Salta l’incontro tra i sindaci e il coordinamento sos geotermia?

altan_si_no_seccaAvevamo raccolto l’invito dei sindaci di S.Fiora e Arcidosso ad un incontro/confronto sulla geotermia e le ricadute sulla salute delle popolazioni esposte, nella convinzione che finalmente si potesse avviare un ‘dialogo’ franco sulla questione, uscendo dalla logica delle tifoserie e delle risse verbali.
Sembrava che ci fossero tutte le condizioni per svolgere tale incontro il 6 maggio con la presenza di qualificati interlocutori, quali l’Ars regionale, che ha redatto lo studio epidemiologico sulle ‘aree geotermiche’ e il Dott. Gennaro Valerio, epidemiologo, dell’Istituto Tumori di Genova; voci autorevoli che avrebbero aiutato gli amministratori e la popolazione a capire meglio i termini della questione.
A pochi giorni dalla definizione dell’incontro sembra invece che, tramite la Conferenza dei Sindaci dell’Amiata grossetano, siano intenzionati a rinviare l’atteso incontro.
Non sappiamo bene le motivazioni che avrebbero indotto i sindaci a tale ripensamento e riteniamo che -se fosse davvero così- non sarebbe un buon segnale per i cittadini e per tutti coloro che avevano ben sperato dell’apertura di una nuova fase di dialogo tra le parti.
Nella speranza che l’incontro possa ancora essere fatto e ribadendo la nostra disponibilità ad ogni confronto, rivolgiamo di nuovo l’invito ai sindaci a non perdere questa preziosa occasione.
Il coordinamento sos geotermia ribadisce le sue ferme posizioni, condivise ormai da gran parte della popolazione e da tante associazioni, comitati, sindacati, partiti e movimenti che hanno aderito alla prossima manifestazione nazionale dell’11 maggio in Amiata.

La Nazione del 25 aprile 2013

DELUSIONE
Salta l’incontro con i sindaci
di Cristiano Bernacchi
DOPO l’apparente distensione dei rapporti tra detrattori e sostenitori della geotermia con la previsione di un incontro-confronto, ecco la doccia fredda: sembra che l’incontro slitti a data da definire. Stupore da parte di Sos Geotermia che, dopo le intenzioni di apertura del sindaco Verdi e la disponibilità del collega Landi, pensava di avere un confronto sull’argomento che per il momento sfuma. I comitati anti geotermia si chiedono le ragioni di una simile scelta che sembra essere uscita dalla Conferenza dei Sindaci dell’Amiata Grossetano e sperano «che ci sia un ripensamento verso la conferma del sospirato incontro che è atteso dicono non solo dagli oppositori della geotermia, ma anche da molti cittadini che ancora oggi non hanno le idee chiare».

Il Tirreno del 26 aprile 2013

Geotermia, polemiche accese sul seminario con gli esperti
Sos denuncia: la conferenza dei sindaci vuole rinviare l’incontro che illustrerà le ricadute sulla salute. Ma Landi replica: «Nessun giochino, la data slitta soltanto per permettere a tutti di essere presenti»
di Fiora Bonelli
MONTE AMIATA. Non c’è nessun contraddittorio in vista fra istituzioni e comitati antigeotermici. Ma un convegno istituzionale è certo che si farà a breve. La geotermia in Amiata torna ancora sulla scena, e questa volta con Sos Geotermia che insinua il dubbio che salti l’incontro già stabilito, tra i sindaci e il coordinamento comitati. Il quale, facendo riferimento a un “invito” dei sindaci di S.Fiora e Arcidosso ad un incontro/confronto sulla geotermia e le ricadute sulla salute delle popolazioni, afferma: «Sembrava che ci fossero tutte le condizioni per svolgerlo il 6 maggio, con la presenza di qualificati interlocutori, quali l’Ars regionale, che ha redatto lo studio epidemiologico sulle ‘aree geotermiche’ e il dottor Gennaro Valerio, epidemiologo, dell’Istituto Tumori di Genova; a pochi giorni dalla definizione dell’incontro sembra invece che, tramite la conferenza dei sindaci dell’Amiata grossetano, siano intenzionati a rinviare l’atteso incontro». Ma le cose non stanno così. A Sos Geotermia che ribadisce, prima di tutto, le sue posizioni antigeotermiche, risponde il sindaco di Arcidosso, Emilio Landi, presidente della conferenza dei sindaci Amiata grossetana, che non solo assicura che l’appuntamento non è stato cancellato, ma mette anche molti altri puntolini sulle i: «Il seminario organizzato a livello istituzionale – ci tiene a precisare Landi – è stato rimandato di due settimane perché in questo modo ci sarà la disponibilità di tutti i relatori. Quindi nessun “giochino” da parte istituzionale. In secondo luogo, la nostra iniziativa che, ripeto, è istituzionale, non è certamente un confronto con i comitati. Qui si tratta, invece, di andare a presentare alla popolazione tutta i risultati di 10 anni di studi dell’Ars e dell’Arpat. Ci sono anni e anni di lavoro scientifico sull’argomento e alla popolazione, purtroppo, arrivano solo informazioni di parte. Noi vogliamo ricondurre l’informazione nell’ambito del rigore della scienza. E’ arrivato il momento. Questi studi sono stati presentati sia a Firenze che a Radicondoli e sono assai corposi. Per cui se alla fine delle spiegazioni dei relatori, qualcuno vorrà fare qualche domanda, va bene, ma non si pensi di fare come al solito, una o più controrelazioni. Mica siamo la controparte. Sono le istituzioni che vanno a presentare il risultato di una ricerca minuziosa, che per essere completa si è articolata e prolungata nel tempo. Un lavorone, di cui i cittadini devono essere messi al corrente». Poi Landi precisa: «Se i comitati vogliono portare il loro esperto, non sarà il nostro convegno la location adeguata per l’illustrazione di una sua relazione. Potrà fare qualche domanda, non altro. Voglio dire, insomma, che noi andiamo a presentare come istituzioni locali e regione, uno studio. Questo è quel che ci preme fare e questo è l’obiettivo. Saranno presenti i direttori Ars e Arpat, il cui impegno in questi anni è stato massimo. E finalmente si chiariranno secondo scienza i termini della questione». E chiude: «Se poi, una volta, vorremo organizzare un tavolo di dibattito e contraddittorio, questa è un’altra storia e non la escludiamo. Ma adesso ci preme, per amor di verità, questo passaggio istituzionale e scientifico».

Il Cittadino online del 24 aprile 2013

In forse l’incontro tra i sindaci grossetani ed Sos geotermia
La Conferenza pare intenzionata a rinviare l’appuntamento
AMIATA. Avevamo raccolto l’invito dei sindaci di S. Fiora e Arcidosso ad un incontro/confronto sulla geotermia e le ricadute sulla salute delle popolazioni esposte, nella convinzione che finalmente si potesse avviare un ‘dialogo’ franco sulla questione, uscendo dalla logica delle tifoserie e delle risse verbali.
Sembrava che ci fossero tutte le condizioni per svolgere tale incontro il 6 maggio con la presenza di qualificati interlocutori, quali l’Ars regionale, che ha redatto lo studio epidemiologico sulle ‘aree geotermiche’ e il Dott. Gennaro Valerio, epidemiologo, dell’Istituto Tumori di Genova; voci autorevoli che avrebbero aiutato gli amministratori e la popolazione a capire meglio i termini della questione.
A pochi giorni dalla definizione dell’incontro sembra invece che, tramite la Conferenza dei Sindaci dell’Amiata grossetano, siano intenzionati a rinviare l’atteso incontro.
Non sappiamo bene le motivazioni che avrebbero indotto i sindaci a tale ripensamento e riteniamo che -se fosse davvero così- non sarebbe un buon segnale per i cittadini e per tutti coloro che avevano ben sperato dell’apertura di una nuova fase di dialogo tra le parti.
Nella speranza che l’incontro possa ancora essere fatto e ribadendo la nostra disponibilità ad ogni confronto, rivolgiamo di nuovo l’invito ai sindaci a non perdere questa preziosa occasione.
Il coordinamento sos geotermia ribadisce le sue ferme posizioni, condivise ormai da gran parte della popolazione e da tante associazioni, comitati, sindacati, partiti e movimenti che hanno aderito alla prossima manifestazione nazionale dell’11 maggio in Amiata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *