Geotermia in Amiata: Regione Toscana, allarmisti all’incontrario

finquituttobeneE’ difficile non farsi prendere dall’esasperazione di fronte al comunicato stampa emesso dalla Regione Toscana per rispondere alle preoccupazioni espresse dal M5S sulle emissioni incontrollate di vapore che si avranno fino all’entrata in funzione della nuova centrale Bagnore 4.
Non si capisce, in realtà, se ci sono o ci fanno, fino al punto di dichiarare “reversibili” tali emissioni, come se gli impianti che le producono fossero dotati anche della straordinaria capacità di recuperarle e di riassorbirle al loro interno!
Che i gas emessi da Bagnore 3 (ma ora anche da Bagnore 4) durante le operazioni di collegamento e di “interconnessione” non siano diversi da quelli che abbiamo dovuto sorbirci ogni volta che la centrale andava fuori servizio, o non era funzionante l’impianto AMIS (Abbattitore di Mercurio e Idrogeno Solforato), è perfettamente vero: statisticamente, negli ultimi 12 anni tali condizioni si sono verificate per il 10% del tempo, con pesanti ripercussioni sulle quantità di inquinanti dispersi in atmosfera, senza contare che per oltre tre anni la centrale ha funzionato senza alcun impianto di abbattimento.
Resta il fatto che con l’avvio di Bagnore 4, composta due gruppi di 20 MW. con un AMIS per ognuno di essi, esattamente come Bagnore 3,  tali periodi sono destinati ad aumentare, anche se la Regione ha prescritto che non possano singolarmente superare il 5% del tempo: se si ferma ognuno dei tre AMIS per il 5% del tempo è come se si fermasse un solo AMIS per il 15%; la situazione poi diventa molto pesante se si fermano due AMIS contemporaneamente, ma si rischia il vero e proprio disastro nell’ipotesi, molto improbabile ma pur sempre possibile, del fermo contemporaneo dei tre AMIS.
E’ inoltre vero che i due AMIS di Bagnore 4 sono dimensionati per una capacità di trattamento superiore del 30% rispetto alla effettiva necessità del gruppo cui è asservito, in maniera tale che, in caso di fuori servizio, l’altro possa ridurre la quantità di fluido non sottoposto a trattamento: ma da questo a dire che l’interconnessione fra le centrali consentirà la “completa” gestione del fluido estratto dal sottosuolo, così come richiesto dalla Prescrizione n. 2  impartita dalla Regione al momento del rilascio dell’Autorizzazione per la costruzione di Bagnore 4, passa una bella differenza.
Le emissioni di tutte le sostanze contenute nei fluidi geotermici praticamente triplicheranno con l’entrata in funzione di Bagnore 4: sembra, ma non ne sono sicuri nemmeno loro, che solo l’H2S aumenterà in maniera più ridotta a causa del fatto che l’abbattimento dell’ammoniaca che avrà luogo all’interno degli AMIS attraverso  iniezioni di acido solforico concentrato (?), produrrà come effetto secondario un ulteriore incremento della quantità di H2S estratta dal fluido.
Per quanto riguarda l’ammoniaca, poi, con la Delibera n. 344 del 2010 la Regione aveva stabilito un valore limite di emissione di 2 kg./ora, dato che questa sostanza  rappresenta un precursore per la formazione del particolato inorganico (PM10 e PM2,5), estremamente dannoso per la salute. In realtà, e non se ne comprende la ragione, in sede di rilascio dell’Autorizzazione ci si è accontentati dell’assicurazione di Enel Green Power di contenere le emissioni di ammoniaca entro il limite del 25% della quantità in ingresso; il problema è che la “quantità in ingresso” è estremamente variabile: negli ultimi anni, per Bagnore 3, si attestava intorno a 200 kg./ora ma nel 2005 era pari a oltre 500 kg./ora e può tornare ad esserlo dal momento che la composizione del vapore varia da pozzo a pozzo ed anche nel tempo; di conseguenza il 25% della quantità in ingresso può variare da 100-150 kg./ora fino a 300-400 kg./ora, valori di fronte ai quali il limite di 2 kg./ora ha molto l’aspetto di una presa in giro.
Di fronte a tutto ciò riteniamo che sarebbe bene che i comunicati ufficiali della Regione riportassero in maniera più corretta la situazione reale che saremo costretti a subire con l’entrata in funzione della centrale Bagnore 4, evitando di diffondere ventate di rassicurazione e di ottimismo veramente fuori luogo.

Di seguito il comunicato stampa (velina) della Regione Toscana del 14 novembre 2014:

Emissioni geotermiche sull’Amiata, nessun allarme. La Regione replica a M5S
Scritto da Walter Fortini     
FIRENZE – “Nessun allarme o rischio per la salute dei cittadini”. La Regione tranquillizza e risponde così al Movimento 5 Stelle che aveva alzato la guardia contro le centrali geotermiche Enel sull’Amiata. “Solo accuse generiche e inutili allarmismi”. Le disposizioni emesse dalla giunta non consentono superamenti dei limiti di emissione previsti dal quadro regolamentare e contenuti nell’autorizzazione alle emissioni in atmosfera.
Tutto sotto controllo, dunque. Le emissioni che si sono verificate a metà ottobre e che potrebbero riproporsi da qui al 25 novembre sono legate ai lavori di costruzione della centrale di Bagnore 4 e che Enel ha preventivamente e per tempo comunicato agli enti locali e all’Arpat, per consentire le attività di controllo che non sono mai venute meno. Si tratta peraltro di emissioni circoscritte, reversibili e temporanee, spiegano dagli uffici regionali, emissioni dovute alle operazioni di collegamento con i vapordotti della centrale di Bagnore 3. Emissioni soprattutto irrilevanti per gli effetti sanitari, secondo le indagini effettuate dall’Agenzia regionale per la salute.
Con la nuova centrale in costruzione inoltre la situazione migliorerà rispetto al passato. I due impianti lavoreranno infatti in modo integrato e questo permetterà di ridurre il numero e la durata di eventuali singoli eventi incontrollati dovuti a guasti e malfunzionamenti, riducendone la probabilità.
In particolare e sempre a seguito delle prescrizioni derivanti dalla Via, la valutazione di impatto ambientale che ha preceduto l’inizio dei lavori, sarà realizzato un impianto di abbattimento dell’ammoniaca che permetterà di dimezzare le emissioni ora prodotte dalla sola Bagnore 3 e sarà incrementata la capacità di trattamento dell’impianto AMIS per l’abbattimento di mercurio e idrogeno solferato, oltre alla sua disponibilità nel tempo.

————————–

La Nazione del 20 novembre 2014
Sos Geotermia«Regione poco convicente»
AMIATA ANCORA POLEMICHE SU «BAGNORE 4»
E’ LA VOCE dei comitati contro quella della Regione Toscana ad innalzarsi in Amiata e a surriscaldare la discussione, già di per sé molto calda, su Bagnore 4, la nuova centrale di Enel. Ad aver scatenato la reazione di Sos Geotermia, comitato di protesta contro la geotermia in Amiata sono le affermazioni che la Regione ha fatto sulla questione delle emissioni rilasciate in aria dalle recenti attività della Centrale. La Regione infatti aveva escluso qualsiasi tipo di allarme e rischio per i cittadini. Ma se per la Regione la situazione a Bagnore 4 è tutta sotto controllo non lo è per il comitato. «E’ difficile non farsi prendere dall’esasperazione di fronte a ciò che dice la Regione Toscana – affermano gli attivisti -. Che i gas emessi da Bagnore 3, ma ora anche da Bagnore 4, durante le operazioni di collegamento e di interconnessione non siano diversi da quelli che abbiamo dovuto sorbirci ogni volta che la centrale andava fuori servizio, o non era funzionante l’impianto Amis, è perfettamente vero. Statisticamente, negli ultimi 12 anni tali condizioni si sono verificate per il 10% del tempo, con pesanti ripercussioni sulle quantità di inquinanti dispersi in atmosfera, senza contare che per oltre tre anni la centrale ha funzionato senza alcun impianto di abbattimento». Per il Comitato la questione centrale è il funzionamento degli impianti Amis e la Regione sminuisce il problema. «I due Amis di Bagnore 4 sono dimensionati per una capacità di trattamento superiore del 30% rispetto alla effettiva necessità del gruppo cui è asservito, in maniera tale che, in caso di fuori servizio, l’altro possa ridurre la quantità di fluido non sottoposto a trattamento – dice Sos Geotermia -, ma da questo a dire che l’interconnessione fra le centrali consentirà la completa gestione del fluido estratto dal sottosuolo, così come richiesto dalla Prescrizione numero 2 impartita dalla Regione al momento del rilascio dell’Autorizzazione per la costruzione di Bagnore 4, passa una bella differenza». In tutta questa situazione il comitato afferma che le emissioni di tutte le sostante contenute nei fluidi geotermici aumenteranno con l’entrata i funzione di Bagnore 4. Aumenteranno valori dell’acido solfidrico in aria e anche l’ammoniaca sprigionata che, sempre per il comitato, rappresenta «un elemento estremamente dannoso per la salute del cittadino».

Maremmanews del 20 novembre 2014
Geotermia in Amiata: Regione Toscana, allarmisti all’incontrario

…segue ns. comunicato

Contropiano del 18 novembre 2014
Geotermia in Amiata: Regione Toscana, allarmisti all’incontrario
…segue ns. comunicato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *