Nuova pubblicazione Basosi-Bravi su Bagnore 4: Marras, ci sei?

marras_davvero davveroConsiderato che il Consigliere regionale Marras ha aperto un ufficio a Grosseto per raccogliere le proposte dei cittadini, cogliamo l’occasione per segnalare una realtà che ci indigna, sgradevole per le tasche e per la salute, al punto che possiamo definirla una vera e propria truffa legalizzata a danno dei cittadini.

Si tratta dei consistenti contributi, pagati da tutti i consumatori come addizionale nelle bollette dell’energia elettrica, che debbono andare per legge ai produttori di energia pulita da fonti rinnovabili.

Un sacrificio necessario per combattere le emissioni climalteranti e nocive. Invece in Amiata questi contributi, nell’ordine di molti milioni di euro all’anno, vanno a chi produce elettricità inquinando più delle centrali a carbone e producendo un danno sanitario alla collettività nell’ordine di molti milioni di euro.

Chi sostiene questa tesi è uno dei più illustri scienziati italiani del settore, il prof. Riccardo Basosi, ordinario di Chimica Fisica e Delegato del Rettore l’Università di Siena per l’energia e l’alta tecnologia, che è stato nominato dal Governo italiano quale nostro rappresentante in ambito Europeo sia nel Comitato di Horizon 2020, Programma quadro della ricerca energetica europea per il periodo 2014-2020, che per diversi progetti europei di innovazione tecnologica. Tra l’altro, essendo anche membro del Comitato Tecnico Scientifico della Regione Toscana, per il consigliere Marras dovrebbe essere di facile consultazione.
Dopo aver pubblicato, insieme al ricercatore Mirko Bravi, in una delle più prestigiose rivista americane che le centrali geotermiche dell’Amiata emettono in atmosfera gas climalteranti e acidificanti 4,4 volte le centrali a carbone di pari potenza, il prof. Basosi, ancora con Mirko Bravi, nell’ultima sua pubblicazione “Geotermia d’impatto” sulla rivista QualEnergia del Giugno/Luglio 2015, aggiorna le analisi sul potenziale di tossicità per l’uomo delle centrali geotermiche amiatine, tenuto conto che le emissioni di ammoniaca di questi impianti contribuiscono in maniera rilevante alla formazione di particolato fine PM10 e PM2,5 di origine secondaria. Il costo per danni sanitari dovuti alle emissioni di ammoniaca in Amiata, valutato secondo studi della Unione Europea (Report CAFE) sono nell’ordine di milioni di euro.
Allora perché dobbiamo dare contributi a chi ci produce un danno sanitario consistente?
Siamo certi che il Consigliere regionale Marras non abbia altri interessi da difendere che quelli della collettività e che farà tutto il possibile per eliminare questa truffa legalizzata.
Verificheremo.

Forum Ambientalista Grosseto, aderente a SOS geotermia

Riportiamo un solo passo, invitandovi a leggerlo tutto:
“Riteniamo quindi anomalo che il nuovo impianto realizzato a Bagnore da 40 MW, inaugurato a fine 2014, non rispetti i limiti previsti dalla stessa Regione nella DGR 344, dato che la tecnologia utilizzata (flash + abbattitore) non è quanto di più tecnologicamente avanzato disponibile oggi dal punto di vista ambientale, ma probabilmente solo la scelta più conveniente dal punto di vista economico-finanziario.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *