Tag Archives: magma energy

Gita in Germania per i comuni interessati alla geotermia, tutto spesato dalla rete Geotermica

Proprio come le gite di due giorni dei venditori di pentole, la Rete Geotermica porta in gita gli amministratori locali. Noi non compriamo niente, grazie.

 

 

La Rete Geotermica, rete di società per azioni che hanno lo scopo di realizzare impianti per la produzione di elettricità sfruttando i vapori geotermici, propone agli Amministratori dei Comuni geotermici e dei Comuni ad essi limitrofi, chiamati a indicare alla Regione Toscana quali aree del proprio territorio comunale sono idonee a sopportare tali impianti, una visita in Germania agli impianti geotermoelettrici a ciclo binario costruiti a 20 km a sud di Monaco di Baviera.

Siamo stati invitati anche noi, ma non andremo per i seguenti motivi:

1- la scelta di caratterizzare i territori come aree industriali è una scelta che deve passare attraverso un’analisi attenta dei Costi e Benefici per la collettività, specie quando questa ha da tempo investito in attività economiche antitetiche a quelle industriali.
Se si ragiona sui numeri della realtà oggi presente in alta Val di Cecina, dove per prime sono state agevolate le attività geotermiche toscane, da Larderello a Pomarance, possiamo dimostrare che la scelta geotermica è una scelta sbagliata, perché oggi in quell’area si trovano i Comuni più poveri della Toscana, con la popolazione più vecchia e bisognosa di sostegni esterni, perché definiti “area di crisi”.
Gli impianti geotermici portano ad una monocoltura industriale allontanando gli investimenti in produzioni agricole di qualità o in agriturismo o in attività turistiche, come invece è avvenuto intensamente in tutto il resto della Toscana meridionale.

2- Le emissioni “zero” sono una speranza della Rete Geotermica, nel caso migliore una pia illusione, in quello peggiore e stante allo stato delle attuali conoscenze tecniche nell’Italia centrale sono una menzogna. E’ banale dover rammentare che la composizione dei vapori geotermici varia notevolmente tra un’area ed un’altra, a seconda della natura geochimica del bacino sfruttato, e che mentre in altri paesi europei i gas incondensabili sono poca cosa, nel centro Italia sono nell’ordine dell’8% (!) e tali gas verrebbero immessi in atmosfera, perché non reinniettabili. Perfino il Governo in Parlamento ha dovuto ammettere che in realtà si tratta di “emissioni quasi zero”…

3- La Rete Geotermica non ha mai dato un contributo utile a denunciare lo stato di gravissimo inquinamento ambientale prodotto dalle centrali geotermiche a rilascio in atmosfera dell’Enel esistenti ed operanti in Toscana e, nonostante la sua asserita capacità tecnica, ha sempre coperto le scelte delle Amministrazioni della Regione Toscana, che hanno manipolato e falsato l’informazione sanitaria ed ambientale in materia di impatto geotermico, dimostrando l’inaffidabilità politica della loro organizzazione.
Inoltre riteniamo inaffidabile e avversario dei comitati e dei territori il suo vicepresidente Stefano Boco (ex senatore dei Verdi) nonché Presidente di Magma Energy Italia perché in questa sua ultima veste si è distinto prima non rispettando il referendum di Casole d’Elsa contrario al suo impianto mentre aveva dichiarato che si sarebbe attenuto al risultato e poi per aver portato in tribunale, perdendo, il sindaco Pii che, legittimamente, aveva fatto sospendere i lavori di ricerca.

4. Oggi, come certifica anche Terna, non c’è bisogno di altra energia elettrica e di altre centrali, tanto che Enel sta dismettendo parte delle sue, e, in ogni caso, ci sono alternative meno impattanti e pericolose della geotermia, come, ad esempio, il solare.

5. La Toscana e, in particolare l’Amiata “hanno già dato”, hanno pagato, anche caro, il contributo alla speculazione geotermica per cui bisogna oggi pensare come chiudere le centrali esistenti e non come farne di nuove.

6. Finchè la geotermia avrà gli incentivi dallo Stato (pagati dai cittadini in bolletta) che, di fatto, rendono questi investimenti privi di rischio, non ci può essere un confronto con chi, più che “imprenditore”, pare solo “prenditore”.

Per tutto questo non accettiamo di essere portati in giro, sia in senso letterale che figurato, e invitiamo sindaci e consiglieri a rifiutare questo inopportuno tentativo della Rete Geotermica di ingraziarsi gli amministratori pubblici che, ricordiamo, sono votati dai cittadini e non dalle imprese.


Leggilo su:

Il Cittadino online

Radiogiornale.info

Corriere di Siena 1 (pdf)

Corriere di Siena 2 (pdf)

Casole d’Elsa, 31 luglio 2017, un Concerto contro la geotermia (dopo la sentenza favorevole del 13 luglio)

TUTTI A CASOLE D’ELSA A SOSTENERE LA BATTAGLIA CONTRO LE CENTRALI E FESTEGGIARE CON SINDACO, COMITATI E CITTADINI!

Cittadini in piazza contro la Magma nel 2016

Sconfitta ancora l’arroganza della Magma Energy: già nel dicembre del 2014 un referendum tra i cittadini vedeva la valanga di NO attestarsi ben oltre il 93 %, ma nonostante tutto il rappresentante della Magma Stefano Boco, ex senatore dei Verdi, con inusitata arroganza e smentendo anche se stesso, laddove aveva affermato che mai avrebbe realizzato l’impianto senza il consenso dei cittadini, nel 2016 si presentava a Casole con uomini e mezzi per le attività di ricerca e sondaggi propedeutiche alla futura centrale. Giova rammentare che tale attività di ricerca era stata appaltata a una società polacca, alla faccia degli sbandierati “posti di lavoro” per il territorio…

Il sindaco Piero Pii di fronte all’invasione di uomini e mezzi nella campagna casolese, per difendere territorio e turismo, il 22 luglio ordinava la cessazione di tali attività che, visto anche che ci si trovava in estate, era quindi anche a rischio incendi; ma l’intrepido ex senatore Boco riteneva probabilmente di potersene altamente infischiare e continuava le attività finchè il sindaco, in veste di ufficiale di Governo, il 29 luglio emetteva un provvedimento di immediata sospensione delle attività (Ordinanza n.24, vedi a lato), fintanto che ai primi di agosto l’ex senatore, camion operai e paletti se ne tornavano da dove erano venuti…

clicca per ingrandire

Ma evidente, memore delle tante battaglie ambientaliste che avrà pur condotto come verde o forse forte dei contatti in alto loco svelati nell’inchiesta di Potenza e raccontati da Il Sole 24 Ore, il Boco pensa bene di denunciare il sindaco Pii per abuso d’ufficio; dopo un anno circa, il 13 luglio scorso il Tribunale di Siena riteneva infondate le accuse e archiviava la denuncia (scarica la sentenza, pdf 50 kb). 
Ancora una volta la Magma e l’ex verde Boco escono malconci dal confronto con il territorio di Casole.

SAREBBE IL CASO CHE TUTTI COLORO CHE “VORREBBERO” FARE ALTRE CENTRALI IN TOSCANA, EVITASSERO DI PERDERE ALTRO TEMPO E SOLDI -E FARLI PERDERE ALLE AMMINISTRAZIONI E AI CITTADINI- 

Nel frattempo l’attenzione rimane alta nei territori ed il 31 luglio 2017 sarà l’occasione di godere di un ottimo Concerto e contemporaneamente festeggiare (scarica invito e programma); con questa iniziativa si vogliono anche raccogliere fondi per predisporre la documentazione di non idoneità del territorio casolese all’attività geotermica di cui agli atti della Regione Toscana.

Nel corso della serata saranno presentate le iniziative che faremo nei prossimi mesi.


Leggilo su:

Il Cittadino online

La Geotermia non Produce Posti di Lavoro, Anzi

Ripubblichiamo un interessante intervento sulla relazione geotermia/occupazione, cavallo di battaglia dell’enel, dei nuovi venditori di pentole geotermiche e di alcuni amministratori -soprattutto dell’area geotermica tradizionale toscana- che smonta i luoghi comuni e la propaganda fin qui utilizzata.

L’articolo, del comitato CasoleNostra, che si sta battendo contro il progetto di centrale Montecastelli, è stato pubblicato originariamente il 24 giugno 2017 qui.

 

Con ogni probabilità, nei prossimi mesi saremo costretti ad assistere all’inizio dei lavori per la costruzione di una centrale geotermica a poca distanza dal borgo di Montecastelli, un borgo rimasto paesaggisticamente integro per millenni.
La società geotermica Magma, agendo contro la volontà dei cittadini e, quel che è peggio, venendo meno alla parola data, ha richiesto alla Regione Toscana le autorizzazioni per procedere con la realizzazione dell’impianto industriale.

Ora quella società, che, incidentalmente, è diretta da un ex senatore dei verdi che i cittadini ancora non si perdonano di aver votato, deve presentare alla Regione un piano di investimenti.

In questi ultimi anni hanno provato in molti, a partire dal Partito Democratico, a convincere la popolazione dei vantaggi economici di questi impianti. Invano.

Hanno detto che le coltivazioni di basilico riscaldate con le geotermia costituiscono un vantaggio economico, prima di rendersi conto che il fatturato di quell’attività non può competere con quello molto più consistente dell’economia del turismo.

Si è passati poi a una strategia un po’ più dadaista affermando che la geotermia avrebbe fatto risparmiare sui costi di essiccazione dello stoccafisso senza rendersi conto che a Montecastelli il mare non c’è, per il momento, e che nessuno essicca stoccafissi in questa zona.

Come ultima possibilità hanno provato con la leva della paura. I dirigenti del PD, per esempio, dicevano nelle pubbliche assemblee: “… volete restare ancora con la candela?” evocando lo spettro dell’austerity e sottovalutando nello stesso tempo il quoziente intellettivo dei propri elettori.

Ma basta aprire un qualsiasi giornale o anche solo la rubrica “Qui Paperino Quack” su un vecchio numero di Topolino, per scoprire che ENEL gronda energia, che tutti producono energia e che il rischio della candela è solo un moderno espediente “educativo” del tipo “mangia la minestra, altrimenti muori e vai all’inferno”.

Tuttavia il magma di sciocchezze nel quale si è cercato di impantanare coloro che avrebbero subito i danni della geotermia a qualcosa servito. È servito a eludere la questione principale: la geotermia fa male all’economia.

Apriamo il New York Times del 25 aprile 2017 e diamo uno sguardo alla figura:

Fonte: New York Times, 24 aprile 2017

Negli U.S.A. i posti di lavoro del 2016 nel settore energetico erano 1,600,000, così ripartiti:
398,235 GAS NATURALE
515,518 PETROLIO
160,119 CARBONE
questo per quanto riguarda le produzioni fossili. Invece nel campo delle rinnovabili:
383,807 SOLARE
130,677 BIOMASSE
101,738 EOLICO
76,771 NUCLEARE
65,554 IDROELETTRICO

E la geotermia? La geotermia è un rettangolino piccolo piccolo in basso a destra al quale non è associato alcun numero. Troppo piccolo.
Ma il numero c’è, e lo troviamo nel Report del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti. A pagina 29 del report del 2017 leggiamo che negli Stati Uniti nel 2017 hanno trovato lavoro nel settore geotermico solo 5,768 persone.
Negli Stati Uniti, che sono molto più grandi di Montecastelli.

La ragione è semplice. Dopo i pochi mesi iniziali in cui vengono impiegati pochi operai per l’edilizia degli impianti e per le trivellazioni, un impianto geotermico funziona da solo. I processi sono automatizzati, il controllo è remoto, il numero di persone necessarie per far funzionare l’impianto è ridicolmente piccolo.

In compenso la bruttezza e l’inquinamento paesaggistico delle centrali allontanano i turisti dall’area e riducono il fatturato e l’occupazione nel settore dell’economia del paesaggio.

Il bilancio è negativo: la geotermia riduce i posti di lavoro.

Per questo chi vuole realmente produrre energia (geotermica, ndr) lo fà in aree desertiche, o di scarso valore paesaggistico: perché gli imprenditori geotermici non hanno niente da offrire al mercato del lavoro.

A Montecastelli verrà quindi prodotta una manciata di energia inutile (anzi economicamente dannosa) verrà alterato il tessuto economico fondato sul paesaggio, con tutti i conseguenti sconquassi sociali che questo comporta, ma in compenso la piccola società geotermica potrà accedere agli incentivi dello stato. Cioè ai soldi che noi paghiamo con le nostre bollette.

 

In un paese normale chiunque nell’identificazione delle aree idonee allo sfruttamento geotermico penserebbe prima di tutto alla compatibilità economica.
Chiunque tranne i nostri dirigenti regionali, che a quanto pare non leggono il New York Times, e, a giudicare dai fatti, sembra che non leggano neanche Qui Paperino Quack.

Arruolati alla geotermia: il caso dell’ex senatore verde Boco

boco arruolatoLeggiamo la puntuale lettera che Dario Conte, presidente del Comitato CasoleNostra, ha scritto e pubblicato all’ex senatore verde Stefano Boco che da quando ha dismesso la giacchetta da senatore si dedica attivamente, come imprenditore stavolta, a promuovere la nuova geotermia binaria.
Aggiorniamo dunque la lista degli “arruolati” alla causa geotermica riprendendo la lettera “Le Ragioni del Dissenso nei Confronti di un ex Senatore dei Verdi ora Presidente della Magma Energy” che ripubblichiamo di seguito (i grassetti sono nostri, ndr).

 

Gentile Presidente,

Lei ha ripetutamente affermato che “non si deve più parlare del Suo trascorso politico come Senatore dei Verdi”. Di fronte a tale richiesta i cittadini sono per lo meno stupefatti. Lei è stato votato per un partito del quale mi auguro fortemente (lo dico nell’interesse della Sua dignità) condividesse appieno gli ideali. Ora, rinnegare il proprio passato non è mai un segno di maturità perché significa affermare di essersi sbagliato in maniera grave proprio ad un’età nella quale gli errori gravi non sono più perdonabili.

Tuttavia, se Lei ora rifiuta quel passato, dovrebbe almeno, sempre per dignità personale, rinunciare anche a quell’inqualificabile privilegio rappresentato dal vitalizio. Lei percepisce 6.203,00 Euro al mese; avendo Lei abbandonato nel 2006 ed essendo oggi il 2016, Lei ha già percepito 120 mensilità pari a 744.360,00 Euro, equivalente (cambio Euro/Lira 1.936,27) a un miliardo, quattrocentoquattordici milioni e seicentoquarantanovemila vecchie lire. E questo, gentile Presidente è una cosa poco nobile, un’offesa ai Lavoratori e ai Pensionati che si sono spaccati la schiena per anni e che faticano ad arrivare a fine mese.

Queste cose gliele avevo fatte già notare Venerdì 7 Febbraio 2014. Sono passati venticinque mesi, Lei ha incassato nel frattempo dallo Stato 65.075,00 Euro, pari a 126 milioni duemiladue centosettanta lire. E questo è puro guadagno senza lavoro, in altri termini senza che lei debba offrire in cambio alcun servizio ai cittadini. Un dono che persone pur in difficoltà economica sono costrette a farLe, solo perché lei è stato votato nel partito dei Verdi. Allora perché, visto che non vuole più sentir parlare del Suo passato, coerentemente non rinuncia ad un intollerabile privilegio medievale, devolvendo il tutto in beneficenza? La prego scriva due righe pubbliche, se trova le parole.
Consideriamo ora il Suo incomprensibile bisogno di guadagnare ancora più denaro pur avendo un reddito garantito di 6.203,00 Euro al mese. Come spiegare altrimenti la Sua incredibile pervicacia nel perseguire un progetto devastante per un Territorio unico al mondo? Il Dottor Batini e Lei avete detto che “nulla sarebbe stato fatto a fronte di un’opposizione dei Cittadini”; lo avete detto, e lo avete ripetuto, sottolineando con forza la verità di radicondoli vs bocoquesta affermazione. Ora, l’opposizione dei Cittadini è stata possente, univoca, intelligente e disinteressata. Vi è bisogno d’altro per fare le valigie e andarsene rinunciando ad un Progetto antistorico e irrispettoso dei valori profondi del Paesaggio sanciti dall’Articolo 9 della Costituzione della Repubblica Italiana che lei ha preso l’impegno di rispettare durante il suo incarico di governo?

Da ultimo, occupiamoci della Sua evidente noncuranza per gli altri Imprenditori. L’Alta Val d’Elsa, ha puntato con persone illuminate, su un turismo sostenibile, divenendo un modello esemplare a livello europeo. In questa realtà che conta centinaia di eccellenze, turistiche e agro-alimentari incompatibili con l’introduzione di centrali devastanti. Lei, senza alcun criterio architettonico, paesaggistico, urbanistico o estetico (mi dimostri il contrario, se riesce, però con dati messi nero su bianco) vorrebbe inserire camuffandole per iniziative eco-compatibili, centrali geotermiche destinate esclusivamente a produrre energia da vendere, perché nel Senese di energia non vi è proprio bisogno e in Italia ancora meno. Lei o il Dottor Batini, potreste di grazia indicarci dove avete costruito l’ultima innovativa centrale; lo chiedo perché pare (ripeto pare …) che non ne abbiate costruita nessuna. Inoltre, nel Vostro plan (in inglese fa molto più chic) le centrali sono ricoperte di fiori, uccellini, gerani, oleandri, piante ornamentali e i tubi non si vedono! Ma come fanno quei cialtroni di Ecologisti a non apprezzare la meravigliosa bellezza di queste costruzioni?

Dal punto di vista tecnico poi, Le spiace spiegare come si possa voler realizzare una Centrale senza aver mai fatto dei collaudi veri.
Mi spiego diversamente; Lei ricorderà che anni fa, i modelli già definitivi della Mercedes Classe A furono ritirati clamorosamente dal commercio perché durante le prove sulla neve in Finlandia si erano miseramente capovolti. Ci fu una retromarcia storica e i modelli furono profondamente modificati in modo da renderli stabili. Anche le macchine più banali subiscono i crash test per valutarne la resistenza in caso di urto pericoloso e subiscono numerosi stress test per valutare l’affidabilità del modello stesso. È possibile che si costruisca una centrale senza aver mai fatto prove di questo tipo? Almeno ENEL ha un’esperienza centenaria, mentre nel caso delle Vostre centrali dovremmo solo fidarci dell’affermazione:
“sono belle, sono pulite, sono sane, sono ecocompatibili, sono meravigliose, non fanno rumore, non producono danni, favoriscono migliaia e migliaia posti di lavori, rendono un’immensa ricchezza che verra’ distribuita su tutto il territorio”. Sulla base di quale prototipo e di qual ecollaudo? C’è stata un’età in cui come tutti leggevo le fiabe ed ero convintissimo che fossero vere; purtroppo quel tempo è passato ma sembra che per la sua società le fiabe rimangono un caposaldo della comunicazione.

Mi fermo qui ma sono prontissimo a sostenere con Lei e con il Dottor Batini un dibattito pubblico, dovunque e in qualunque data. Anche perché, con il sacrificio di tanti amici perbene e con la schiena diritta, ci siamo fatti carico di analisi importanti soprattutto sull’impatto tragicamente negativo della geotermia sull’economia di un Territorio del quale, mi lasci concludere, ne’ Lei ne’ il Dottor Batini mostrate di aver capito le potenzialità profonde e la bellezza.

Dario Conte
Presidente CasoleNostra

Affinché possa rispondere adeguatamente, visto che non l’ha mail fatto prima, Le ricordo le tre lettere che Le avevo inviato:

Domenica 12 Febbraio 2014 (senza risposta)
Venerdì 07 Febbraio 2014 (senza risposta)
Lunedì 23 Marzo 2015 – Resoconto della riunione al Palazzone di Colle (senza risposta!)

——————————–

QUI LA RECENTE CONTESTAZIONE DI BOCO A RADICONDOLI

radicondoli_no_trivelle CROP

 

 

 

 

 

 

Altri articoli in tema:

suCasoleNostra;

suItalia Nostra Firenze.

———————————————————-

AGGIORNAMENTO IMPORTANTE SU ILSOLE24ORE.COM DEL 18 APRILE 2016

Gli interessi del “quartierino” sul settore geotermico
di Ivan Cimmarusti e Sara Monaci

Il “quartierino” dell’inchiesta di Potenza puntava a condizionare con norme di legge anche il settore geotermico. In questo campo il contatto utile sarebbe stato Stefano Boco (non indagato), gia’ sottosegretario dal 2006 al 2008 per le Politiche agricole e forestali (governo Prodi). E’ quanto emerge dalle nuove carte dell’indagine investigativa.

L’obiettivo di Boco era di incontrare l’allora ministro allo Sviluppo economico, Federica Guidi, attraverso il “quartierino romano”. Secondo la squadra mobile di potenza, Boco – in qualità di presidente del consiglio di amministrazione e consigliere delle società Magma Energy Italia srl e consigliere della Tosco Geo srl, entrambe controllate dalla Graziella Green Power – avrebbe cercato attraverso Gianluca Gemelli e Nicola Colicchi un contatto per le aziende di geotermia per le quali lavora.
In questo filone non ci sono né indagati. Tuttavia la squadra mobile della Polizia di Potenza sviscera tutta la vicenda in un capitolo contenuto nella terza informativa depositata alla Procura della Repubblica di Potenza, nell’inchiesta sul petrolio in Val d’Agri. Per gli investigatori questa vicenda sarebbe da mettere in relazione con l’emendamento alla Legge di Stabilità 2015 presentato dal deputato Ignazio Abrignani, che prevede agevolazioni per le società di geotermia.
Lo stesso Colicchi, in una intercettazione del 2 dicembre 2014, afferma che di «quell’emendamento non ce ne frega niente…quello era l’emendamento presentato da Abrignani che evidentemente l’ha ripresentato, ma è una marchetta, evidentemente per qualche impianto (di geotermia, ndr) che a lui interessa».

L’APPUNTAMENTO
Non è chiaro sulla base di quali riscontri la polizia ritenga esserci un nesso tra gli interessi di Boco e l’emendamento. Sta di fatto che il 9 dicembre Gianluca Gemelli sembra sia stato contattato precedentemente dallo stesso Boco. Ne parla con la compagna, l’ex ministro Guidi, la quale spiega che dovrà incontrare l’imprenditore: «Come si chiama quello lì che deve venire a parlarmi». «Stefano Boco, Stefano Boco», chiarisce Gemelli. La Guidi, dunque, spiega alla sua segretaria che «questo Stefano Boco, che mi vuol venire a parlare di geotermico…quando ti chiama bisogna che gli diamo un appuntamento». Poco dopo Gemelli invia un sms a Boco: «Ciao Stefano, chiama la segretaria che ti fa avere un appuntamento per la prossima settimana. Ti chiedo di darmi riscontro non appena ti conferma l’appuntamento». In una successiva telefonata, Gemelli «contatta nuovamente Boco», riassumono gli investigatori, per dire che all’incontro avrebbe partecipato anche il deputato Marco Donati ( estraneo alla vicenda). Inoltre, continua la squadra mobile nell’atto, «Boco spiega che si tratta della persona che gli ha presentato l’altro giorno. Gemelli risponde di ricordare, aggiungendo che si tratta di un deputato o senatore».

LA REGIONE TOSCANA
Le mire dell’ex sottosegretario, secondo gli investigatori della squadra mobile, emergerebbero il 16 gennaio. Il giorno precedente, infatti, il quotidiano Il Tirreno pubblica un articolo dal titolo: «Geotermia, ora basta con la corsa sfrenata. La Regione (Toscana, ndr) ha imposto una pausa di sei mesi all’apertura di nuovi pozzi. Attualmente ci sono 31 siti per la ricerca di questa preziosa energia». Nell’articolo si citano anche le società Magma Energy e Tosco Geo, di cui Bosco è nei consigli di amministrazione. Inoltre, nello stesso articolo si legge che «non è improbabile che qualche società si senta colpita» dalla decisione della Regione Toscana «e faccia ricorso al Tar». Così, il 16 gennaio Boco invia un sms a Colicchi: «Prova se vuoi a capire cosa è il problema. Tar e emendamento sono le sole vie rimaste». Non e’ chiaro a quale legge facciano pero’ riferimento, visto che la Stabilita’ a quel punto era gia’ stata approvata.