Inaugurazione centrali Piancastagnaio. Come i ladri nella notte…

 

???????????????????????????????Devono essere parecchio preoccupati dalle parti dell’Enel se hanno deciso di recitare la farsa dell’inaugurazione delle centrali di Piancastagnaio nel massimo segreto, zitti zitti, senza i soliti squilli di tromba e annunci del ‘lieto evento’.
E hanno ragione ad essere preoccupati perchè dall’Amiata fino a La Spezia, da Brindisi a Vado Ligure, passando per Civitavecchia, fino ad arrivare in centro e sud America, le popolazioni locali cominciano a non accettare più di ammalarsi e morire per l’Enel e i suoi complici, di veder distruggere interi territori, rubare l’acqua, l’aria e la terra alle future generazioni; la geotermia in Amiata non è rinnovabile nè sostenibile.
Che tiri una brutta aria per l’Enel, anche nella sua versione ‘green’, devono averlo capito ai piani alti della multinazionale, specialmente dopo la settimana di iniziative del 12/19 ottobre che ha finalmente ridato la parola alle persone, alla difesa dei territori, della salute, del diritto alla casa e al reddito.
Altro segnale delle difficoltà in cui sguazza l’Enel è il rinnovato impegno pubblicitario e di sponsorizzazioni: non passa giorno che non ci sia una velina della società ripresa da qualche testata, per non parlare dei tanti, tantissimi quattrini buttati nella campagna #guerrieri, dove peraltro hanno subito una sonora sconfitta su internet e sono stati costretti a modificare il sito della campagna eliminando i commenti, dopo la pioggia di critiche e sberleffi.
In compenso, dalle nostri parti, aumentano gli annunci mirabolanti di milioni su milioni -quasi che le ciminiere anzichè veleni sbuffassero quattrini-, di posti di lavoro a sfare e sponsorizzazioni di ogni e qualsiasi festa, sagra o scampagnata; ultima in cartellone ‘la castagna in festa’ di Arcidosso, sponsorizzazione che vede finalmente schierarsi contro i cittadini per l’accostamento improprio, con critiche puntuali in rete che dicono: ‘…da oggi la chiameremo “Festa della Castagna Geotermica”, poi ci sarà la Sagra della Patata Geotermica, quella dell’Olio Geotermico, del Pecorino Geotermico, del Fungo Geotermico, ecc. Bel salto di qualità rispetto ai vari DOP, DOC, IGP…’, ‘… di sicuro quello sponsor non si associa (anzi è all’opposto) con la qualità dei prodotti e con la loro genuinità. geotermia invece fa rima con malattia e con patologia…’, ‘…roba da non credere…’, ‘…non riesco a credere quello che leggo…’, ‘…Schifo!!!’,  ‘…fuori l’enel dalla festa della castagna! un altra vergogna tutta arcidossina…’.
Si vorrebbe riprodurre in Amiata il famigerato ‘menù geotermico’ sperimentato a Larderello con la strana complicità di Slow Food. Ma sarà dura…per loro.
Tornando alla segreta inaugurazione delle centrali di Piancastagnaio, alla presenza dei capoccioni di Enel GP e pochi e ‘scelti’ ospiti, tra cui l’immancabile presidente Uncem Toscana Oreste Giurlani, l’assessore all’ambiente della Provincia di Siena Gabriele Berni e i soli sindaci di Piancastagnaio e Santa Fiora, comuni che fanno la parte del leone nella spartizione dei trenta denari delle ‘compensazioni ambientali’, ci chiediamo: perchè non ne hanno dato annuncio per tempo? Magari tanti cittadini sarebbero stati felici di partecipare e di ringraziare l’Enel e gli amministratori per la gestione del territorio.

Il Cittadino online del 2 novembre 2013
SOS Geotermia: “Come i ladri nella notte…”
Le inaugurazioni dell’Enel sull’Amiata nel mirino del Comitato

… segue ns. comunicato (meno l’ultimo capoverso).

Il Tirreno del 1 novembre 2013
ENEL GREEN POWER «Basta sterili polemiche noi qui investiamo»
MONTE AMIATA «È singolare che si pretenda di esprimere giudizi sull’inaugurazione del riefficientamento di alcune centrali da parte di un’azienda che, almeno sulle iniziative che avvengono nel perimetro dei propri impianti, è libera di decidere sulle modalità di organizzazione». Enel Green Power che quasi mai replica agli attacchi di Sos geotermia dll’Amiata, questa volta ribatte con alcune precisazioni in merito al giudizio dei suoi detrattori che avevano aprlato di inaugurazione in sordina: «L’“inaugurazione farsa”, è avvenuta alla luce del sole (considerata anche la bella giornata) ed è stata molto partecipata, alla presenza, tra gli altri, di istituzioni e colleghi. Tra l’altro, l’evento si è svolto nella più totale tranquillità, senza barriere, con un tour guidato agli spazi esterni degli impianti e con la partecipazione della comunità del cibo ad energie rinnovabili del Cosvig (Consorzio sviluppo aree geotermiche) che ha fatto conoscere i prodotti della filiera geotermica, a conferma dell’utilità dei cosiddetti altri usi della geotermia». E in riferimento al piano di riassetto di Piancastagnaio Enel Green Power ricorda che «Ha investito 90 milioni di euro con significative ricadute sul tessuto imprenditoriale locale. Le operazioni hanno comportato la dismissione della centrale geotermica Pc2, l’installazione degli impianti Amis in tutte le altre centrali in servizio (Pc3, Pc4, Pc5), la costruzione e l’entrata in funzione dal settembre 2012 del nuovo “termodotto” presso Pc3 per la fornitura del calore alle serre di Floramiata e a tutte le aziende in località “casa del corto” che ne faranno richiesta. Conclusi con successo anche gli interventi di riefficientamento delle centrali di Pc3, Pc4 e Pc5. Sarà riqualificata anche l’area di PC2 con un restyling del vecchio fabbricato macchine, che è stato destinato ad uso uffici per il personale di Enel Green Power: nel prossimo quinquennio Enel Green Power investirà 500 milioni di euro di cui 123 per la realizzazione della nuova centrale di Bagnore 4. La geotermia costituisce una risorsa a 360° che consente di utilizzare il calore a imprese locali e abitazioni, di promuovere la cultura, il turismo, l’agricoltura e l’imprenditoria sul territorio. A questo proposito, da tempo Enel Green Power sta lavorando, con disponibilità e competenze, per favorire l’ulteriore specializzazione dell’indotto locale in modo da sostenere lo sviluppo economico e sociale dell’Amiata in un periodo di crisi qual è quello che stiamo vivendo. Si tratta di elementi così palesi che ognuno potrà trarre le proprie conseguenze sulla bontà di iniziative come l’inaugurazione di impianti rinnovati e, più in generale, l’attività geotermica in Toscana». (f.b.)

Il Tirreno del 31 ottobre 2013
«Enel, un’inaugurazione farsa»
Sos Geotermia critica l’apertura “in sordina” di una nuova centrale
SANTA FIORA. Per la definizione non usa giri di parole il comitato Sos Geotermia: l’inaugurazione della centrale geotermica di Piancastaio è stata una «farsa». Il comitato, che si batte contro lo sfruttamento geotermico sull’Amiata perché ritiene che causi inquinamento e danni alla salute delle persone e all’ambiente, si chiede – in una nota – perché Enel Green Power non abbia annunciato in tempo che si sarebbe tenuta l’inaugurazione, ma ne abbia dato notizia solo a cose fatte. «Devono essere parecchio preoccupati dalle parti dell’Enel se hanno deciso di recitare la farsa dell’inaugurazione delle centrali di Piancastagnaio nel massimo segreto, zitti zitti, senza i soliti squilli di tromba e annunci del “lieto evento”», spiega Sos Geotermia. Alla cerimonia hanno partecipato i vertici di Enel Green Power «e – spiega il comitato – pochi e “scelti” ospiti, tra cui l’immancabile presidente Uncem Toscana Oreste Giurlani, l’assessore all’ambiente della Provincia di Siena Gabriele Berni e i soli sindaci di Piancastagnaio e Santa Fiora, comuni che fanno la parte del leone nella spartizione dei trenta denari delle compensazioni ambientali». Perché, chiede Sos Geotermia, Enel Green Power non ha annunciato per tempo che ci sarebbe stata l’inaugurazione? La domanda, per il comitato, è retorica: l’azienda forse temeva che qualcuno “guastasse” la festa. «Che tiri una brutta aria per l’Enel, anche nella sua versione “green”, devono averlo capito ai piani alti della multinazionale», spiega Sos Geotermia. Uno dei segnali didifficoltà sarebbe il rinnovato impegno pubblicitario e di sponsorizzazioni. «Non passa giorno che non ci sia una velina della società ripresa da qualche testata, per non parlare dei tanti, tantissimi quattrini buttati nella campagna #guerrieri», dice il comitato. Le critiche non hanno risparmiato la recente sagra Castagna in festa ad Arcidosso sponsorizzata da Enel. Sul sito di Sos Geotermia sono piovuti interventi contro Enel, segnale, per il comitato, di una crescente insofferenza per la geotermia che la mancata pubblicità dell’inaugurazione della centrale confermerebbe.

SienaFree.it del 31 ottobre 2013
ENEL interviene sull’inaugurazione del piano di riassetto di Piancastagnaio
“In riferimento ad alcune osservazioni sulla presentazione del piano di riassetto di Piancastagnaio, avvenuta venerdì 25 ottobre, Enel Green Power precisa che l’inaugurazione è avvenuta alla luce del sole (considerata anche la bella giornata) ed è stata molto partecipata. È singolare che si pretenda di esprimere giudizi sull’inaugurazione del riefficientamento di alcune centrali da parte di un’azienda che, almeno sulle iniziative che avvengono nel perimetro dei propri impianti, è libera di decidere sulle modalità di organizzazione”. Così una nota di Enel.
“Tra l’altro – prosegue la nota -, l’evento si è svolto nella più totale tranquillità, senza barriere, con un tour guidato agli spazi esterni degli impianti e con la partecipazione della Comunità del cibo ad energie rinnovabili del Cosvig (Consorzio Sviluppo Aree geotermiche) che ha fatto conoscere i prodotti della filiera geotermica, a conferma dell’utilità dei cosiddetti altri usi della geotermia.
Per il piano di riassetto di Piancastagnaio Enel Green Power ha investito 90 milioni di euro con significative ricadute sul tessuto imprenditoriale locale. Le operazioni hanno comportato la dismissione della centrale geotermica PC2, l’installazione degli impianti AMIS in tutte le altre centrali in servizio (PC3, PC4, PC5), la costruzione e l’entrata in funzione dal settembre 2012 del nuovo “termodotto” presso PC3 per la fornitura del calore alle serre di Floramiata e a tutte le aziende in località “casa del corto” che ne faranno richiesta con evidenti vantaggi per l’indotto del territorio. Conclusi con successo anche gli interventi di riefficientamento delle centrali di PC3, PC4 e PC5. Sarà riqualificata anche l’area di PC2 con un restyling del vecchio fabbricato macchine, che è stato destinato ad uso uffici per il personale di Enel Green Power con un importante recupero architettonico. L’intervento rientra negli investimenti che Enel Green Power sta facendo in Toscana per lo sviluppo della geotermia nell’ottica della produzione da fonte rinnovabile e del rispetto per l’ambiente: nel prossimo quinquennio Enel Green Power investirà 500 milioni di euro di cui 123 per la realizzazione della nuova centrale di Bagnore 4, che sarà un’eccellenza per tecnologia e standard ambientale a livello mondiali.
Enel Green Power opera in collaborazione con le Istituzioni per lo sviluppo energetico ed economico del territorio nel rispetto dell’ambiente e con un altissimo grado di innovazione tecnologica che la rende leader mondiale nel settore della geotermia rinnovabile, fatto confermato dagli apprezzamenti che arrivano da ogni parte del pianeta e dalle tantissime visite alla geotermia toscana da parte di esperti, gruppi di studiosi, Istituzioni, Università, scuole e turisti. La geotermia costituisce una risorsa a 360° che consente di utilizzare il calore a imprese locali e abitazioni, di promuovere la cultura, il turismo, l’agricoltura e l’imprenditoria sul territorio. A questo proposito, da tempo Enel Green Power sta lavorando, con disponibilità e competenze, per favorire l’ulteriore specializzazione dell’indotto locale in modo da sostenere lo sviluppo economico e sociale dell’Amiata in un periodo di crisi qual è quello che stiamo vivendo.
Si tratta di elementi così palesi – conclude Enel – che ognuno potrà trarre le proprie conseguenze sulla bontà di iniziative come l’inaugurazione di impianti rinnovati e, più in generale, l’attività geotermica in Toscana”.

Contropiano.org del 28 ottobre 2013
Inaugurazione centrale Piancastagnaio. Come i ladri nella notte…
… segue ns. comunicato

GoNews.it del 28 ottobre 2013
Inaugurazione delle centrali Enel, SOS Geotermia: “Perché non ne hanno dato annuncio per tempo?”
… segue ns. comunicato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *