Tag Archives: risoluzione

NoGesi al Governo: se non è capace di rispettare gli impegni presi, almeno fermi ogni attività

renzi fiuuDalla Risoluzione del 15 aprile 2015 che impegnava il governo ad emanare, ENTRO 6 MESI, “linee guida” necessarie per le future autorizzazioni, sono trascorsi ben più dei 6 mesi previsti, periodo durante il quale i Comitati e la Rete NoGesi hanno prodotto proposte ed iniziative, ultime delle quali, due solleciti al Governo e al MISE affinchè, in mancanza delle previste “linee guida”, si giungesse alla moratoria di ogni autorizzazione in corso.
Riportiamo le due note, del 22 febbraio e del 27 gennaio 2016:

 

MISE-Dirigente coordinatore Gruppo di lavoro geotermia e Procedimenti
Ing. Marcello Saralli
e, p.c.: MISE -Direttore Generale DGS-UNMIG
Ing. Franco Terlizzese

Oggetto: Risoluzione delle Commissioni Ambiente ed Attività Produttive della Camera dei Deputati (n. 8-00103 “Produzione di energia da impianti geotermici”) Sollecito al Governo ad ottemperare ai disposti della citata Risoluzione e richiesta di audizione in merito.

Si fa seguito all’incontro tenuto in sede MISE in data 17.02.2016 tra l’ing. Marcello Saralli del Ministero ed il dr. Fausto Carotenuto della Rete Nazionale NOGESI.
Dall’incontro è emerso che il Governo –pur essendo impegnato sulle attività di riforma- non è in grado di emettere rapidamente le nuove normative (pur essendo scaduto il tempo previsto nella Risoluzione di cui all’oggetto), mentre nel contempo proseguono le attività istruttorie delle istanze avanzate dagli operatori sia in ordine agli impianti pilota geotermici, che alle istanze geotermiche ad autorizzazione regionale.
Questa situazione diventa ogni giorno di più in evidente contrasto con le previsioni contenute nella Risoluzione de quo che al punto 3° recita: “(il Governo si impegna) a rilasciare, a seguito dell’emanazione delle linee guida, tutte le autorizzazioni per i progetti di impianti geotermici, comprese quelle relative ai procedimenti in corso, nel rispetto delle prescrizioni ivi previste”. Le Commissioni parlamentari ottava e decima hanno chiaramente impegnato il Governo a far avanzare i procedimenti in corso soltanto dopo l’emanazione delle linee guida e degli altri interventi di riforma. E’ del tutto evidente che, in ossequio ai principi di buon andamento, efficienza ed efficacia dell’amministrazione – oltre che per rispetto istituzionale nei confronti dell’organismo parlamentare che ha adottato la predetta Risoluzione- le autorizzazioni siano rilasciate dopo l’emanazione della “riforma” del settore (si ricorda che gli impegni del Governo sono, nella Risoluzione, ben dodici). Come abbiamo fatto notare al Governo con la nota inviata lo scorso 27.01.2016 che si allega nuovamente (riportata di seguito).
Quindi è necessario porre rimedio- stante i tempi lunghi necessari al Governo per la riforma del settore-a questa evidente contraddizione: se non si possono emettere le “nuove norme” in tempi brevi, si proceda a sospendere i procedimenti in corso sia relativi agli impianti pilota, che quelli ad autorizzazione regionale. Non si può infatti più procedere così che gli impianti vengono autorizzati in dispregio delle previsioni della Risoluzione Parlamentare. Nei prossimi giorni attiveremo il mondo parlamentare per intervenire sul Governo per poter risolvere la questione.
Circa i contenuti delle azioni di riforma dei vari aspetti della tematica (da quelli tecnici, a quelli economici e gestionali) ribadiamo con l’occasione la richiesta –come Rete Nazionale NOGESI- di essere auditi, come altri stakeholders.
Vi rimettiamo a tal fine le note (già rimesse in data 15.10.2015) contenenti le nostre proposte di “riforma” relative alle linee guida per la geotermia formulate dalla scrivente Rete Nazionale. Proposte di riforma che emergono dal lavoro di un team di esperti e scienziati appositamente attivati dalla nostra rete.

————ooOoo———-

Nota della Rete NoGesi del 27/1/2016

Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi
Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi
Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti
Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini
Ministro della salute Beatrice Lorenzin
MISE-Dirigente coordinatore Gruppo di lavoro geotermia e Procedimenti Ing. Marcello Saralli

e, p.c.: MISE- Sottosegretario di Stato Antonello Giacomini
MISE-Sottosegretaria di Stato Simona Vicari
MISE -Direttore Generale DGRME Ing. Franco Terlizzese
MATTM -Direttore Generale DVA Dott. Renato Grimaldi
MIBACT -Direttore Generale BEAP Arch. Francesco Scoppola
MISA -Direttore Generale PREV Dott. Raniero Guerra

On. Ettore Guglielmo Epifani, presidente X Commissione
On. Ermete Realacci, presidente VIII Commissione
On. Chiara Braga, Camera dei Deputati
On. Ignazio Abrignani, Camera dei Deputati
On. Serena Pellegrino, Camera dei Deputati
On. Samuele Segoni, Camera dei Deputati
On. Andrea Vallascas, Camera dei Deputati
Catiuscia Marini, presidente regione Umbria
Nicola Zingaretti, presidente regione Lazio
Enrico Rossi, presidente regione Toscana
Vincenzo De Luca, presidente Regione Campania
Francesco Pigliaru, presidente regione autonoma Sardegna

Oggetto: Risoluzione delle Commissioni Ambiente ed Attività Produttive della Camera dei Deputati (n. 8-00103 “Produzione di energia da impianti geotermici” /Sollecito al Governo ad ottemperare ai disposti della citata Risoluzione e richiesta di audizione.

Egregio signor Presidente del Consiglio, egregi Ministri,

Premesso:

-che in data 05.03.2014 la scrivente Rete Nazionale ha portato per la prima volta all’attenzione del Parlamento e del Governo-attraverso un convegno tenuto negli spazi parlamentari, con il conforto di qualificati esperti-la necessità di una profonda riforma nel settore della geotermia, essendo emerso con sufficiente chiarezza -con un esteso vulnus nella legislazione corrente- che lo sfruttamento della geotermia non è così “ecologico e rinnovabile” come si è supposto per troppo tempo e non solo nelle aree tradizionali toscane in cui la geotermia risulta finora sfruttata attraverso la tecnologia c.d. “flash” (Amiata e Larderello), ma anche in altre aree del paese investite da un elevatissimo numero di richieste di sfruttamento con la tecnologia “binaria”, sospinte in particolare dai provvedimenti di privatizzazione del Governo Berlusconi IV (D. Lgs. 22/2010 e 28/2011);

-che, anche a seguito di tale denuncia –in forza delle prime mobilitazioni avverse nei territori- i gruppi parlamentari presentavano nell’ ottobre del 2014 risoluzioni con richiesta al Governo di produrre una estesa riforma del settore, recependo le preoccupazioni dei cittadini e-per la prima volta sulla scena- degli amministratori di molti territori coinvolti;

-che le Commissioni Parlamentari VIII (Ambiente) e X (Attività Produttive) della Camera dei Deputati sviluppavano un esteso programma di audizioni che ha interessato esperti, aziende, amministratori ed associazioni ambientaliste ed anche, in data 19.01.2015, la scrivente Rete Nazionale;

-che in data 15.04.2015 le citate Commissioni Parlamentari approvavano all’unanimità una Risoluzione, prima firmataria l’on. Chiara Braga, responsabile ambiente della segreteria nazionale del PD, che impegna il Governo ad intervenire-entro sei mesi- sui vari aspetti della tematica da quelli tecnici, a quelli economici e gestionali;

-che in data 15.10.2015-allo scadere del suddetto impegno, ancora inevaso, da parte del Governo- la scrivente Rete Nazionale ha inviato allo stesso una nota con accluse le proprie proposte (che ad ogni buon conto, si reiterano in allegato) che sono state successivamente presentate in data 05.11.2015, in un partecipato convegno presso la Camera dei Deputati;

-che in tale convegno sono stati approfonditi anche altri aspetti della riforma, non contenuti nella Risoluzione parlamentare, ma facenti parte a tutto tondo della storia e delle richieste di questo esteso movimento nazionale che ha preso il via dalla scrivente Rete Nazionale NOGESI, ma che via via si è allargato nei territori delle regioni interessate. Intendiamo parlare delle superate tecnologie di ENEL Green Power in Amiata che fanno parte ormai dell’archeologia dello sfruttamento geotermico, ma che stanno producendo inquinamento ambientale e sanitario non più sopportabile-(e quindi, quivi, si apre la necessità di affrontare il decommissioning, cioè lo smantellamento degli impianti in Amiata in un momento favorevole in cui –in mutate condizioni energetiche- ENEL “chiude” decine di impianti) e della necessità di opporsi agli impianti “binari” sulla base di un dato ormai generalizzato: non esiste più un’area del Paese in cui ci sia consenso sociale alla geotermia idrotermale di prima generazione, sia in alta entalpia che in media entalpia!.

Ma anche di sperimentare ormai nuove forme di utilizzo geotermico c.d. di terza generazione (tipo Borehole Heat Exchangers- BHE) che potrebbero aprire la via per una nuova geotermia, sicura, non inquinante, che punti sul vapore (ma capace-solo se necessario e senza incentivi- di produrre anche elettricità), privilegiando così gli investimenti sull’efficienza energetica e sulla produzione di calore, di cui siamo deficitari come Paese. Impianti, quindi che non “spostano” i fluidi dal sottosuolo, che per funzionare non hanno bisogno di acqua, ma prelevano solo il calore ceduto, evitando così di avere effetti indesiderati come difficoltà di reimmettere i gas incondensabili (molti dei quali tossici), inquinamento delle falde, induzione di sismicità indotta e provocata, ecc. Inoltre tale innovativa tecnologia permetterebbe lo sfruttamento, non solo dei tradizionali giacimenti idrotermali, ma anche dei promettenti giacimenti “non-tradizionali” (rocce secche, pressurized, magmatici, “offshore”, alta profondità, ecc.), molto maggiori degli “idrotermali”; per ultimo tale indirizzo permetterebbe all’Italia di riconquistare la leadership tecnologica sulla geotermia, sbiadita da lungo tempo. Ma anche della necessità di “aprire finalmente la via” alla geotermia a bassa entalpia;

-che sulla omissione di impegno, entro i tempi stabiliti, da parte del Governo nella predisposizione della riforma di cui alla citata Risoluzione parlamentare del 15.04.2015 eravamo stati- sin da subito- buoni profeti nell’indirizzare ai parlamentari delle Commissioni Ambiente e Attività Produttive della Camera dei Deputati –che avevano approvato la detta Risoluzione- note richiedenti un assiduo “controllo da parte del Parlamento su come si muoveranno il MISE ed il MATTM sul terreno della riforma”, perché “il peso delle lobbies -consolidate anche in questo settore nel periodo berlusconiano – è molto forte…E senza una specifica e convinta volontà di riforma è facile banalizzarne il portato”.

-che nelle more del rispetto dell’impegno del Governo, la sottosegretaria al MISE Simona Vicari in data 22.10.2015 –rispondendo alla interrogazione n. 5-06259 a firma degli on. Terrosi, Braga, Bonaccorsi e Mazzoli (PD)- secondo cui veniva sollecitato il Governo a presentare entro il 15 ottobre le linee guida richieste dalla citata Risoluzione del 15.04.2015 e “a rilasciare, a seguito dell’emanazione delle linee guida, tutte le autorizzazioni per i progetti di impianti geotermici, comprese quelle relative ai procedimenti in corso, nel rispetto delle prescrizioni ivi previste”, stigmatizzando che il MISE abbia inopinatamente avviata la conferenza di servizi per l’autorizzazione dell’impianto geotermico pilota di Castel Giorgio, in Umbria- dichiara che “il citato impegno non prevede che nelle more dell’adozione delle linee guida non possano essere, comunque, rilasciate autorizzazioni. Tra l’altro, l’ipotesi di una moratoria sugli impianti geotermici, pur essendo stata valutata in sede di discussione della risoluzione citata nell’atto di cui si discute, non ha trovato accoglimento”. Il dato letterale che emerge dalla risoluzione, in realtà, è chiaro nell’affermare il contrario rispetto a quanto affermato dal Sottosegretario. Le Commissioni parlamentari ottava e decima hanno chiaramente impegnato il Governo a far avanzare i procedimenti in corso soltanto dopo l’emanazione delle linee guida. E’ del tutto evidente che, in ossequio ai principi di buon andamento, efficienza ed efficacia dell’amministrazione – oltre che per rispetto istituzionale nei confronti dell’organismo parlamentare che ha adottato la predetta risoluzione, nella quale si chiede espressamente che le autorizzazioni siano rilasciate dopo l’emanazione delle linee guida – i procedimenti di VIA in corso aventi ad oggetto progetti pilota avrebbero dovuto essere sospesi, in attesa dell’emanazione delle ridette linee guida. D’altra parte, se il procedimento di valutazione di impatto ambientale è (come è) finalizzato principalmente a verificare la compatibilità ambientale di un determinato progetto dal punto di vista localizzativo, non si vede davvero come possano progredire i procedimenti VIA in corso prima che il governo abbia adottato preventivamente le linee guida in questione, finalizzate proprio a rendere chiarezza sui criteri di idoneità localizzativa che dovranno essere seguiti nelle valutazioni;

-che sullo stesso ritardo il sottosegretario Giacomini – rispondendo alla interrogazione n. 5-06647 a firma degli on. Terrosi, Braga, Bonaccorsi e Mazzoli (PD)-secondo cui il Governo non aveva ancora adottato le linee guida per le attività geotermiche, la cui scadenza era prevista il 15 ottobre 2015, ha dichiarato in data 24.11.2015 che il Governo “ha provveduto ad avviare i lavori di «zonazione» del territorio italiano affinché, per le varie tipologie di impianti geotermici, siano identificate le aree potenzialmente sfruttabili, e ad implementare le «linee guida» per le attività geotermiche, insieme al Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, al fine di individuare i criteri generali di valutazione per lo sfruttamento in sicurezza della risorsa”;… i documenti non sono ancora definitivi in quanto sugli stessi si stanno coinvolgendo i vari stakeholder, oltre alle regioni maggiormente interessate dalle attività in argomento, al fine di poter condividere i contenuti delle stesse e definire compiutamente le best practices della materia”;

-che sulla stessa materia nella seduta del 12 gennaio 2016 lo stesso sottosegretario al MISE Giacomini alla interrogazione n. 3- 01653, primo firmatario il sen. Scalia (PD), circa il mancato decreto contenente i casi in cui si applica la procedura abilitativa semplificata e le prescrizioni per la posa in opera degli impianti di produzione di calore da risorsa geotermica, ovvero sonde geotermiche, destinati al riscaldamento e alla climatizzazione di edifici previsto dal D.Lgs. 28/2011 (sono passati 5 anni, anziché i 3 mesi previsti dalla legge!) il quale-bontà sua- asserisce che lo schema di decreto, già predisposto nelle sue linee principali, potrà essere adottato in tempi brevi”dimostra –se ce fosse ancora bisogno-del disinteresse in materia dei governi che dal 2011 si sono succeduti; con la conseguenza che lo stesso on. Scalia chiede al Governo di adottare al più presto tale decreto sottolineando come sia auspicabile semplificare i procedimenti piuttosto che limitarsi ad incentivi di natura economica, destinati a gravare sulle bollette elettriche(!);

Tutto ciò premesso, si richiede:

– che la scrivente Rete Nazionale –che ha già inviato al Governo le proprie proposte che ha poi ulteriormente presentato in Parlamento- venga coinvolta sui contenuti della riforma del Governo attraverso una audizione, rispetto la quale si dichiara fin d’ora la propria disponibilità ad intervenire, anche con qualificata delegazione tecnica.

Siamo più che mai convinti che ora sia necessario nel settore un cambio di paradigma (non essendo quello attuale largamente condiviso dalla comunità di esperti). Anzi un doppio cambio di paradigma: sperimentare nuove tecnologie geotermiche che siano capaci di non avere impatti significativi sui territori come la geotermia di “terza generazione” (che non muove fluidi, ma utilizza il calore del sottosuolo) e la geotermia a “bassa entalpia”, già prontamente utilizzabile, ma che va normata e sostenuta. Insomma una geotermia che sia realizzabile in ogni luogo e non solo nelle aree idrotermali (e quindi potenzialmente sismiche del paese) – ampliando quindi la sua possibilità di sfruttamento- ma evitando le aree dedicate ad altre importanti vocazioni territoriali; per fare questo è essenziale che il Governo smetta di alimentare con gli incentivi la geotermia speculativa ed inquinante liberalizzata dal piano Berlusconi-Scajola.

Inoltre è necessario avere una nuova politica per il settore che riveda le politiche di sostegno al raggiungimento degli obiettivi energetico-ambientali della Strategia Europa 2020 a cominciare dall’eliminazione di nuovi incentivi per i grandi impianti di sola produzione di elettricità, privilegiando invece gli investimenti sull’efficienza energetica e sulla produzione di calore, di cui siamo deficitari come Paese. Il tentativo delle aziende della “buona geotermia” (e di ex-verdi riciclati) è far credere che è solo un problema di processo, ossia che si possa fare la “buona “ geotermia con alcuni accorgimenti “soggettivi” e tanto spirito “positivo”, quando invece è un problema di tecnologie usate e quelle idrotermali che fanno muovere i fluidi presentano i problemi non risolti già detti, per non parlare del non-sense “economico” della geotermia elettrica che –tramite gli incentivi- costa al Paese 4 volte di più delle altre forme di produzione, (ma tanto gli incentivi li pagano i cittadini e le imprese sulle bollette elettriche!), in un momento in cui il Paese si de-industrializza, ed il prezzo del barile di petrolio è ai minimi storici…e lo sarà forse molto a lungo!

-che il Governo emetta tali norme al più presto, si è già ritardato abbastanza. Ritardare ancora o peggio usare la politica del “dire” ma del “non fare” non aumenta certo la credibilità del piano geotermico del Governo, su cui il Parlamento ha sentito la necessità di intervenire: ignorare gli impegni assunti in Risoluzione porterà inevitabilmente allo scontro con le opinioni pubbliche locali, ad impianti affidati frettolosamente a società inesperte, ad un elevato rischio di incidenti e ad una conclusione che sarà: “o una geotermia fatta male o nessuna geotermia”. Questo noi cittadini e le istituzioni del nostro Paese non lo possono accettare. La riforma della geotermia è ormai una necessità ineliminabile.

———-ooOoo———-

PER APPROFONDIRE:
> Risoluzione parlamentare sulla geotermia: bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto.
> 5 novembre 2015, iniziativa della Rete nazionale NOGESI a Montecitorio. Tutti a Roma!
> Roma, 5 novembre 2015. La Rete NOGESI porta in Parlamento la proposta dei cittadini sulla geotermia.