Tag Archives: domande

Risposte e silenzi dei candidati sulla geotermia in Amiata

 

gas mask punto interrogativo megafoniSOS Geotermia aveva posto 6 domande sulla geotermia a tutti i candidati alle prossime elezioni amministrative in Amiata al fine di chiarire agli elettori in modo inequivocabile le scelte che verranno da loro fatte nelle sedi istituzionali in merito al mantenimento o meno delle emissioni geotermiche in atmosfera e dei progetti di incremento di sfruttamento delle risorse idriche dell’Amiata, alla luce dei dati inequivocabili circa il concorso oggettivo delle attuali centrali ai livelli di malattie misurate in Amiata e in relazione certa con taluni inquinanti.

Alcuni dei candidati hanno accettato l’invito ed il confronto ed hanno risposto in maniera per noi soddisfacente e rassicurante, prendendo impegni concreti per fermare le attuali immissioni in atmosfera di inquinanti.
Altri, e tra questi soprattutto i candidati delle liste collegate alle maggioranze uscenti, pur ponendo il tema della geotermia al centro dei loro interventi, non hanno risposto alle nostre domande, cosa di cui prendiamo atto.
Candidati del PD, anche se oggi si presentano in liste civiche, hanno espresso la posizione, a nostro parere assai contraddittoria, di attenzione alla salute, al territorio, di necessità di altri controlli e monitoraggi, però senza nulla eccepire sulla prosecuzione delle centrali esistenti e di quelle in costruzione, opponendosi -alcuni- alle ipotesi di nuove centrali assai più piccole e con tecnologia “più pulita” (come Montenero).
Hanno invece risposto, pur con sfumature differenti, in modo che riteniamo più attento al problema e critico sulla geotermia amiatina, in ordine di tempo: Elena Franceschelli della lista “Movimento 5 Stelle” di Arcidosso che da subito ha fatto proprie le indicazioni per una ‘moratoria immediata’ delle attività geotermiche, molto critici ed intenzionati comunque a prendere immediati provvedimenti risultano Pier Paolo Camporesi della lista “Insieme per Arcidosso”, Marcello Bianchini e Carlo Caloggi della lista “Comune unico città dell’Amiata” di Arcidosso e Seggiano, Giacomo Bisconti della lista “Abbadia Futura” di Abbadia San Salvatore, Alessandra Vegni della lista “Per un Comune di tutti” di Castel del Piano.
Segnaliamo inoltre che Giovanni Barbagli e Romina Sani, candidati a sindaco per il Comune di Cinigiano, hanno accolto l’invito per giovedì prossimo ore 21 di confrontarsi pubblicamente a Monticello Amiata con le domande che i
cittadini del comune hanno posto loro già da tempo.
Ad oggi sono queste le posizioni che ci sembra siano emerse dai confronti pubblici e dalle varie dichiarazioni; qualora vi fossero diverse o nuove posizioni siamo a disposizione per confronti e per darne comunque conto.
Come Sos Geotermia auspichiamo che i cittadini sappiano con il voto, che comunque non esaurisce la battaglia, portare nelle prossime amministrazioni locali dei sindaci e dei consiglieri non più disponibili a barattare la salute e l’ambiente, l’acqua e l’aria, le produzioni agroalimentari con i denari di Enel.

———-

Il Tirreno del 22 maggio 2014
Risposte e silenzi sulla geotermia. Ecco il bilancio
ARCIDOSSO A una settimana dal voto il comitato Sos geotermia dà conto delle risposte e dei silenzi alle sei domande sulla geotermia poste alcune settimane fa agli aspiranti sindaci dell’Amiata. L’intento era di chiarire agli elettori le scelte che i candidati, una volta eletti, faranno circa il mantenimento o meno delle emissioni geotermiche in atmosfera e dei progetti di incremento di sfruttamento delle risorse idriche dell’Amiata, «alla luce – spiega Sos geotermia – dei dati inequivocabili circa il concorso delle attuali centrali ai livelli di malattie misurate in Amiata e in relazione certa con taluni inquinanti». Alcuni candidati hanno accettato l’invito e risposto. «Altri, e tra questi soprattutto i candidati delle liste collegate alle maggioranze uscenti, pur ponendo il tema della geotermia al centro dei loro interventi, non hanno risposto alle nostre domande. Candidati del Pd hanno espresso la posizione, assai contraddittoria, di attenzione alla salute, al territorio, di necessità di altri controlli e monitoraggi, però senza nulla eccepire sulla prosecuzione delle centrali esistenti e di quelle in costruzione, opponendosi alcuni alle ipotesi di nuove centrali assai più piccole e con tecnologia “più pulita” come Montenero». Hanno invece risposto in modo chiaro Elena Franceschelli (Movimento 5 Stelle di Arcidosso) che ha chiesto una moratoria immediata delle attività geotermiche; Pier Paolo Camporesi (Insieme per Arcidosso), Marcello Bianchini e Carlo Caloggi (Comune unico città dell’Amiata di Arcidosso e di Seggiano), molto critici; Alessandra Vegni (Per un Comune di tutti di Castel del Piano). Giovanni Barbagli e Romina Sani, candidati a Cinigiano, hanno accolto l’invito per oggi alle 21 di confrontarsi pubblicamente a Monticello Amiata.

La Nazione del 22 maggio 2014
AMIATA ANALIZZATE TUTTE LE POSIZIONI: «DAL PD SPESSO PARERI CONTRADDITTORI, PIÙ ATTENTI 5 STELLE E LISTE CIVICHE»
Geotermia come «leitmotiv» dei candidati. Il comitato fa il punto
di
Nicola Ciuffoletti
ORMAI agli sgoccioli di una intensa campagna elettorale i candidati amiatini in lizza per il rinnovo dei consigli comunali hanno affrontato tutti, a più riprese il tema geotermia. Il comitato Sos Geotermia analizza quelle che sono le posizioni dei vari candidati a sindaco, emerse a seguito di alcune domande che il comitato aveva posto ai futuri sindaci. Posizioni diverse sono state prese dai vari candidati. Apertura totale ad un confronto pubblico da parte dei due candidati di Cinigiano; Romana Sani e Giovanni Barbagli, che sono questa sera a Monticello Amiata per discutere sul tema. «Alcuni dei candidati hanno risposto in maniera per noi soddisfacente e rassicurante afferma SosGeotermia con un comunicato prendendo impegni concreti per fermare le attuali immissioni in atmosfera di inquinanti. Altri, e tra questi soprattutto i candidati delle liste collegate alle maggioranze uscenti, pur ponendo il tema della geotermia al centro dei loro interventi, non hanno risposto alle nostre domande, e ne prendiamo atto. Candidati del Pd, anche se oggi si presentano in liste civiche, hanno espresso la posizione, a nostro parere assai contraddittoria, di attenzione alla salute, al territorio, di necessità di altri controlli e monitoraggi, però senza nulla eccepire sulla prosecuzione delle centrali esistenti e di quelle in costruzione, opponendosi alle ipotesi di nuove centrali assai più piccole e con tecnologia «più pulita» (come Montenero). Hanno invece risposto, pur con sfumature differenti continua il comitato in modo che riteniamo più attento al problema e critico sulla geotermia amiatina, in ordine di tempo: Elena Franceschelli della lista «Movimento 5 Stelle» di Arcidosso, Pier Paolo Camporesi della lista «Insieme per Arcidosso», Marcello Bianchini e Carlo Caloggi della lista «Comune unico città dell’Amiata» di Arcidosso e Seggiano, Giacomo Bisconti della lista «Abbadia Futura» di Abbadia San Salvatore, Alessandra Vegni della lista «Per un Comune di tutti» di Castel del Piano.

GrossetoOggi del 20 maggio 2014
Sos Geotermia: “Risposte contraddittorie da parte dei candidati del Pd sulla questione delle emissioni geotermiche”
…segue ns. comunicato