Nuovi permessi di ricerca geotermica: dopo Seggiano, anche a Castiglion d’Orcia non si trivella. E dalle altre parti?

Dal monte Amiata, salutiamo con estrema soddisfazione la Decisione n.16 della Giunta regionale della Toscana, in data 2 maggio 2017, con la quale si nega l’autorizzazione alla Società Tosco Geo S.r.l. di iniziare i lavori inerenti il permesso di ricerca geotermica denominato “Castiglione D’Orcia”, ricadente nei Comuni di Seggiano, Castiglion D’Orcia e San Quirico D’Orcia.

Appare evidente la continuità, ed anche la contiguità territoriale, di questo progetto con quello di cui alla Delibera n.1237 del 21 dicembre 2015 con la quale la stessa Giunta regionale si esprimeva negativamente sul permesso di ricerca geotermica denominato “Seggiano” ricadente nei Comuni di Seggiano, Castel del Piano, Arcidosso e Castiglion D’Orcia.

Le motivazioni di entrambi gli atti sono imperniate sulla difesa del territorio, dell’ambiente, del paesaggio, delle aree variamente protette e tutelate, delle incompatibilità di tali progetti con le vocazioni socio-economiche, ecc., tutti temi che farebbero impallidire anche i più ferventi ecologisti e che, ovviamente, non possiamo che condividere.

Gli stessi atti sono la coerente e logica conseguenza di quanto viene sostenuto da almeno tre anni da tutti gli amministratori, locali e regionali, sul limite raggiunto dallo sfruttamento geotermico in Amiata, concetto poi cristallizzato nel PAER (Piano ambientale ed energetico regionale) approvato dal Consiglio regionale con delibera C.R. n. 10 del 11.02.2015, alla sezione 2, punto A.3 si afferma che il “territorio dell’Amiata dove il riassetto della concessione di Piancastagnaio e la nuova centrale denominata Bagnore 4, hanno portato la potenza complessivamente installata attorno ai 100 MW fissando un punto di equilibrio tra lo sfruttamento della risorsa con le tecnologie oggi impiegate e la vocazione socio economica dei territori”.

Fin qui tutto bene, parrebbe che il presidente Rossi e la sua giunta si stiano veramente adoperando per tutelare il territorio da ulteriori scempi in nome della geotermia speculativa e inquinante, ma allora perché non si interviene analogamente per i progetti in corso per le previste centrali di Monte Labro, Monticello Amiata, di Montenero, di Casa del Corto, di Scansano, Sorano, Casole d’Elsa, della Valdera, ecc.??

E ancora, scandalo sullo scandalo, perché si permette che l’Enel ancora presenti richiesta per altre centrali ad alta entalpia di tipo flash a rilascio libero nell’atmosfera come la richiesta per la VIA del progetto PC6 a Piancastagnaio??

Il segnale che arriva dalla Giunta il giorno stesso, con la Decisione n.40 del 2/5/2017, relativo a “Indirizzi agli uffici della Giunta regionale per la predisposizione delle linee guida per la individuazione delle aree non idonee per la geotermia”, la cd.zonazione, sembra di segno opposto alla citata Decisione n.16, almeno leggendo le premesse del provvedimento che sembrerebbero favorire comunque lo sviluppo geotermico limitando le possibili motivazioni per definire le “aree non idonee”, mentre, ad es., non cita il PAER quando parla della saturazione della geotermia in Amiata (vedi sopra) e, men che meno, tiene conto delle affermazioni del capogruppo PD in Regione, Marras, che ha assicurato che tutti i comuni in cui ad oggi non ci siano già impianti devono essere considerate “aree non idonee”.

Il presidente Rossi è uscito recentemente dal PD ed ha operato una profonda rottura proprio con quel Renzi che appena un anno fa, di ritorno dalla visita alle centrali Enel del Nevada, affermò con piglio decisionista che avrebbe raddoppiato la geotermia in Amiata; se tale rottura è vera e riguarda anche le scelte in materia di ambiente, energia, tutela della salute e del territorio, chiediamo allora che anche sulla questione geotermia Rossi lo dimostri con atti concreti e generali, come una moratoria generale su tutta la geotermia, esistente e di progetto, ed apra un vero e franco confronto con la popolazione, con i comitati, con le istituzioni locali.

 

Sos Geotermia aderente alla Rete NoGESI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *