15 dicembre 2012. Iniziativa Sos Geotermia a Piancastagnaio: pochi, ma in buona compagnia… Nonostante il tempo proibitivo, positiva la giornata di mobilitazione

‘Piove, governo (regionale) ladro!’. Questo il pensiero degli ottanta ‘resistenti’ che sabato scorso, 15 dicembre, hanno risposto all’appello per una giornata di mobilitazione a Piancastagnaio dove l’Enel procede alacremente a nuove perforazioni geotermiche camuffate da ‘piano di riassetto’.
Il meteo dei giorni precedenti e le previsoni lasciavano prevedere che sarebbe stata una giornata dura, come in effetti è stata, con gelo, vento e pioggia che hanno scoraggiato molte persone che già avevano dato la loro adesione all’iniziativa e che hanno comunque confermato il loro sostegno nonostante l’assenza in piazza.
La valutazione della giornata rimane positiva per il fatto che comunque Piancastagnaio, paese ‘storico’ dello sfruttamento geotermico, per la prima volta ha potuto vedere ed ascoltare qualcosa di diverso dalle tranquillizzanti parole che per anni gli hanno propinato amministratori ed Enel. L’agguerrito corteo, che ha attraversato tutto il paese, contava della presenza degli illustri amministratori locali e regionali, dai sindaci dei paesi amiatini, al presidente della provincia grossetana Marras, all’assessore e al presidente regionali Bramerini e Rossi, i quali, riprodotti in maschere, ripetevano ciascuno il proprio refrain.
In testa lo striscione del ‘coordinamento SOS Geotermia’, poi quello “Non è questo il futuro che vogliamo” e ancora ” Per
un lavoro utile e dignitoso per tutti”, “Lavoro, Beni comuni, Ambiente”, “No alla geotermia”; lasciato il paese il corteo è sceso fino al cantiere Enel del pozzo pc36, dove le parole hanno lasciato spazio alla realtà di un enorme coacervo di trivelle, tralicci, tubi, reti, serbatoi appare sul fianco della montagna, come se un pezzo dell’ILVA di Taranto fosse stato trapiantato nella ‘verde’ Toscana. E, come per Taranto, la speranza è che anche i lavoratori, che più degli altri subiscono gli effetti delle centrali, si uniscano alla richiesta di un lavoro dignitoso per tutti in un ambiente sano senza cedere al ricatto ‘lavoro contro salute’.
Al termine del corteo c’è stata la prevista assemblea dove si è ricapitolata l’intera vicenda del ‘piano di riassetto di Piancastagnaio’ e della nuova costruenda centrale di ‘Bagnore 4’ nel comune di S.Fiora, per la quale il coordinamento Sos Geotermia ha da poco presentato ricorso al TAR con ben 11 contestazioni.
Tra le voci autorevoli spiccava quella del geologo prof.Borgia che ‘eroicamente’ continua a sostenere i comitati amiatini in questa battaglia per salvare il monte Amiata.
‘La salute non può essere un valore negoziabile. È possibile per l’Amiata un modello economico alternativo che salvaguardi le risorse, la salute, il territorio e sia a favore dei cittadini e non delle multinazionali’ sono, in sintesi, i concetti cardine su cui costruire, oltre all’opposizione alla geotermia Enel, anche proposte concrete di sviluppo sociale ed economico della Montagna.
Molte quindi le indicazioni per nuove iniziative, tra le quali certamente una da farsi in località Bagnore prima dell’inizio dei lavori.
Continuerà nel frattempo l’opera di informazione con la popolazione amiatina, con la coscienza di essere, come ha esortato Don Gallo, ‘partigiani dell’Amiata’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *