Regione Toscana compra quote del Cosvig, ma non c’è conflitto di interessi, sig.Rossi?

L’ente, che poi delibera sulle centrali, diventa così controllore e controllato. Allarme dei Comitati e interrogazione al Parlamento europeo

 

Con la deliberazione di giunta n.1395 dell’11/12/2017 (scarica pdf) la regione Toscana (1) procede “all’acquisizione delle quote di partecipazione in Co.Svi.G. s.c.r.l., fino al massimo consentito dallo statuto della medesima società,… …per un totale di € 484.000,00”, diventando quindi parte della società che, tra le altre cose, gestisce parte delle compensazioni ambientali che l’Enel eroga come previsto dai varii Protocolli ed inoltre risulta proponente (in associazione temporanea d’impresa con la Renewem Srl) delle ricerche per impianti pilota Cortolla e Lucignano (2), impianti per i quali il D.L. 11 febbraio 2010 n.22, all’art. 6, comma 3bis, prevede che, pur essendo l’autorità competente il Ministero dello sviluppo economico e il Ministero dell’ambiente, questi debbano comunque acquisire una intesa con la Regione; sembrerebbe quindi evidente il conflitto di interessi poiché, in questo caso, la regione Toscana deve dare l’intesa a progetti a cui partecipa come Cosvig.

Inoltre la regione Toscana è anche l’ente che deve rilasciare VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) per le centrali geotermiche Enel, la quale, per ciascun nuovo megawatt installato, erogherà 1.250.000 + 650.000 Euro, come previsto dagli artt.4 e 5 del Protocollo del 20/12/2007 (Bersani/Martini) (scarica il pdf).

Per contrastare potenziali conflitti d’interesse il Parlamento europeo ha emanato la Direttiva direttiva sulla VIA n.2014/52 che ha introdotto un nuovo articolo (9 bis) nella direttiva 2011/92, dove si indica che “Gli Stati membri provvedono affinché l’autorità o le autorità competenti assolvano ai compiti derivanti dalla presente direttiva in modo obiettivo e non si ritrovino in una situazione che dia origine a un conflitto di interessi. Qualora l’autorità competente coincida con il committente, gli Stati membri provvedono almeno a separare in maniera appropriata, nell’ambito della propria organizzazione delle competenze amministrative, le funzioni confliggenti in relazione all’assolvimento dei compiti derivanti dalla presente direttiva.”.

I Comitati e la Rete nazionale NoGESI lanciamo quindi l’allarme su un possibile e grave conflitto d’interessi di cui Enrico Rossi e la Regione dovrebbero dare conto ed ampie spiegazioni, anche perché, puntualmente, l’on.Tamburrano ha presentato il 16 febbraio scorso una interrogazione (6) al Parlamento Europeo nella quale, in relazione alla VIA in itinere per il progetto di centrale Enel PC6, si chiede se la Regione Toscana non stia violando le disposizioni della Direttiva 2014/52.

Passata la bufera del “conflitto d’interessi” come argomento principale di tutti i media nell’epoca del “berlusconismo”, oggi si assiste ad un assordante silenzio di giornali e tv su altri, ed altrettanto scandalosi, conflitti d’interessi di governi e amministrazioni locali.
Ma la Rete nazionale NoGESI non abbassa la guardia e assicura che anche su questo caso si farà promotrice di ogni iniziativa utile a denunciare i guasti della geotermia elettrica e speculativa.

Rete nazionale NoGESI (NO Geotermia Elettrica e Speculativa)

Note:
(1) pubblicata in BURT, parte II, n. 52 del 27/12/2017;
(2) pubblicato su BUIG n.9 del 30/9/2011 (scarica l’estratto Cortolla Lucignano in pdf); sul progetto Lucignano formalmente il Cosvig sembrerebbe si sia tirato indietro, ma, come indicato nello Studio di Impatto Ambientale del Permesso di Ricerca Lucignano del 2015, “Ad oggi la collaborazione tra Co.Svi.G e Renewem continua in modo stretto su diversi fronti, tra i quali il progetto pilota “Cortolla”, di cui è direttamente titolare il RTI (raggruppamento temporaneo d’impresa, ndr) dei due soggetti, e il progetto “Lucignano”, di cui è titolare LPP (Lucignano Pilot Project s.r.l., ndr), a sua volta controllata da Renewem, e sul quale è in corso una intesa strutturale con Co.Svi.G. stesso.”; qui lo Studio.
(3) riportiamo il testo:
“La Regione Toscana ha acquistato quote del CO.SVI.G, che gestisce i canoni versati dall’Enel per la geotermia in Toscana e che è formato dagli enti locali delle aree geotermiche. Tutte le centrali attualmente in funzione sono Enel. I canoni prevedono anche una cospicua somma una tantum per ogni nuovo megawatt di potenza installata.
La Regione Toscana sta effettuando la valutazione d’impatto ambientale per l’apertura della centrale geotermoelettrica Piancastagnaio 6, il cui proponente è Enel Green Power, controllata dall’Enel. Se la Regione autorizzerà l’apertura della centrale, il CO.SVI.G – partecipato dalla Regione – gestirà le una tantum dell’Enel conseguenti all’autorizzazione emanata dalla Regione.
Accanto ai già citati rapporti fra Regione e CO.SVI.G, esistono vari rapporti fra Regione ed Enel, Enel e CO.SVI.G.
Inoltre il CO.SVI.G é uno dei proponenti della centrale geotermica sperimentale Cortolla, in Toscana, la cui valutazione d’impatto ambientale, di competenza statale, prevede un parere regionale non ancora pervenuto.
La direttiva 2014/52 prescrive che le autorità competenti ad effettuare la valutazione di impatto ambientale non si ritrovino in una situazione che generi un conflitto di interessi.
Domandiamo se per Piancastagnaio 6 la Regione Toscana non stia violando questa disposizione; se sì, come intende agire la Commissione.”


Leggilo su:

Il Tirreno

Stamptoscana.it

Il Cittadino online.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *