore Cipriani ha dato in altra sede (nelle Conferenze Stampa ai Sindaci, come detto sopra) una valutazione “rassicurante” dello stato sanitario emerso dallo Studio epidemiologico, favorendo oggettivamente, come di seguito dimostreremo, la manipolazione della valutazione sull’impatto sanitario, avvenuta in sede di Conferenza dei Servizi decisoria sulla VIA. Infatti a Verbale della Conferenza dei Servizi sulla VIA di Bagnore 4 del 4 settembre 2012, decisiva per la valutazione definitiva che esprimerà la Giunta Regionale a distanza di pochi giorni, non si riporta il parere comunque negativo dato da ARS e AUSL sulle analisi sanitarie presentate da ENEL, ma a pagina 5, penultimo capoverso (7), nell’unico riferimento del suddetto Verbale all’impatto sanitario, si riportano frasi marginali, dal contenuto molto discutibile, dalle quali si evince che l’ARS avrebbe escluso impatti sanitari, il che, come visto sopra, non corrisponde al vero.
Quindi tale Verbale altera oggettivamente la valutazione sull’impatto sanitario prodotta in sede di VIA dall’ARS e dall’AUSL e inoltre non riporta il fatto che il proponente ENEL abbia ritenuto che una valutazione sanitaria non fosse prevista dalle norme. Tutto ciò è aggravato dal fatto che tale Verbale, mentre da una parte non riporta i suddetti pareri conclusivi dell’ARS e dell’AUSL, chiaramente negativi, sulla validità degli studi compiuti di carattere sanitario dall’Enel e sulla parzialità dello studio ARS-CNR, dall’altra, per escludere impatti sanitari significativi, si riportano valutazioni fatte da Enel e riportate da ARS circa le “ricadute su aree quasi disabitate” degli inquinanti, areale disconosciuto da Arpat…. Ricapitolando sulla procedura di VIA per Bagnore 4:
1. non risulta vero che non esiste una regolamentazione dei contenuti della valutazione sanitaria, ritenuti necessari dalla L.R. 79/98, nello SIA;
2. risulta che non è stato prodotto nel SIA e nelle successive integrazioni ENEL in sede di VIA un’analisi “accettabile” dell’impatto sulla salute della popolazione soggetta alle emissioni;
3. mancano, come è chiaramente dettato dalle Norme Tecniche della L.R. 79/98 , ogni riferimento all’integrazione tra i vari fattori inquinanti e la descrizione dei probabili effetti rilevanti sulla salute dovuti all’azione cumulativa dei vari fattori inquinanti, già registrati sul territorio e quelli che si avranno con l’esercizio del nuovo impianto;
4. non è stato segnalato dall’ARS in sede istruttoria alla Regione Toscana lo stato di grave situazione sanitaria esistente in Amiata, comunque emerso dallo studio epidemiologico del 2010, che pur non avendo previsto verifiche per poter accertare le correlazioni tra emissioni geotermiche e la distanza dagli impianti dei residenti colpiti da malattie, ha comunque evidenziato una correlazione certa tra incrementi notevoli di rischio di mortalità e inquinanti emessi anche dalle centrali geotermiche, dando invece, contemporaneamente e in altra sede, parere di una situazione sanitaria “rassicurante” in Amiata;
5. A Verbale della Conferenza dei Servizi decisoria sulla VIA di Bagnore 4 sul tema dell’impatto sanitario viene riportato un parere opposto a quello espresso in sede istruttoria dall’ARS e AUSL.
A conclusione di ciò la popolazione in Amiata sarà chiamata a sopportare altre emissioni di inquinanti, già segnalati, in particolare nell’Allegato 6 allo studio CNR-ARS, come responsabili dei gravi rischi sanitari registrati.

Note:

(1) – Verbale del Contraddittorio del 18 luglio 2012 del Settore VIA della Regione Toscana – Direzione Generale della Presidenza, a firma del presidente Paolo Baldi. Quesiti e risposte al rappresentante del gruppo consiliare “Prospettiva comune “ del Comune di Piancastagnaio;
(2) – ARS Toscana, Contributo di ARS – “Osservatorio di Epidemiologia al procedimento di VIA…Bagnore 4”, prot. n°1141 del 31.05.2012 a firma del dott. F. Cipriani;
(3) – ARS Toscana, “Nota integrativa al Contributo di ARS del 31.05.2012 per la VIA …Bagnore 4”, prot. n°1265/SC del 18.6.2012 a firma del dott. F.Cipriani;
(4) -Azienda USL 9, “Procedimento di VIA…Bagnore 4….Richiesta di contributo istruttorio su documentazione integrativa volontaria…” prot. n° 19 del 04.01.2012 a firma del dott. G. Boncompagni e ing. G.Savelli;
(5) -.Regione Toscana, Direzione Generale della Presidenza, Settore VIA, Conferenza dei Servizi del 4 settembre 2012, “Procedimento di VIA…Bagnore4…”, presieduta dalla dott.ssa Paola Garvin;