La geotermia e l’ambientalismo embedded

legambiente_maskRipubblichiamo il post di Andrea Marciano per Beni Comuni Manciano su un intervento di Legambiente in difesa della geotermia a riguardo delle emissioni.

In un articolo sul sito online Green-report (che riportiamo di seguito ed è visibile in originale qui) a firma di Lucia Venturi, del circolo Legambiente di Rispescia, sulla geotermia in Amiata, l’autrice interviene per rassicurare ed appoggiare l’ENEL, nel bel mezzo di un’aspra campagna che oppone a questa azienda (ed all’apertura di una nuova centrale da 40Mw a Bagnore.) molti comitati ambientalisti locali   Il titolo già dice tutto: Geotermia e acido solfidrico: l’odore è sgradevole, ma non nuoce alla salute. Anzi . Come dire: “Venite, gente, venite tutti a respirare acido solfidrico, perché fa bene alla salute

Premesso che una associazione ambientalista, che da quella multinazionale percepisce congrue sponsorizzazioni, dovrebbe avere quantomeno il buon gusto di non produrre interventi in sua difesa, ci indigna la superficialità dell’intervento, che pilucca dagli studi scientifici citati, (In particolare quello su di una popolazione maori costretta a convivere con un vulcano attivo) solo quel poco che serve a scagionare l’ENEL da quel 13% di mortalità in eccesso registrata dallo studio ARS nei comuni geotermici dell’Amiata, ignorando tutto il resto.

Qui di seguito alcuni dettagli che potrebbero colmare le vistose lacune dimostrate dall’autrice del pezzo:

  • Lo studio sui nativi neozelandesi prende in considerazione una popolazione esposta ad un campo geotermico naturale, in cui la componente gassosa principale (e pressoché unica) è rappresentata dall’acido solfidrico, ma non tutti i campi geotermici sono uguali.  In quello amiatino, insieme all’acido solfidrico vengono emessi: mercurio, boro, arsenico ed ammoniaca, ma anche anidrite carbonica ed anidrite solforosa e tutto in quantità superiore a quelle ammesse per delle centrali termoelettriche a carbone di pari potenza, che sono governate da norme assai più stringenti. La sola quantità d’arsenico di cui viene autorizzata l’emissione ad ogni centrale, ammonta a 43 chilogrammi per anno, arsenico che, depositato al suolo, contamina ogni organismo vegetale ed animale, oltre, naturalmente, alle falde idriche.
  • Inoltre, lo studio dell’isola di Rotorua scagiona solo l’acido solfidrico dall’incidenza dell’asma, mentre sull’Amiata si parla di morti per tumore.
  • L’affioramento dei vapori geotermici in Amiata non è un fenomeno naturale: senza lo scavo di pozzi appositi, i vapori di cui sopra non raggiungerebbero mai, se non in rarissimi casi, la superficie.
  • la geotermia non è una fonte rinnovabile! Sfrutta il calore residuo della formazione del pianeta, ed i pozzi che vengono scavati, devono essere continuamente rinnovati ed approfonditi, dato che nel tempo esauriscono il loro potenziale, sia termico che idrico, questo la colloca tra le attività minerarie-estrattive, non tra le energie rinnovabile.  Ma il sistema di incentivazione la considera tale e da questo equivoco scaturisce tutto l’interesse dell’Enel per la geotermia: I certificati verdi che guadagna dalla gestione dei campi geotermici, (e dalle centrali idroelettriche che sta costruendo in Centro-America contro il parere delle popolazioni native) gli consentono di tenere aperte le numerose centrali a carbone che continua a gestire (invece di chiuderle, come ci si aspetterebbe, in un percorso virtuoso verso l’abbandono delle fonti fossili). Centrali come la famigerata Federico II di Brindisi repertoriata come uno dei siti industriali più inquinanti d’Europa dall’EEA (European Environment Agency)
  • La geotermia consuma (ed inquina) acqua potabile: l’interdipendenza tra le falde di superficie ed i bacini magmatici è stata provata da innumerevoli studi scientifici. Ed è importante ricordare che il bacino idrico dell’Amiata è quello che rifornisce l’Acquedotto del Fiora (700 mila utenti)
  • La mortalità in eccesso nei comuni geotermici dell’Amiata è un dato di fatto. Accertato da uno studio ARS commissionato dalla Regione Toscana, ed a nulla valgono gli insensati argomenti con cui si è cercato in seguito di smussarne il significato, quello studio di 166 pagine è un macigno che pesa sulle future carriere degli amministratori locali che continuano ad ignorarlo.

L’EEA ha prodotto uno studio sui costi indotti sulla società dall’inquinamento atmosferico (visionabile qui).

Dalle pragmatiche tabelle contenute a pagina 49 risulta che danni, malattie e decessi hanno un costo sociale che può essere accuratamente calcolato e che tale prezzo dovrebbe essere pagato per intero dal responsabile dell’inquinamento.  Non serve una calcolatrice per accorgersi che le indennità pagate dall’Enel ai comuni amiatini sono, al confronto, un’elemosina irrisoria, lontana anni luce dal conto che pagherebbe in un paese dove l’interesse dei cittadini fosse anteposto a quello degli azionisti, dei politici e dei loro “ambientalisti embedded”

Andrea Marciani

————————————-

A quanto detto nel post aggiungiamo quanto, nello studio Bates sugli indigeni di Rototua, viene rilevato anche dall’Ars ma taciuto da Legambiente:

“Del resto gli stessi autori non escludono la presenza di possibili fattori di distorsione (bias) dell’interpretazione dei risultati, come ad esempio un survivor effect, ossia il fatto che persone sofferenti di asma potrebbero essersi spostate dalle zone più esposte a H2S.”
…cioè, che i risultati potrebbero non essere corretti perchè magari (ma che strani questi indigeni…) chi si ammala si allontana dalla zona, oppure, diciamo noi, è già morto e non può rispondere ai questionari degli ineffabili studiosi americani.

——————————————

Geotermia e acido solfidrico: l’odore è sgradevole, ma non nuoce alla salute. Anzi
di Lucia Venturi
La presenza di acido solfidrico (H2S) nelle aree geotermiche toscane è ben nota, in particolare da chi vi abita. L’ARPAT e l’ARS sono ormai attive da molto tempo al fine di rilevare le eventuali conseguenze dal punto di vista ambientale e sopratutto sanitario. E proprio l’Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana (ARS-Toscana) si è recentemente attivata per un confronto diretto con il gruppo di lavoro di Michael Bates, dell’Università della California che da tempo studia la popolazione di Rotorua, un‘isola vulcanica in Nuova Zelanda, caratterizzata, anch’essa, dalla presenza di emissioni naturali di acido solfidrico.
La popolazione di Rotorua, è la più ampia al mondo (60 mila persone) ad essere esposta ad emissioni geotermiche naturali, in particolare H2S e da tempo è sotto osservazione da parte del gruppo dei ricercatori guidati da Bates, che, in occasione del convegno su “Geotermia e Salute” organizzato dall’ARS per confrontare l’esperienza neozelandese e quella toscana, aveva anticipato alcuni risultati rassicuranti sugli effetti dell’esposizione ad acido solfidrico.
Lo studio neozelandese include varie linee di ricerca sugli effetti dell’esposizione a basse concentrazioni di H2S, tra cui l’asma ed effetti correlati.
La nuova ricerca, pubblicata su Environmental Research, si riferisce proprio a questo tipo di disturbi respiratori e mostra che l’esposizione cronica a basse concentrazioni di acido solfidrico non è associata a incrementi di rischio per asma e sintomi respiratori simili all’asma.
La nuova campagna di misurazioni effettuata dal gruppo di ricerca di Michael Bates mostra valori di concentrazione di H2S (sia in ambienti di vita che di lavoro) che si attestano nel range 0-64 ppb (0-91.4 µg/m3).
Valori, quindi, del tutto assimilabili a quelli  medi rilevati da ARPAT nel periodo 1997-2009 che sono risultati pari a 16.5 µg/m3 nell’area geotermica dell’Amiata senese, 2.8 µg/m3 nell’Amiata grossetana, 8.6 µg/m3 nell’area di Larderello-Lago e di 6.0 µg/m3 nell’area di Radicondoli-Travale.
Allo studio neozelandese, hanno partecipato 1.637 soggetti, di età compresa tra i 18 e i 65 anni, che hanno compilato un questionario sulla salute respiratoria (in particolare diagnosi di asma e altri sintomi respiratori), sulla storia residenziale e lavorativa, sull’abitudine al fumo di tabacco e sulle caratteristiche sociali e demografiche (etnia, titolo di studio, reddito). I risultati non mostrano aumenti di rischio di asma all’aumentare dell’esposizione ad acido solfidrico. Al contrario suggeriscono una diminuzione della prevalenza di asma e sintomi asma-correlati nei soggetti esposti a concentrazioni più alte di H2S.
Oltre all’asma e a sintomi asma-correlati, i ricercatori americani hanno preso in considerazione altri esiti sanitari, che saranno oggetto di future pubblicazioni.
(8 marzo 2013)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *