Risoluzione parlamentare sulla geotermia: bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto

half-empty-glassIN MERITO ALL’APPROVAZIONE ALLA CAMERA DEI DEPUTATI DI UNA RISOLUZIONE RELATIVA ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA DA IMPIANTI GEOTERMICI

In riferimento alla avvenuta approvazione, il 15 aprile us, nelle Commissioni VIII e X della Camera dei Deputati della Risoluzione 8-00103 in merito alla produzione di energia da impianti geotermici desideriamo esprimere il nostro giudizio sufficientemente positivo sui contenuti del testo ed il nostro vivo apprezzamento per i parlamentari che si sono adoperati per il raggiungimento di tale obiettivo.
Viene infatti così ristabilita la responsabilità precipua dello Stato nella individuazione delle aree idonee allo sfruttamento in sicurezza della geotermia e dei criteri di valutazione delle principali componenti critiche relative a tale attività (bilancio idrologico complessivo, rischio di inquinamento delle falde, qualità dell’aria, induzione di sismicità indotta e provocata) come richiesto al Governo ed agli organi parlamentari dalla nostra Rete Nazionale. E particolare importante è l’aver statuito che le autorizzazioni saranno rilasciate solo dopo avere rispettato le “nuove norme” che lo Stato definirà entro tempi certi, e ciò vale quindi anche per i procedimenti in corso (Castel Giorgio, Montenero e tutti gli altri impianti in itinere di autorizzazione).

Tanto più significativa appare la Risoluzione perché la liberalizzazione del settore determinata dal D. Lgs.22/2010 mette in campo –sospinte da incentivi enormemente ingiustificati (che alimentano una produzione di energia che non ha mercato (Il Fatto Quotidiano, 8 aprile 2015) – aziende senza esperienza nel settore, spesso di dimensioni modeste, essendo l’unica esperienza acquisita in Italia quella dell’ex-monopolista ENEL. Pur se tale esperienza -in special modo in Amiata (Toscana)– abbisognerebbe di un non più rinviabile supplemento di indagine da parte del Parlamento e del Governo circa le vecchie tecnologie usate (non riscontrabili in nessuna parte del mondo!) e le problematiche ambientali e sanitarie prodotte nei territori (altro che la “tecnologia matura” citata in Risoluzione!).

Responsabilità che la precedente normativa dettata dal Governo Berlusconi IV aveva delegato in toto alle imprese, con un processo di liberalizzazione selvaggia improponibile e nei fatti da anni inapplicata, per l’opposizione nei territori degli enti locali e delle popolazioni coinvolte.

Come pure il recepimento della nostra richiesta di rivedere gli incentivi concessi con troppo larghezza alla geotermia e di armonizzare le ingiustificate differenze tra i cd. “impianti pilota” e quelli ad autorizzazione regionale, utilizzanti la stessa identica tecnologia.

Non possiamo infine non riconoscere l’importante impegno assunto in Risoluzione che nella fase pre-realizzativa ci sia un pieno coinvolgimento delle amministrazioni e delle popolazioni locali nel processo decisionale, favorendo l’eventuale applicazione del principio di precauzione.

 Tutto risolto dunque? No, e per molte ragioni.

Si apre infatti ora una fase di confronto serrato con il Governo sui contenuti: le cose indicate nella Risoluzione devono essere tradotte coerentemente in norme prescrittive chiare e complete circa gli aspetti tecnici e normativi ivi contenuti che permettano sia la esatta individuazione delle aree prescelte, che i necessari approfondimenti, con il coinvolgimento delle popolazioni, per l’eventuale sfruttamento in assoluta sicurezza. E la scrivente Rete Nazionale farà certamente la sua parte nello stimolare  il Governo in tal senso.
E gli inizi non sono confortanti, se il Ministro dell’Ambiente Galletti –che immaginiamo abbia notizia dell’attività del Parlamento- emette il decreto di compatibilità ambientale di Castel Giorgio il 3 aprile, pochi giorni prima della promulgazione della Risoluzione. Ci viene il sospetto che la fretta di Galletti non sembra essere solo cattiva consigliera, ma consapevole tattica per scavalcare le decisioni che le Commissioni Ambiente e Attività Produttive stavano per prendere. Insomma, il Ministro Galletti è o non è d’accordo sul predisporre linee guida nazionali, e se è d’accordo perché accelera (inutilmente) per scavalcarle per Castel Giorgio?
Ma come già avviene per le altre “energie alternative” sarà necessario -sulla base di una migliore comprensione delle problematiche che lo sfruttamento geotermico induce nel territori dettato dalle estese vertenze raccolte nella Rete Nazionale, ma anche degli approfondimenti indotti nell’occasione della Risoluzione– che le Regioni individuate dalla prevista “zonizzazione” possano definire nella loro legislazione altre peculiarità ambientali e socio-economiche (specie la economia diffusa nei territori) che sconsiglino in tali aree   l’installazione di impianti industriali geotermici.

Ne è un esempio la decisione della Regione Toscana -la regione italiana geotermica per eccellenza – che è stata costretta a legiferare, di fronte al ritardo nell’inserimento di regole da parte dello Stato ed alla intollerabilità del piano Berlusconi-Scajola (forse oggi con la Risoluzione in argomento, c’è finalmente un primo tentativo di svolta!), una necessaria “moratoria” al fine “di non compromettere in modo irreversibile il territorio ed evitare rischi alla sostenibilità ambientale e socio-economica”. Crediamo che il Consiglio di Ministri del 10 aprile scorso anziché impugnare presso la Corte Costituzionale la Legge Regionale Toscana n.17 del 16/02/2015, recante “Disposizioni urgenti in materia di geotermia” avrebbe fatto meglio ad accelerare la riforma della inaccettabilità del piano geotermico Berlusconi-Scajola.

D’altro canto l’accettabilità dello sfruttamento geotermico da parte delle Regioni è problema rilevante visto che le autorizzazioni passano per le Regioni sia per gli impianti “regionali” che per quelli c.d. “pilota” in cui è necessario, per terminare l’iter autorizzativo, l’intesa con la Regione o le Regioni coinvolte.

Rete Nazionale NO Geotermia Elettrica Speculativa e Inquinante

——-ooOoo——-

Di seguito il testo della Risoluzione approvata:

Risoluzioni nn. 7-00486 Braga, 7-00519 Abrignani, 7-00529 Pellegrino, 7-00530 Segoni, 7-00648 Vallascas: Produzione di energia da impianti geotermici.
TESTO UNIFICATO DELLE RISOLUZIONI APPROVATO DALLE COMMISSIONI

Le Commissioni VIII e X,
premesso che:

quella « geotermica » è una forma di energia naturale che trova origine dal calore della terra e, tra le energie rinnovabili, ha un valore aggiunto che condivide soltanto con l’idroelettrico: la continuità della produzione. Per questo motivo, i progetti più interessanti affiancano oggi la geotermia alle altri fonti rinnovabili, per le quali verrebbe a costituire un importante sostegno nei momenti di scarsa produzione. La geotermia, quindi, può essere intesa come un elemento importante per la « green economy » e un sostegno significativo per sviluppare politiche « low carbon »;

lo sviluppo corretto della geotermia porta con sé inoltre non solo benefici ambientali, contribuendo in maniera importante alla lotta contro i cambiamenti climatici, ma offre anche importanti occasioni per la creazione di nuovi posti di lavoro;

l’Italia, per le sue caratteristiche morfologiche, ha risorse geotermiche importanti e poco sfruttate: secondo i dati forniti dall’unione geotermica italiana, le risorse geotermiche del territorio italiano potenzialmente estraibili da profondità fino a 5 km sono dell’ordine di 21 exajoule (21×1018 joule, corrispondenti a circa 500 mtep, ovvero 500 milioni di tonnellate equivalenti di petrolio). I campi geotermici ad alta entalpia, per il cui sfruttamento disponiamo di una tecnologia matura, e il cui utilizzo per la produzione di energia geotermoelettrica è oggi possibile a costi competitivi con le altre fonti energetiche, si trovano nella fascia preappenninica – tra Toscana, Lazio e Campania –, in Sicilia e Sardegna così come nelle isole vulcaniche del Tirreno;
considerata quindi l’importanza e la rilevanza strategica della geotermia,

impegnano il Governo:

ad avviare le procedure di zonazione del territorio italiano, per le varie tipologie di impianti geotermici, identificando le aree potenzialmente sfruttabili in coerenza anche con le previsioni degli orientamenti europei relativamente all’utilizzo della risorsa geotermica, e in linea con la strategia energetica nazionale;

ad emanare, entro sei mesi, « linee guida » a cura dei Ministeri dello sviluppo economico e dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, che individuino nell’ambito delle aree idonee di cui al punto precedente anche i criteri generali di valutazione, finalizzati allo sfruttamento in sicurezza della risorsa, tenendo conto delle implicazioni che l’attività geotermica comporta relativamente al bilancio idrologico complessivo, al rischio di inquinamento delle falde, alla qualità dell’aria, all’induzione di micro sismicità;

a rilasciare, a seguito dell’emanazione delle linee guida, tutte le autorizzazioni per i progetti di impianti geotermici, Mercoledì 15 aprile 2015 —9— Commissioni riunite VIII e X comprese quelle relative ai procedimenti in corso, nel rispetto delle prescrizioni ivi previste;

a far sì che, nella valutazione di impatto ambientale (Via), si tenga conto in particolare delle implicazioni che l’attività geotermica comporta relativamente al rischio di inquinamento delle falde, alla qualità dell’aria, all’induzione di micro sismicità;

ad assumere iniziative volte a ridurre i tempi procedimentali per le autorizzazioni, al fine di consentire lo sviluppo delle attività finalizzate all’utilizzo di nuove tecnologie per lo sfruttamento della risorsa geotermica, ad esclusivo onere finanziario dei privati, per poter riportare il settore a competere nel mondo come leader dell’energia rinnovabile;

a favorire lo sviluppo e la diffusione della geotermia a bassa entalpia, ossia ad impianti che sfruttano il calore a piccole profondità, per l’importante contributo che può dare alla riduzione del fabbisogno energetico del patrimonio edilizio italiano;

ad assumere iniziative per rivedere gli attuali meccanismi incentivanti garantiti al geotermico, in quanto fonte rinnovabile, al fine di sostenere maggiormente quelle a minore impatto ambientale; ad assumere iniziative dirette ad armonizzare i diversi regimi di incentivazione attualmente vigenti per gli impianti geotermici pilota e quelli ad autorizzazione regionale utilizzanti le stesse tecnologie;

ad assumere iniziative per inserire nella regolamentazione, con opportune penali, l’obbligo della sigillatura del pozzo atta ad evitare la possibilità di scambio di fluidi tra falde idriche diverse e l’obbligo di evitare il depauperamento della risorsa idrica di falda e di superficie sia in termini quantitativi che qualitativi;

ad assumere iniziative dirette a subordinare il rilascio delle autorizzazioni alla stipula di una polizza fidejussoria a garanzia di eventuali danni all’ambiente, alla salute pubblica e alle attività produttive circostanti;

a prevedere nella fase prerealizzativa un pieno coinvolgimento delle amministrazioni e delle popolazioni locali nel processo decisionale favorendo l’eventuale applicazione del principio di precauzione;

ad assumere iniziative normative affinché per gli impianti già a regime e per quelli che eventualmente verranno realizzati sia previsto (pena la sospensione della concessione) un sistema di controlli ambientali effettuati dalla competente Agenzia Regionale per la Protezione ambientale, a spese del concessionario, volti a verificare (pena la sospensione della concessione) che le attività geotermiche non incidano sul chimismo delle acque destinate al consumo umano rispettando i requisiti del decreto legislativo n. 31 del 2001, che le altre matrici ambientali non risultino contaminate e che la micro sismicità non aumenti significativamente, prevedendo anche che i risultati dei controlli e dei monitoraggi supplementari, da realizzare secondo le linee guida emanate dal Ministero dello sviluppo economico, siano divulgati al pubblico tempestivamente dall’acquisizione per il tramite dei siti Internet del gestore, dell’autorità d’ambito e dell’agenzia ambientale competente per quel territorio.

Braga, Abrignani, Pellegrino, Segoni, Vallascas, Luciano Agostini, Albini, Arlotti, Benamati, Borghi, Cenni, Dallai, Donati, Giammanco, Gnecchi, Giuliani, Manzi, Marchi, Mariani, Mazzoli, Moretto, Terrosi, Tentori, Castiello, Luigi Cesaro, Daga, Da Villa, Della Valle, De Rosa, Distaso, Fantinati, Ferrara, Nicchi, Marti, Martinelli, Polidori, Romele, Vella, Ricciatti, Zaccagnini, Zaratti, Bernini Massimiliano, Busto, Crippa, Lupo, Mannino, Micillo, Prodani, Terzoni, Tofalo, Zolezzi, Artini, Mucci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *