Ancora arruolati: Amici della Terra …o della Trivella?

tommasi monica amici terra arruolatiC’è una lunga schiera di ex verdi, ex ambientalisti, associazioni di “ex combattenti e reduci” dell’ambientalismo nostrano che, nel corso degli anni, sono stati “folgorati sulla via di damasco” e sono passati, armi e bagagli, dall’altra parte della barricata, chi sostenendo le risorse fossili (petrolio, carbone, gas), chi le cosiddette rinnovabili, …però solo quelle che garantiscono ingiustificati e spropositati incentivi alle centrali: dalle “vecchie” centrali enel alle “nuove” della favoleggiata “buona geotermia”.

trivella san paoloAnche importanti associazioni che si spacciano per ambientaliste ce le siamo ritrovate spesso a sponsorizzare politiche per niente compatibili e rinnovabili. Oltre a Legambiente,  che tifa apertamente per la geotermia, ci sono una marea di gruppi, siti e blog che dietro gli aggettivi di “green”, “eco”, “ambiente”, “verde”, spesso lavorano per l’esatto contrario…

Degli Amici della Terra (Italia) avevamo già “apprezzato”, in merito alla geotermia, un lavoro della sezione di Firenze, del 2008, dal titolo “LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale”, che vi invitiamo a scaricare e leggere.
Tale pubblicazione sembra un manuale ad uso degli amministratori pubblici e delle imprese (all’epoca solo l’Enel) che si vogliono, o debbono, confrontare con “…il conflitto ambientale emerso nell’ultimo decennio nel rapporto con comunità e istituzioni locali.”.
Chi scrive cerca di mantenersi al di sopra delle parti e fornisce utilissime strategie, soprattutto comunicative, per affrontare i “conflitti” con le popolazioni colpite, ma qui e là emerge la vera anima.
Indicativo è un passaggio sul “conflitto” già allora presente in Amiata dove si afferma: “…sicuramente non si può parlare di emergenza ambientale né, come viene sostenuto da parte del movimento di contestazione della geotermia in Amiata, di condizioni di insostenibilità ambientale, tali da richiedere una sospensione delle attività geotermoelettriche in nome del principio di precauzione…”.
Con questo prendendo definitivamente posizione sulla geotermia…

In vista del referendum contro le trivelle a mare (al quale vi invitiamo a partecipare votando SI’) la presidente dell’associazione, Monica Tommasi, il 1° marzo scorso prende posizione, ovviamente CONTRO, con argomentazioni che somigliano a quelle di governo e petrolieri; c’è anche da dire che il governo, pur di boicottare il referendum, spenderà 300 milioni di euro per organizzare la macchina elettorale, quando avrebbe potuto far coincidere la data con quella delle elezioni.
Ma ormai sui referendum di cui già sanno che hanno posizioni perdenti, da Craxi in poi, i governi tirano a boicottare la partecipazione e “mandare tutti al mare” piuttosto che argomentare e sostenere il NO.

Tornando quindi agli Amici della Terra – Italia -, questi erano collegati alla associazione internazionale Friends of the Earth; erano, in quanto da ottobre 2014 la stessa associazione madre, con un bel calcio nel culo, la allontana e non ne riconosce più l’appartenenza, con la seguente decisione (trad.automatica, qui la pagina originale):

A seguito di un approfondito processo di valutazione e discussione sullo stato di appartenenza Amici della della Terra nelle Amici della federazione Earth International, l’Assemblea FoEI Biennale Generale (BGM), riuniti a Kandy, Sri Lanka, nel mese di ottobre 2014, ha deciso di sospendere l’appartenenza di Amici della Terra.
Friends of the Earth International deplora che dopo trentasei anni di adesione, la visione della giustizia ambientale condiviso dalla federazione e la missione e la visione di Amici della Terra sono venuti a divergere in misura tale che l’adesione Amici della della Terra non è più sostenibile. Questa decisione ha effetto immediato e significa che a partire da ottobre 2014, Amici della Terra Internazionale non ha un gruppo membro in Italia.

Il 18 marzo scorso, la D’Orsogna pubblica sul suo blog un post in cui esplicita quella che a noi sembrava già una, fondata, impressione: che si tratti di Amici della Trivella.
Riportiamo quindi il testo con i links originali ( originale pubblicato QUI ) :

 

tommasi mMonica Tommasi, esponente di Amici della Terra.

Uno dira’, bene, e’ una Amica della Terra. Sicuramente vorra’ bene alla Terra, no? Sicuramente vorra’ proteggerla per le generazioni successive, migliorarla, farla piu’ verde, piu’ bella. E invece no. Monica Tommasi di Amici della Terra dice di essere favorevole al petrolio in Adriatico.

Perche’ chiamarsi “amici della terra” e dire cose assurde cosi? Perche’ farlo nel 2016 quando e’ una posizione intenibile?

Ma iniziamo con il chiederci chi e’ Amici della Terra. Amici della Terra e’ una supposta organizzazione ambientalista italiana il cui nome e’ la traduzione letterale di Friends of the Earth, un gruppo ambientale abbastanza famoso qui negli USA.

E siccome li conosco un po di esponenti di Friends of the Earth qui in California, mi disturba non poco che questi finti ambientalisti italici favorevoli al petrolio usino la traduzione letterale italiana di un gruppo serio.

Conosco di persona Nnimmo Bassey, nigeriano, che e’ stato direttore di Friends of the Earth dal 2008 al 2012, e che nel 2009 e’ stato anche nominato dal Time Magazine come uno dei piu’ influenti ambientalisti del pianeta. E’ stato uno dei firmatari della decsione di espellere Amici della Terra da Friends of the Earth e lo si vede nel comunicato in alto.

Nnimmo Bassey e’ un gran signore, e non ha niente a che vedere con Monica Tommasi, ve lo assicuro.

Eccola qui Monica, in uno dei tanti-video propaganda a favore del petrolio in mare. 

Sul TG2.

Ho dovuto veramente farmi forza per sentire le non-argomentazione e il vuoto logico di Monica, Amica della Terra che dice:

“Noi siamo favorevoli alle trivellazioni in Adriatico perche’ pensiamo che non si possa fare in altri paesi, verso altri popoli quello che non vogliamo fare a casa nostra. E quindi pensiamo che per tutto vada bene il chilometro zero e non comprendiamo bene perche’ non vada bene per il petrolio. 

Che mi tocca sentire. Nel 2016. Oddio.

Ovviamente ciascuno puo’ pensarla come vuole, ma allora, per coerenza, cara Monica inizi lei, Ci dia l’esempio. Forza. Si offra lei di fare pozzi e di estrarre la monnezza petrolifera nella localita’ marina di sua scelta. Dove va lei al mare, con i suoi figli, con la sua famiglia e il suo ombrellone. E scelga una localita’ dove vicino c’e’ una raffineria a terra o una nave FPSO.  E questi pozzi, a sua scelta, con tutta l’infrastruttura che si portano appresso devono essere a uno, due, al massimo cinque chilometri da riva, come e’ a Gela, come doveva essere a Vasto con Elsa, o ad Ortona con Ombrina, com’e’ in alcune localita’ dell’Emilia Romagna.

E poi mi dica.

Quello che lei dice cara Monica, e’ il solito argomentare del cosi’ fan tutte. Del siccome e’ gia’ fatto altrove facciamolo pure noi.

Cara Monica, io credo che se lei parlasse con un vero Amico della Terra, il mio amico Nnimmo Bassey sarebbe il primo, dalla Nigeria martoriata a dirle: fermatevi finche’ siete in tempo.

I luoghi dove gia’ trivellano devono esserci di monito, e le loro sofferenze devono servirci da un lato per apprezzare e migliorare quello che abbiamo e proteggerlo a spada tratta,  e dall’altro a fare tutto il possibile perche’ le cose siano migliori laggiu’.

Una vera Amica della Terra, cara Monica Tommasi con tutta la sua associazione, metterebbe su una campagna mediatica per esporre i misfatti dell’ENI in Nigeria, per fermare le trivelle laggiu’, per dar giustizia alla gente che vive all’ombra delle fiaccole perenni, per punire chi inquina, per far si che l’acqua si possa bere.

Una vera Amica della Terra avrebbe cose piu’ importanti da fare che star li a giustificare il petrolio in Adriatico.

Forse e’ per questo che quelli di Friends of the Earth vi hanno cacciato.

E ancora, lo sa, cara Monica che se veramente volessimo avere tutto il petrolio italico a chilometro zero dovremmo trivellare pure sotto la villetta dove abita lei? Perche’ — e sono dieci anni che lo ripetiamo! — di petrolio ne abbiamo poco e schifoso, e seppure trivellassimo ogni centimetro quadrato d’Italia non ce la potremmo mai fare.

La riposta e’ usare questo nostro tempo per CAMBIARE, per migliorare, per osare, per pensare. California, Germania, Svezia, Danimarca guardano al domani, e non all’altro ieri come fa lei.

Perche’ Amici della Terra, oltre alle campagne in favore della Nigeria martoriata da ENI e Shell, non fa campagne per l’Italia al 100% rinnovabile fra 10, 20, 30 anni invece che voler spremere fino all’ultima goccia di petrolio?

Forse perche’ Amici della Terra e’… finanziata per il 40% dall’ENI? Forse perche’ vi fate un po di tarallucci e vino in roboanti conferenze dal titolo: “Efficienza Italia” organizzata da Amici della Terra con la partecipazione di ENI? 

Forse perche’ nel 2014 siete stati esplusi da Friends of the Earth per connivenza con l’industria fossile e perche’ siete stati accusati di fare greenwashing?

Questo suo atteggiamento del “siccome abbiamo distrutto Nigeria e Ecuador, distruggiamo anche l’Italia” e’ un atteggiamento da perdenti, da vecchi, da deboli, da struzzi. Non e’ vero che siamo condannati a trivellare l’intero pianeta. Siamo piu’ intelligenti. E se in tutto il pianeta ci si ribellasse alle trivelle, e allora politici ed industriali dovranno *per forza* usare le alternative che gia’ esistono
invece che continuare ad assecondare le lobby petrolifere che pagano il 40% dei ricavati della sua associazione cara Monica.

Piu’ che una Amica della Terra, lei mi pare una Traditrice della Terra.

Fa pena anche il cronista del servizio che ovviamente, di tutto quello che Greenpeace dice, ricorda solo che il referendum costera’ fra i 350 e i 400 milioni di euro.  Meglio non sprecarli allora no? Meglio dire alla gente: visto che li sprechiamo, andateci a votare. No. Passa solo il messaggio che e’ uno spreco di soldi e che una amica della terra pensi che vada bene trivellare l’Adriatico. Un giornalismo proprio d’inchiesta e da Pulitzer Prize.

Purtroppo per noi, questo e’ il paese che abbiamo. Sta a noi cambiare le cose, per il poco che possiamo, ma ogni santo giorno, un pochettino almeno.

Infine, un sacco di gente mi chiede perche’ non vengo interpellata in queste interviste. La risposta e’ semplice: non mi ci vedrete mai alla TV italiana, hanno paura del confronto, cosi’ possono avere indistrurbati il TG1 e il TG2 e il TG3 e il TG345 a dire tutte le petrol-balle che piacciono a Matteo Renzi e ai suo petrol-amici.

Che democrazia malata e schifosa.

Maria Rita D’Orsogna

1 thought on “Ancora arruolati: Amici della Terra …o della Trivella?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *