Sos Geotermia: Nessun compromesso quando in gioco è la salute! Sabato 15 dicembre tutti in piazza a Piancastagnaio contro il piano di riassetto dell’area geotermica pianese e la nuova centrale di Bagnore 4

Sul monte Amiata nel nome della speculazione e del profitto si sta procedendo con l’avallo della regione Toscana, degli amministratori locali e dei partiti politici che li sostengono ad uno scempio ambientale gravissimo giustificato dalla falsa convinzione che la geotermia sia una fonte energetica rinnovabile e pulita. Nel caso delle centrali amiatine è esattamente il contrario!

SOS Geotermia, il coordinamento dei movimenti amiatini, non cambia idea rispetto alle centrali presenti e in costruzione sul monte Amiata: No a nuove centrali e moratoria di quelle esistenti”, come dichiarato nel ‘manifesto‘, al quale hanno aderito numerose associazioni, gruppi politici e sindacali.

Tanto è vero che sulla Via favorevole data dalla regione all’Enel per Bagnore4 è già stato presentato ricorso al Tar.

È statisticamente certo e dimostrato che nei comuni geotermici dell’Amiata, dove si respira un’aria con concentrazione crescente di mercurio, arsenico, acido solfidrico e altro, la mortalità negli uomini è del +13% rispetto agli altri comuni toscani ed è certo che le centrali Enel concorrono nell’emissione di questi inquinanti. È stato anche scientificamente dimostrato che gli “stili di vita”, invocati dal presidente Rossi e dall’assessore Bramerini per giustificare questi eccessi di mortalità, in realtà sono uguali a quelli dei comuni dove invece la mortalità è inferiore.

Ci opponiamo a tutte le centrali geotermiche in esercizio e a quelle di nuova realizzazione a Santa Fiora e Piancastagnaio e chiediamo la loro definitiva chiusura, poiché non hanno valore economico trattabile i danni che questi impianti portano al territorio. Danni alla salute dei cittadini, inquinamento atmosferico e delle acque potabili, ulteriore abbassamento di una delle falde acquifere più importanti del centro Italia.

Sabato 15 dicembre saremo in piazza a Piancastagnaio per dire che “Non è questo il futuro che vogliamo”.

Ore 10, sit in, giardini Nasini; ore 14,30, corteo per le vie del paese con arrivo al pozzo PC36; ore 17, assemblea pubblica presso il centro anziani.

Quello che vogliamo per il nostro territorio è la difesa e ripristino delle sorgenti amiatine e la salvaguardia dell’intero bacino di ricarica della falda acquifera; un modello di futuro per il territorio che valorizzi le risorse ambientali culturali e sociali; una politica seria tesa al risparmio energetico; un uso delle tecnologie a bassa entalpia per il consumo e lo sviluppo economico locale, fuori da ogni logica speculativa, consociativa e affaristica; la tutela e valorizzazione dei numerosi prodotti tipici locali; la garanzia per tutti di un lavoro che non crei danno alla salute e all’ambiente.

La nostra è una battaglia per la democrazia, perché i cittadini devono poter conoscere per poter decidere del proprio futuro, dello sviluppo del proprio territorio, della propria salute e di quella dei propri figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *