Ceroni (Acquedotto del Fiora) ci attacca ancora

“Chiedere all’idraulico com’è l’acqua è come chiedere al macellaio com’è la carne“.
In un lungo articolo apparso il 1 luglio 2012 sul Corriere di Maremma e di cui riportiamo in fondo la parte relativa alla questione ‘arsenico nell’acqua’, il presidente dell’Acquedotto del Fiora, Claudio Ceroni, spiega come, nonostante le tante difficoltà e problemi, la gestione e la qualità del servizio idrico siano ‘ottimi e abbondanti’. Ci saremmo stupiti del contrario.
Ovviamente SOS Geotermia fa parte dei ‘problemi’ e il presidente/idraulico non perde occasione per darci dei bugiardi fino a minacciare denunce.
Abbiamo provveduto a replicare con il comunicato che segue.

Ancora una volta il sig. Ceroni prima ci attribuisce cose mai dette e non vere, cioè che l’Acquedotto del Fiora immetterebbe in rete acqua non potabile con concentrazioni di Arsenico fuori legge, per poterci poi denigrare minacciando ancora denunce.
Questi reiterati attacchi al coordinamento SOS Geotermia, reo di aver diffuso documenti e informazioni tenute per anni nascoste nei cassetti, tutti dati che il Sig.Ceroni -speriamo- conosce per il ruolo che ricopre, svelano le qualità morali di quanti fino ad oggi si sono esibiti in più o meno feroci esternazioni contro di noi senza portare alcuna documentazione che smentisca le nostre preoccupazioni.
Abbiamo sostenuto che per molti anni l’Acquedotto del Fiora ha ottenuto deroghe ai limiti di legge fissati nel 2001 per l’Arsenico, quando invece l’Organizzazione Mondiale della Sanità ne consigliava una riduzione, rispetto a quegli stessi limiti, essendo l’Arsenico un potente cancerogeno, e consigliava una presenza nelle acque potabili anche dieci volte minore dei valori in deroga distribuiti dall’Acquedotto del Fiora.
Abbiamo sostenuto e continuiamo a sostenere, aggiungendo sempre documenti certificati da Autorità Pubbliche competenti in materia, che s’è registrata nell’ultimo decennio una crescita della concentrazione di Arsenico nelle acque delle fonti del Fiora, rispetto ai dati certificati da Arpat e USL degli anni ’90, crescita dovuta ad attività umane, smentendo quanto sostenuto dal sig. Ceroni, dall’Arpat e da molti sindaci dell’Amiata, i quali vorrebbero accreditare l’idea che tutto è naturale e che l’Arsenico c’è sempre stato
ai livelli attuali. Queste ultime affermazioni non sono confermate dai dati analitici disponibili.
Questa diversità di opinione non è priva di risvolti molto pratici. Se il fenomeno fosse naturale, allora sarebbe corretto addebitare nelle bollette dei contribuenti le spese degli impianti di abbattimento dell’Arsenico, introdotti in via emergenziale negli ultimi anni, così come sta facendo l’Acquedotto del Fiora. Se invece il fenomeno non è naturale, come noi sosteniamo, ma deriva da inquinamenti prodotti da attività umane, allora i costi degli impianti di abbattimento devono essere addebitati agli inquinatori e vanno rimosse le cause della presenza anomala di Arsenico con le opere di bonifica a carico dei soggetti responsabili dell’inquinamento, secondo noi ENI ed ENEL.
Noi sosteniamo questa seconda tesi, supportata dal fatto che nel fenomeno del Drenaggio Acido di Miniera, studiato da decenni in Usa e Canada, capace di mandare in soluzione gli elementi presenti nelle arsenopiriti associate alle piriti delle Colline Metallifere e al cinabro dell’Amiata, non c’è
NULLA di naturale, se non l’aria e l’acqua portata con gli scavi in miniera a contatto per vaste superfici di solfuri. Sosteniamo anche che nelle emissioni di Arsenico dalle centrali geotermiche dell’Enel non ci sia nulla di naturale, che nulla di naturale c’è nell’aumento dei contatti tra gli acquiferi superficiali e quelli geotermici dell’Amiata, anch’essi capaci di portare in soluzione l’Arsenico.
Abbiamo riprodotto documenti che abbiamo consegnato a tutti i sindaci dell’Amiata.
Aspettiamo che qualche sindaco ci fornisca studi e documenti che dimostrino il contrario e diffidiamo il sig. Ceroni a continuare ad attribuirci cose mai dette.

da ‘Il Corriere di Maremma’ del 1 luglio 2012

Parla il presidente di Acquedotto del Fiora Claudio Ceroni che fa il punto sui temi più scottanti del servizio idrico “Acqua, referendum depurazione, arsenico: ecco la mia verità”
di Giacomo D’Onofrio

GROSSETO. Si definisce “l’idraulico della città” il presidente dell’Acquedotto del Fiora, Claudio Ceroni…
…Altro tema di scontro coi comitati: la presenza di arsenico nell’acqua. E’ possibile che si continui a polemizzare senza dare certezza ai dati? “Il Fiora non polemizza, offre dati certi, tracciabili e certificati. Nel nostro sito internet chiunque può verificare i dati sulla presenza di arsenico, che non è il veleno, ma un metallo presente insieme ad altri laddove l’acqua viene attinta: sull’Amiata e sulle Colline Metallifere. Fino ad una decina d’anni fa i limiti di valore erano 50 microgrammi per litro, oggi abbassati a 10 e se in passato erano oltre 40 i Comuni del Fiora a cui venivano concesse deroghe, oggi di 56 comuni dell’Ato 6 nessuno è in deroga”. Dove sta il problema, allora? “A me non interessa cosa dicono o scrivono i comitati, ma se dicono che siamo fuori norma li denuncio, perché non siamo più nel campo delle opinioni, ma in quello della disinformazione. Ci rendiamo conto di quali danni all’economia del territorio provocano certe notizie allarmistiche e non corrispondenti ai dati reali? Fanno credere che abbiamo l’acqua avvelenata! Lo vadano a dire ai tanti imprenditori che lavorano sulle produzioni agroalimentari di qualità utilizzando anche l’acqua del Fiora…Epoi perché parlano solo di Amiata, visto che l’arsenico è un metallo presente anche sulle Colline Metallifere? Forse perché devono dimostrare l’accostamento con lo sfruttamento geotermico? Non c’entra nulla, sono le caratteristiche del territorio a determinarlo”…

A margine segnaliamo come, purtroppo per Ceroni, la realtà si diverta a smentire le ottimistiche dichiarazioni sul servizio idrico. Ad appena due giorni dall’intervista leggiamo su La Nazione questi articoli, del 3 e 4 luglio:

Roccatederighi è a secco
«A ROCCATEDERIGHI manca l’acqua, e per di più i rubinetti restano a secco proprio durante e la cena». Così il consigliere di opposizione del centrodestra Simonetta Bacceti si fa portavoce del disagio subìto dalla popolazione della frazione che denuncia il grave disservizio ad opera di Acquedotto del Fiora. Da oltre una settimana infatti durante le ore serali il flusso idrico viene inspiegabilmente interrotto, le segnalazioni indirizzate alla società che gestisce l’acquedotto non sono servite a nulla e così i residenti si sono rivolti alla Baccetti. «Il mio impegno a questo punto dice decisa il consigliere sarà quello di sollecitare Acquedotto del Fiora a fornire spiegazioni e, soprattutto, a far cessare questa situazione di grave e innegabile disagio».

Senza acqua a Piancastagnaio
FIORA Tecnici dell’Acquedotto causa manutenzione causano disagi
I TECNICI del Fiora oggi, dalle 8 alle 13, sono al lavoro a Piancastagnaio per lavori di manutenzione in località Madonnella. L’intervento causa un’interruzione totale del flusso idrico per le utenze di via Roma e delle località Casa del Corto e Poggio Grande. La fornitura di acqua tornerà regolare presumibilmente dalle 13; nel caso in cui l’interruzione dovesse superare le 12 ore, sarà attivato un servizio di emergenza. Info al numero verde 800 887755, o 199 -114407 per chi chiama dal cellulare.

Segnaliamo inoltre che anche il ‘Comitato Acqua bene comune’ di Grosseto, che si sta battendo per l’applicazione dei referendum con la riduzione delle tariffe idriche -battaglia che come SOS Geotermia condividiamo e sosteniamo-, abbia risposto all’intervista di Ceroni con un comunicato ripreso dal Corriere di Maremma del 3 luglio, che riportiamo:

Grosseto comitato Acqua bene comune “Sulle bollette i cittadini pagano due volte, si rispetti il referendum”
Dopo l’intervista del Corriere al presidente di Acquedotto del Fiora, Claudio Ceroni, il comitato Acqua bene comune ha deciso di intervenire: “L’ intervista del Corriere di Maremma al presidente del Fiora – si legge in un comunicato – offre molti spunti di riflessione. Dal punto di vista della democrazia il forum dell’acqua ha lanciato la campagna di Obbedienza civile, obbedendo alla volontà espressa da 26 milioni di cittadini di eliminare dalle tariffe l’adeguata remunerazione del capitale investito, al Decreto del Presidente della Repubblica 116 del 18 luglio del 2011 con cui si sono sanciti i risultati referendari, alla Sentenza della Corte Costituzione 26/11 che ha ammesso i referendum sull’acqua, in quanto gli esiti avrebbero avuto immediata applicabilità senza contrasto con la normativa residua. Il presidente Ceroni che lamenta, come cittadino, che non sia stato dato seguito a quell’esito referendario, dalla sua posizione privilegiata di presidente, oltre che di componente del consiglio della Federutility, forse avrebbe potuto dimostrare la propria genuina fede democratica, obbedendo anche lui alle leggi. Per quanto riguarda le tariffe, sappiamo che l’Autorità per l’Energia Elettrica e Gas ha predisposto un documento sui provvedimenti tariffari dei servizi idrici, su cui il Forum dell’acqua ha espresso forti riserve. Si cerca, infatti, di far rientrare dalla finestra quello che è uscito con i referendum, sostituendo la dizione ‘remunerazione capitali’ con quella ‘oneri finanziari sul capitale immobilizzato’, di millantare un ‘vuoto normativo’ inesistente per ricalcolare la tariffe post referendum alla luce delle decisioni che verranno prese, di ridimensionare la funzione ed il ruolo degli Ato, di annullare la funzione dei Comuni rispetto alla determinazione delle tariffe e al controllo della gestione dei servizi idrici: una vera e propria manovra autoritaria di accentramento dei poteri. Forse è il caso che anche i sindaci ed i consigli comunali pongano attenzione a questa questione. C’è poi l’aspetto degli investimenti. Non è sufficiente che le tariffe coprano tutti i costi di esercizio e gli ammortamenti, dicono i gestori dei SII; è necessario un di più per avere finanziamenti dalle banche. Ma la scelta di gestire un servizio di prima necessità, come l’acqua, anche con privati, non era motivata dal fatto che loro portavano i capitali che il pubblico non ha. Loro dovevano portare i capitali,la collettività dava, da parte sua, la rete distributiva e le competenze professionali, per la gestione di un servizio ‘senza rischio di impresa’ (si può scegliere di andare a piedi, ma non di non utilizzare l’acqua). Se i privati devono prendere finanziamenti dalle banche al tasso vigente (da far pagare a noi utenti), allora è più che mai giusta la campagna del Forum dell’acqua per far ritornare la Cassa depositi e prestiti, ora spa, ad ente di diritto pubblico, che dia agli enti locali finanziamenti a tassi bassissimi per opere di interesse pubblico (invece di finanziare il ponte sullo Stretto di Messina). Per di più, come si sa, le banche concedono prestiti solo per opere che si ripagano in pochi anni (i dissalatori, ad esempio, che hanno, però, il piccolo difetto di avere alti costi di esercizio, non certo in diminuzione nel futuro), ma non per opere di largo respiro, come la manutenzione efficace della rete idrica tesa ad eliminare la perdita di quasi la metà dell’acqua emunta. Senza dimenticare il nodo depurazione. Due sentenze, la numero 335 del 2008, della Corte Costituzionale e la numero 8318 del 12 aprile 2011 della terza sezione della Cassazione, stabilisco senza equivoci, che quello che l’utente paga con la bolletta è una tariffa e non una tassa ed alle tariffe non possono essere applicati i principi di sussidiarietà e sussistenza insiti nel sistema fiscale, si paga solo per un servizio di cui si beneficia. In questa confusione si riassume tutta l’assurdità del ‘modello toscano’ di gestione privata di servizi pubblici: i cittadini sono costretti a pagare due volte, una volta per il profitto del privato ed una volta per il sostegno della cosa pubblica. L’applicazione della volontà popolare, espressa nei referendum, sgombrerebbe il campo da ogni equivoco e restituirebbe la gestione dei beni comuni al loro ambito naturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *