10 settembre 2012. La giunta regionale delibera parere favorevole alla megacentrale Bagnore 4. Un colpo mortale

A seguito del Verbale della Conferenza dei servizi del 4 settembre 2012, con la Delibera n.810 del 10 settembre 2012 la Giunta regionale, presieduta da ENRICO ROSSI, approva all’unanimità, presenti ANNA RITA BRAMERINI, SALVATORE ALLOCCA, LUCA CECCOBAO, RICCARDO NENCINI, GIANNI SALVADORI, GIANFRANCO SIMONCINI e STELLA TARGETTI, il PARERE FAVOREVOLE alla megacentrale BAGNORE 4 da 40 MW, che triplicherà quindi la potenza fin qui presente con la ‘vecchia’ centrale Bagnore 3 di 20 MW.
Come prevedibile il via libera è condizionato da innumerevoli prescrizioni che dovranno poi essere controllate –non si sa come– dagli enti locali interessati. Quindi se, come temiamo, dovessero verificarsi incidenti, malfunzionamenti, rilascio nell’aria e nell’acqua di sostanze tossiche (come già avviene), assisteremo al solito balletto di responsabilità tra regione, comuni ed enel e nessuno pagherà mai!
I Comitati nell’incontro del 18 luglio scorso avevano posto una serie di domande precise alle quali l’Enel –semplicemente– non ha mai risposto; nè la Regione ne ha tenuto conto.
I Comitati del coordinamento SOS Geotermia, di fronte a questo ennesimo scempio reagiranno mettendo in campo tutte le iniziative necessarie.

Di seguito riportiamo il comunicato del Forum Ambientalista di Grosseto:

Autorizzata in Amiata Bagnore 4
La Giunta regionale con Delibera n.810 del 10 settembre scorso, pubblicata ieri, ha dato il via alla realizzazione di una nuova centrale geotermica dell’Enel a Bagnore, triplicando la potenza installata, approvando le prescrizioni che una Commissione tecnica regionale aveva sollecitato.
Tali prescrizioni, che se davvero realizzate modificherebbero sostanzialmente il Progetto presentato da Enel al punto da non renderlo fattibile; sono ben 53 (cinquantatre) e sono state date perché il progetto non rispettava i requisiti di legge.
Come giustamente ha segnalato il Coordinamento di SOS Geotermia, nessuno salirebbe per un volo, affidando la sua vita a un nuovo aereo sapendo che, dopo un primo collaudo, i tecnici hanno prescritto 53 modifiche alla sua struttura, perché fuori norma e pericolosa. Ma all’appello di SOS Geotermia nessun amministratore locale ha dato una risposta, come se non fosse in gioco la vita e la salute dei cittadini e come se non sapessero che nei Comuni sede di impianti geotermici è stato già quantificato un +13% di mortalità, rispetto ai comuni limitrofi e ai comuni della Toscana.
Sconcerta poi il fatto che la Giunta regionale affidi ai Comuni dell’Amiata il compito di controllo delle prescrizioni da realizzare, senza prevedere al contempo il trasferimento degli strumenti, delle competenze e i tempi. Sembra che i Sindaci non si rendano conto delle responsabilità che si assumono, accettando tranquillamente di essere i controllori senza ricevere gli strumenti di controllo.
Se nel frattempo quegli impianti entreranno in funzione e distribuiranno altri tumori e faranno mancare l’acqua potabile alle sorgenti del Fiora, la responsabilità non sarà della Regione Toscana. In Italia è ormai prassi consolidata, come è avvenuto per le acciaierie di Taranto, per l’amianto sparso a Casale Monferrato, per le diossine distribuite dall’Acna di Cengio che, non volendo contraddire le scelte già compiute a priori, si approva la realizzazione di impianti altamente pericolosi per la salute pubblica con prescrizioni, che nessuno controllerà.
Ma, d’altra parte, la Giunta regionale ha fatto proprio il contributo dell’Agenzia Regionale di Sanità, la quale in merito all’impatto sanitario rileva che la ricadute delle sostanze emesse dalle centrali geotermiche avvengono “in aree quasi del tutto non abitate”. C’è un “quasi” significativo, alla faccia della salute e di quanto respirato e annusato in questi anni dagli abitanti di Santa Fiora, di Arcidosso e Castel del Piano.
Roberto Barocci – Forum Ambientalista Grosseto

La Nazione del 15 settembre 2012

Bagnore, polemiche dopo il potenziamento della nuova centrale
SANTA FIORA – LA GIUNTA regionale ha dato il via alla realizzazione di una nuova centrale geotermica dell’Enel a Bagnore, triplicando la potenza installata, approvando le prescrizioni che una Commissione tecnica regionale aveva sollecitato. Tali prescrizioni, che se realizzate modificherebbero sostanzialmente il Progetto presentato da Enel al punto da non renderlo fattibile, sono ben 53 e sono state concesse perché il progetto non rispettava i requisiti di legge. «Sos Geotermia ha lanciato l’allarme dice Roberto Barocci del Forum Ambientalista ma nessun amministratore locale ha risposto, come se non fosse in gioco la vita e la salute dei cittadini e come se non sapessero che nei Comuni sede di impianti geotermici è stato già quantificato un più 13% di mortalità. Se nel frattempo quegli impianti entreranno in funzione e distribuiranno altri tumori e faranno mancare l’acqua potabile alle sorgenti, la responsabilità non sarà della Regione Toscana». Barocci chiude: «La Giunta, in merito all’impatto sanitario, rileva che le ricadute delle sostanze emesse dalle centrali geotermiche avvengono in aree “quasi” del tutto disabitate. C’è un “quasi” che è significativo, a dispetto della salute e degli abitanti di Santa Fiora, di Arcidosso e Castel del Piano».

Il Tirreno del 16 settembre 2012

No di Sos Geotermia alla nuova centrale «Sindaci passivi» Barocci accusa i primi cittadini dopo il sì della Regione «Saranno controllori delle emissioni ma senza strumenti»
di Fiora Bonelli
AMIATA – L’autorizzazione per la centrale geotermica di Bagnore 4 arriva fresca fresca dalla giunta regionale e subito, accompagnato dal tam tam di comitati ambientalisti compreso quello di Sos geotermia, molto attivo anche su Facebook, arriva la presa di posizione di Roberto Barocci del Forum ambientalista grossetano che punta il dito in specie contro i sindaci locali. «L’autorizzazione ha dato il via alla realizzazione di una nuova centrale geotermica dell’Enel a Bagnore – dice Barocci – triplicando la potenza installata, approvando le prescrizioni che una Commissione tecnica regionale aveva sollecitato. Prescrizioni, che se davvero realizzate, modificherebbero sostanzialmente il Progetto presentato da Enel al punto da non renderlo fattibile (sono ben 53). Sono state date perché il progetto non rispettava i requisiti di legge». Barocci sottolinea che agli appelli del comitato Sos Geotermia «nessun amministratore locale ha dato una risposta, come se non fosse in gioco la vita e la salute dei cittadini e come se non sapessero che nei Comuni sede di impianti geotermici è stato già quantificato un +13% di mortalità, rispetto ai comuni limitrofi e ai comuni della Toscana. Sconcerta poi il fatto che la giunta regionale affidi ai comuni dell’Amiata il compito di controllo delle prescrizioni, senza prevedere al contempo il trasferimento degli strumenti, delle competenze e i tempi. Sembra che i sindaci non si rendano conto delle responsabilità che si assumono – dice Barocci – accettando tranquillamente di essere i controllori senza ricevere gli strumenti di controllo. Se nel frattempo quegli impianti entreranno in funzione e distribuiranno altri tumori e faranno mancare l’acqua potabile alle sorgenti del Fiora, la responsabilità non sarà della Regione Toscana». La giunta regionale ha fatto proprio il contributo dell’Agenzia Regionale di Sanità, la quale in merito all’impatto sanitario rileva che la ricadute delle sostanze emesse dalle centrali geotermiche avvengono “in aree quasi del tutto non abitate”. «C’è un “quasi” significativo, conclude Barocci, alla faccia della salute e di quanto respirato e annusato in questi anni dagli abitanti di Santa Fiora, di Arcidosso e Castel del Piano».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *