Tag Archives: Asl7

A proposito del nuovo studio epidemiologico in Amiata

trivelle non ne vedoMeglio tardi che mai, ma chiediamo massima trasparenza e indipendenza, evitando palesi “conflitti di interessi”

 
L’Azienda Usl 9 di Grosseto, insieme all’USL 7 di Siena, che insieme si sarebbero dovute attivare da diversi anni per proporre rimedi efficaci alla drammatica condizione sanitaria emersa ufficialmente nel 2010 nei comuni geotermici dell’Amiata, hanno nel mese scorso sottoscritto un Protocollo d’Intesa con l’Agenzia Regionale di Sanità (ARS) e con l’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambientale della Toscana (ARPAT) per la realizzazione di un nuovo e più dettagliato studio epidemiologico sulla salute e sulle condizioni di vita della popolazione residente nell’area geotermica amiatina. Meglio tardi che mai, potremmo dire, considerato che i dati emersi con il primo studio effettuato nel 2010 hanno certificato un +13% di mortalità, rispetto a quella attesa per gli uomini, e che per ben 54 patologie, molte delle quali mortali, è stato certificato che sono in eccesso statisticamente significativo, certamente collegate a concentrazioni misurate e crescenti di Mercurio, Arsenico, Acido solfidrico, emessi in quantità considerevole anche dalle centrali geotermoelettriche dell’Enel.

Peccato però che per portare a termine il nuovo studio le due AUSL si siano rivolte alle due Agenzie, ARS e ARPAT, che insieme alla Giunta regionale di Rossi, sono in evidente conflitto di interesse, considerato che hanno sempre ritenuto quei dati del 2010 “rassicuranti”, non meritevoli di azioni di prevenzione o di precauzione e comunque sicuramente non collegabili alle emissioni di Mercurio, Arsenico, Acido solfidrico prodotte dalle centrali Enel al punto che, tutti insieme, nel frattempo hanno autorizzato l’Enel a costruire nuove e più potenti centrali in Amiata, certificando una realtà molto diversa da quella emergente dai dati sanitari.

Inoltre, una volta smascherato il loro tentativo di diluire i risultati dell’Amiata con quelli di popolazioni di Larderello, Pomarance, Monterotondo, diversamente esposte agli inquinanti e, pertanto, con dati meno preoccupanti, nessuno di lor signori in tutti questi anni ha saputo individuare la causa di tali eccessi di mortalità, dimostrando la massima inefficacia e inefficienza nella difesa dell’Ambiente e della Salute della popolazione.

Pertanto, ci auguriamo che i medici che vivono e lavorano sul territorio amiatino sappiano recuperare indipendenza ed efficacia nel loro prezioso lavoro, onorando il ruolo etico della professione medica.