Geotermia a Montenero? Contro ogni impianto, moratoria subito!

montenero trivella avvoltoio

Sosteniamo i cittadini e i comitati di Montenero contro nuovi impianti. Gli amministratori del PD vedono la pagliuzza GESTO e ignorano la trave ENEL.

Sos geotermia, mentre è favorevole all’utilizzo del calore geotermico per il riscaldamento di abitazioni e altre attività, quali termalismo e serricoltura, è contraria alle centrali con  emissioni in atmosfera e anche a quelle a ciclo binario, almeno fino a quando qualcuno non dimostri, senza dubbi, che le tecnologie a ciclo binario non possono causare alcun tipo di problema, alterando le pressioni, gli equilibri sismici e la qualità delle falde idriche. Da sempre chiede una moratoria generale sia per gli impianti esistenti, sia per i progetti in cantiere e le ipotesi previste dalla Delibera regionale toscana n. 58/2013, che ha dato il via ai nuovi impianti sperimentali, centrali a biomasse con incenerimento e nuove tecnologie di produzione geotermica, incentivandole.
Dobbiamo purtroppo constatare che gli amministratori: Regione, Sindaci, con l’assenso di Presidenti di Comunità Montane e delle Province a spalancare le porte  all’ulteriore incremento delle attività geotermiche in questi territori, dimostrandosi sordi alla  richiesta di applicare il Principio di precauzione quando, come in Amiata, esistono esistono problematiche molto gravi che riguardano la situazione sanitaria, il suo acquifero, la qualità dell’aria e il rischio sismico. Si sono completamente dimenticati di quando dichiaravano alla stampa che la geotermia era incompatibile con le risorse naturalistiche e con l’economia di questi territori e parlavano di dismissione anche delle centrali esistenti. Erano gli anni 2000 dei Progetti LIFE Natura, finanziati dall’Unione Europea per la salvaguardia delle biodiversità, delle specie protette. Oggi hanno acconsentito alla costruzione della più grande centrale dell’Amiata, Bagnore 4 (40 MW) proprio all’interno di un Sito di Interesse Comunitario. Loro oggi sostengono che il volano dello sviluppo economico sarebbe la geotermia, pur sapendo che nelle aree geotermiche tradizionali di Lardarello c’è stato un declino, per il forte impatto economico, che ha danneggiato tutte le altre attività e svalutato pesantemente il patrimonio immobiliare di quei territori.
Per questo oggi sorprende sentire che si schierano contro le centrali geotermiche, perchè danneggiano l’agricoltura, il turismo e la produzione di qualità del territorio.
Ora è bene chiarire che gli impianti come quello progettato a Montenero possono arrivare fino a 5 MW di potenza massima e sono a ciclo chiuso o binario (cioè con reiniezione dei fluidi); mentre le centrali esistenti dell’Enel e quelle in costruzione (Bagnore 4 e Riassetto Piancastagnaio) arriveranno complessivamente a oltre 120 MW di potenza e sono di tipo ‘flash’, cioè a rilascio dei fluidi in atmosfera!
Ma gli amministratori e la Regione, rappresentata dall’ Assessore all’Ambiente Bramerini di Arcidosso, non possono in democrazia discriminare i cittadini in figli e figliastri, ma dovrebbero amministrare con imparzialità e giustizia nei confronti di tutte le popolazioni, quindi non possono permettersi di abbracciare oggi la causa della geotermia contro gli impianti sperimentali a Montenero e, contemporaneamente, essere i responsabili primi dello scempio delle centrali Enel. Le questioni sono due: o dicono bugie per tenersi buoni cittadini e imprenditori locali, oppure sono sinceri e si sono accorti che hanno sbagliato, sostenendo la geotermia Enel..
Sosteniamo quindi, pienamente convinti, anche la battaglia contro l’ipotesi geotermica a Montenero, auspicando che cittadini e imprenditori sappiano vedere che anche la geotermia, quella che oltre la collina emette in atmosfera inquinanti, con caratteristiche tossicologiche  rilevanti e nanoparticelle, sarà determinante per il futuro del loro territorio.

Il Giunco.net del 20 gennaio 2014
“Sos Geotermia” contro la centrale di Montenero: ma non si fanno figli e figliastri
CASTEL DEL PIANO – Contro un nuovo impianto Geotermico a Montenero, nel comune di castel del Piano, scende in campo “Sos geotermia” che afferma di essere «favorevole all’utilizzo del calore geotermico per il riscaldamento di abitazioni e altre attività, quali termalismo e serricoltura, e contraria alle centrali con emissioni in atmosfera e anche a quelle a ciclo binario. Da sempre Sos geotermia chiede «una moratoria generale sia per gli impianti esistenti, sia per i progetti in cantiere».
«Dobbiamo purtroppo constatare che sono stati proprio gli amministratori: Regione, sindaci, con l’assenso di presidenti di Comunità Montane e delle Province a spalancare le porte all’ulteriore incremento delle attività geotermiche in questi territori – prosegue Sos geotermia -, dimostrandosi sordi alla richiesta di applicare il Principio di precauzione quando, come in Amiata, esistono problematiche molto gravi che riguardano la situazione sanitaria, il suo acquifero, la qualità dell’aria e il rischio sismico. Si sono completamente dimenticati di quando dichiaravano alla stampa che la geotermia era incompatibile con le risorse naturalistiche e con l’economia di questi territori e parlavano di dismissione anche delle centrali esistenti. Erano gli anni 2000 dei Progetti LIFE Natura, finanziati dall’Unione Europea per la salvaguardia delle biodiversità, delle specie protette. Oggi hanno acconsentito alla costruzione della più grande centrale dell’Amiata, Bagnore 4 (40 MW) proprio all’interno di un Sito di Interesse Comunitario».
«Per questo oggi sorprende sentire che si schierano contro le centrali geotermiche, perchè danneggiano l’agricoltura, il turismo e la produzione di qualità del territorio – si legge ancora -. Ora è bene chiarire che gli impianti come quello progettato a Montenero possono arrivare fino a 5 MW di potenza massima e sono a ciclo chiuso o binario (cioè con reiniezione dei fluidi); mentre le centrali esistenti dell’Enel e quelle in costruzione (Bagnore 4 e Riassetto Piancastagnaio) arriveranno complessivamente a oltre 120 MW di potenza e sono di tipo ‘flash’, cioè a rilascio dei fluidi in atmosfera! Ma gli amministratori e la Regione, rappresentata dall’assessore all’Ambiente Bramerini di Arcidosso, non possono in democrazia discriminare i cittadini in figli e figliastri, ma dovrebbero amministrare con imparzialità e giustizia nei confronti di tutte le popolazioni, quindi non possono permettersi di abbracciare oggi la causa della geotermia contro gli impianti sperimentali a Montenero e, contemporaneamente, essere i responsabili primi dello scempio delle centrali Enel. Le questioni sono due: o dicono bugie per tenersi buoni cittadini e imprenditori locali, oppure sono sinceri e si sono accorti che hanno sbagliato, sostenendo la geotermia Enel».
«Appoggiamo quindi, pienamente convinti, anche la battaglia contro l’ipotesi geotermica a Montenero – conclude Sos Geotermia -, auspicando che cittadini e imprenditori sappiano vedere sopratutto che la geotermia, già autorizzata in Amiata, emette in atmosfera tonnellate di inquinanti, con caratteristiche tossicologiche rilevanti e nanoparticelle, compromettendo il futuro del loro territorio».

La Nazione del 19 gennaio 2014
AMIATA SOS GEOTERMIA ATTACCA GLI AMMINISTRATORI CHE SOSTENEVANO ENEL
La geotermia arriva in Parlamento
La deputata grossetana Nicchi (Sel) presenta un’interrogazone
di Matteo Alfieri
VALDORCIA maremmana, la questione delle perforazioni a Montenero arriva in Parlamento (nella foto l’affollata riunione). A sollevare il caso alla Camera è la deputata grossetana Marisa Nicchi (Sinistra Ecologia e Libertà), che nelle prossime ore, già domani mattina alla riapertura dei lavori, depositerà un’interrogazione parlamentare al ministero dello Sviluppo economico e al ministero dell’Ambiente per far luce su quanto sta accadendo nel territorio della Valdorcia, dove la multinazionale portoghese Gesto ha ricevuto dal Governo l’autorizzazione ad eseguire perforazioni su un’area di 35 chilometri quadrati alla ricerca di calore geotermico. «CI DICONO che gli interventi sono di carattere, ma cosa succederà al termine delle ispezioni se queste avranno esito positivo?» chiede l’Onorevole Nicchi nell’interrogazione. «E su quali criteri son state autorizzate queste ricerche?». «E’ evidente a questo punto prosegue Nicchi che ci sono progetti strutturati e definiti, è evidente che Gesto ha in cantiere progetti di impianti geotermici sul nostro territorio». L’onorevole Nicchi non si dice contraria a priori agli impianti geotermici, ma «prima di qualsiasi intervento serve una riflessione che coinvolga gli enti locali» perché «lo sviluppo della geotermia potrebbe mettere a repentaglio l’inestimabile valore paesaggistico, ambientale ed enogastronomico di questo territorio». Sulla questione interviene anche il vicepresidente della Provincia di Grosseto Marco Sabatini (Sel): «Le energie rinnovabili vanno pianificate. I cittadini non devono subire queste risorse e non devono avvertirle come un elemento intrusivo imposto dalle multinazionali. I cittadini devono avere il diritto di scegliere l’evoluzione del proprio territorio, invece avviene che la pianificazione sia completamente sottratta alle amministrazioni locali». CHIEDE una moratoria e si schiera contro la costruzione di qualsiasi impianto anche «Sos Geotermia» che dà la sua versione dei fatti: «Sosteniamo i cittadini e i comitati di Montenero contro nuovi impianti. Gli amministratori del Pd vedono la pagliuzza Gesto Italia e ignorano la trave Enel attaccano . Sos geotermia, mentre è favorevole all’utilizzo del calore geotermico per il riscaldamento di abitazioni e altre attività, quali termalismo e serricoltura, è contraria alle centrali con emissioni in atmosfera e anche a quelle a ciclo binario». Gli ambientalisti spiegano meglio: «Dobbiamo purtroppo constatare che sono stati proprio gli amministratori con l’assenso di presidenti di comunità Montane e delle Province a spalancare le porte all’ulteriore incremento delle attività geotermiche in questi territori dicono , dimostrandosi sordi alla richiesta di applicare il principio di precauzione quando, come in Amiata, esistono problematiche molto gravi che riguardano la situazione sanitaria, il suo acquifero, la qualità dell’aria e il rischio sismico». E CONTINUANO: «Per questo oggi sorprende sentire che gli stessi si schierano contro le centrali geotermiche. Gli impianti come quello progettato a Montenero arrivano a 5 megawatt e sono a ciclo chiuso o binario (cioè con reiniezione dei fluidi), le centrali dell’Enel arriveranno complessivamente a oltre 120 megawatt di potenza e sono di tipo flash, cioè a rilascio dei fluidi in atmosfera. I casi allora sono sono due: o gli amministartori dicono bugie per tenersi buoni cittadini e imprenditori locali, oppure sono sinceri e si sono accorti che hanno sbagliato sostenendo la geotermia Enel».

Il Tirreno del 19 gennaio 2014
Sindaci uniti contro la “nuova” geotermia
Accordo fra i Comuni dopo il caso Montenero. Ma Sos insorge: «Perché a Bagnore invece va bene?»

CASTEL DEL PIANO – Il caso della centrale geotermica progettata dalla società Gesto in Val d’Orcia continua a tenere banco. Il sindaco di Castel del Piano Claudio Franci, ha incontrato venerdì il sindaco di Montalcino per discutere la questione. E con il collega ha deciso di predisporre un documento comune che dica un deciso no alla costruzione di centrali e sia sottoscritto da tutti i sindaci sia dell’Amiata che delle sue propaggini. Delle zone, insomma, toccate dai progetti di ricerca geotermica. «In questo documento si dirà un altro no forte e chiaro, come quello che già in passato dicemmo alla Regione Toscana _ spiega Franci _ per chiarire che i comuni i cui territori sono stati individuati per sondaggi e ricerche, non sono disponibili a vedere sul loro terreno impianti geotermici. Un’operazione, questa, che chiama a raccolta i primi cittadini di Castel del Piano, Montalcino, Cinigiano, Seggiano, Castiglione d’Orcia, Civitella Paganico, San Giovanni d’Asso, Campagnatico, Santa Fiora, Arcidosso, tutti consapevoli che i permessi per la ricerca sono di ragione ministeriale, ma altrettanto fermi nel dire no a ricerche invasive e alla installazione sui propri territori di impianti geotermici». Intanto il Comitato per la salvaguardia della Val d’Orcia Inferiore ha sollecitato una ferma presa di posizione contraria agli impianti geotermici in loco, da parte del consorzio Montecucco doc, dopo la dichiarazione esplicita di contrarietà di quello del Brunello. «I nostri territori _ continua il sindaco Franci _ sono a spiccata vocazione agricola, un’agricoltura di altissima qualità; ed è impensabile aggredire l’ambiente con l’impiantistica geotermica. Altri sono i nostri progetti. Infatti _ ribadisce _ abbiamo preso in serio esame, col sindaco di Montalcino, l’ipotesi di inserire anche “l’altra riva dell’Orcia”, dentro il Parco artistico-culturale della Val d’Orcia, dal 2004 patrimonio dell’umanità. Questo è quello che ci interessa davvero», conclude Franci». Una posizione ferma, che però invece di placare le ire di chi alla geotermia sull’Amiata si oppone senza se e senza ma, se possibile le accresce. Sulla base di una domanda: perché tanta fermezza in questo caso, mentre per le centrali Enel a Santa Fiora le istituzioni locali tacciono, anzi acconsentono? Se lo chiede Sos Geotermia, che ribadisce: «Contro ogni impianto, moratoria subito». Il Comitato precisa: «Sosteniamo i cittadini e i comitati di Montenero… ma gli amministratori del Pd vedono la pagliuzza Gesto e ignorano la trave Enel». Sono stati proprio gli amministratori _ scrive Sos Geotermia _ «a spalancare le porte all’ulteriore incremento delle attività geotermiche in questi territori, sordi alla richiesta di applicare il principio di precauzione quando, come in Amiata, esistono problematiche molto gravi che riguardano situazione sanitaria, acquifero, qualità dell’aria e rischio sismico. Oggi hanno acconsentito alla costruzione della più grande centrale dell’Amiata, Bagnore 4 (40 Mw) all’interno di un Sito di Interesse Comunitario. Per questo sorprende sentire che si schierano contro le centrali geotermiche perché danneggiano l’agricoltura, il turismo e la produzione di qualità del territorio». Sos Geotermia evidenzia poi come l’impianto progettato a Montenero sia assai più piccolo e meno impattante di quelli esistenti o in costruzione a Bagnore e a Piancastagnaio. «Gli amministratori e la Regione non possono discriminare i cittadini in figli e figliastri. Non possono permettersi di abbracciare oggi la causa della geotermia contro gli impianti sperimentali a Montenero e, contemporaneamente, essere i responsabili primi dello scempio delle centrali Enel». (f.b.)

Corriere di Maremma del 19 gennaio 2014
Il comitato incalza gli amministratori:”Colpevoli e bugiardi, dimenticano l’interesse dei cittadini”
Sos Geotermia va all’attacco: “Moratoria subito contro ogni impianto”
…segue ns. comunicato

QuiGrosseto del 18 gennaio 2014
Geotermia a Montenero? Contro ogni impianto, moratoria subito!
Sosteniamo i cittadini e i comitati di Montenero contro nuovi impianti. Gli amministratori del PD vedono la pagliuzza GESTO e ignorano la trave ENEL
…segue ns. comunicato

Il Cittadino online del 18 gennaio 2014
“Geotermia a Montenero? Contro ogni impianto, moratoria subito!”
E’ l’appello di SOS Geotermia dopo l’incontro pubblico
AMIATA. Da SOS Geotermia riceviamo e pubblichiamo.
…segue ns. comunicato

GoNews.it del 18 gennaio 2014
Comitato SOS Geotermia: “Sosteniamo anche la battaglia contro l’ipotesi geotermica a Montenero”
…segue ns. comunicato

Grosseto Notizie.com del 18 gennaio 2014
Sos Geotermia ribadisce il no ad un impianto a Montenero: “Subito una moratoria”
Abbiamo ricevuto e pubblichiamo integralmente un comunicato di Sos Geotermia in merito alla realizzazione di impianti geotermici a Montenero e a Montalcino
…segue ns. comunicato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *