Tag Archives: incendio

Incendi in Amiata. Sciacalli, non ci provate…

Pubblichiamo l’appello dei Cittadini indignati del Monte Amiata in merito alle voci, riprese anche da un giornale radio della Rai, di possibili responsabilità degli ambientalisti negli incendi che continuano a devastare l’Amiata, così come l’Italia intera.
Sciacalli che anche di fronte a tanta tragedia non perdono l’occasione per mostrare odio contro chi questa montagna invece vuole difenderla da tutti gli scempi, incendi o centrali che siano.

 

Siamo un gruppo di persone e varie realtà associative, riunitesi per la salvaguardia del Monte Amiata e delle sue acque.

Vogliamo segnalare che il Giornale Radio di RAI1 nell’edizione delle 8:00 del 18 Luglio 2017, dal minuto 5:26, ha attribuito la responsabilità degli incendi scoppiati a Piancastagnaio, sul Monte Amiata, agli ambientalisti, che da anni si battono per la tutela di un territorio segnato dallo sfruttamento, un tempo minerario ed oggi geotermico.

La trascrizione dell’audio: «Situazione ancora difficile anche nel comune di Piancastagnaio, in provincia di Siena. Tra i cittadini c’è la convinzione che gli incendi siano legati a chi non vuole le centrali geotermiche. I vapori, infatti, che fuoriescono dalle centrali e ricadono sul territorio sarebbero responsabili dell’aumento di arsenico nell’acqua. “Gli incendi sono scoppiati vicino alle centrali dove c’è la produzione col vapore. Molte persone hanno sempre digerito male questa cosa perché sapendo che ci sono i fumi, che in effetti fanno un pochino male, viene da pensare che qualcuno possa averlo fatto di proposito: chiaro e limpido”.»
Ascolta l’audio:

 

Siamo indignati!
Non è la prima volta che accuse infondate vengono scagliate contro il mondo ambientalista, ma adesso si è tragicamente perso il senso del ridicolo.

I cosiddetti “comitati antigeotermia” già in passato sono stati accusati di «terrorismo antigeotermico», «gravissimo danno di immagine», «procurato allarme sociale», «persecuzione antidemocratica», «atti vandalici», «polemiche strumentali», «sfregio all’immagine del territorio», «provocare un pesante clima di tensione», «atteggiamenti intimidatori», «squallidi attacchi personali» e chi più ne ha, più ne metta.

Mai però si era giunti all’assurdo di accusare noi “ambientalisti” di voler fisicamente danneggiare il territorio – che naturalmente vorremmo invece difendere.

Dovremmo aggiungere anche «piromani» alla lista e riderci sopra, come con gli altri epiteti?
Noi abitanti ed amanti del Monte Amiata – che, non dimentichiamo, è un importantissimo bacino acquifero del centro Italia minacciato da livelli crescenti di arsenico – siamo innamorati del territorio; da decenni ci battiamo per conservarne il magico equilibrio, messo a repentaglio (oggi come ieri) dalla rapacità speculativa ed incurante del “progresso” che guarda con miopia soltanto al profitto economico immediato.

È questo il clima che vogliamo respirare? Criminalizzare i cittadini inquinati?

Ci sentiamo profondamente offesi dal servizio andato in onda e chiediamo che si dia celermente risposta alla nostra richiesta di spiegazioni da parte del servizio pubblico – anche alla luce dell’interrogazione al Ministro degli Interni della Sen. Alessia Petraglia, sostenuta da Marco Sabatini e Daniela Lastri di Sinistra Italiana Toscana.

Per cominciare, in attesa di chiarimenti e/o smentite – ed oltre ad interrogarci sull’identità dell’intervistato, le cui gravissime affermazioni hanno dato lo spunto per un’offensiva, paradossale e fuorviante generalizzazione – chiediamo formalmente al Direttore del Giornale Radio di RAI1 di concederci spazio per delle interviste riparatorie.

Cittadini indignati del Monte Amiata

Avviata una petizione online su Change: CLICCA QUI

Aderiscono:
SOS geotermia – Coordinamento Movimenti Amiata (https://sosgeotermia.noblogs.org)
Rete nazionale No GESI – No Geotermia Elettrica Speculativa e Inquinante
Comitato Difensori della Toscana (https://www.facebook.com/pg/comitatodifensori.dellatoscana.5)
Agorà CittadinanzAttiva – comitato cittadini, Monticello Amiata (https://agorattiva.noblogs.org)
Rete Centrali Zero (https://retecentralizero.noblogs.org)
Comitato Fumarole (https://fumarole.noblogs.org)
Genuino Amiatino – rete Genuino Clandestino (https://genuinoamiatino.noblogs.org)
Comitato Maremmattiva Pitigliano Sorano (https://www.facebook.com/maremmattiva)
Comitato Farnese ambiente, salute e territorio (https://www.facebook.com/Comitato-Farnese-ambiente-salute-e-territorio-1386157201451446)
Comitato per la Tutela della Salute e dell’ambiente di Latera
Comitato Controvento, Seggiano
Movimento Agende Rosse, gruppo “Peppino Impastato” – Grosseto (https://www.facebook.com/groups/agenderossegrosseto)
Mariarita Signorini – presidente Italia Nostra Toscana (http://www.italianostra.org/?page_id=340)
Valerio Gennaro – medico epidemiologo ambientale presso IRCCS, associazione Medici Per l’Ambiente – ISDE, Genova
Mauro Chessa – geologo
Dario Tamburrano – deputato Europeo Movimento 5 Stelle (http://www.dariotamburrano.it)
Federica Daga – commissione ambiente Camera Deputati, Movimento 5 Stelle (http://www.federicadaga.net)
Tommaso Fattori – consigliere regionale, capogruppo Sinistra Italiana Toscana, referendum per l’acqua (http://www.tommasofattori.it)
Meetup Arcidosso presente a 5 stelle (https://www.facebook.com/arcidossopresentea5stelle)
Comitato di Zona Partito della Rifondazione Comunista Amiata Grossetana
Corrado Lazzeroni – consigliere comune Arcidosso
Pier Paolo Camporesi – capogruppo minoranza comune Arcidosso
No Geotermia Arcidosso (https://www.facebook.com/NO-Geotermia-Arcidosso-1511415942505278)


Interrogazione al Ministro degli Interni sugli incendi sul Monte Amiata

Dichiarazione congiunta della sen. di Sinistra Italiana Alessia Petraglia e Marco Sabatini/Daniela Lastri coordinatori regionale di SI.
Roma, 19 luglio 2017 – “Da alcuni giorni anche la Toscana è interessata da vari roghi ed incendi ma ad andare in fumo non è soltanto il nostro patrimonio naturale ma anche la capacità di dare una corretta informazione sul tema da parte del servizio pubblico radiotelevisivo nazionale” così la senatrice Alessia Petraglia di Sinistra Italiana che ha presentato una interrogazione al ministro dell’Interno per capire se tra geotermia e incendi esiste una qualche correlazione e se sì in che modo. “Il territorio di Piancastagnaio in modo particolare è flagellato da incendi quasi sicuramente di natura dolosa. Oggi però scopriamo, da un servizio della RAI ( Giornale Radio GR1 del 18/07/2017, edizione delle 8 ) che per alcuni abitanti del luogo gli incendi sarebbero appiccati da chi non vuole le centrali geotermiche. Nessun nome, nessuno che si assuma la responsabilità di certe dichiarazioni, eppure provocare incendi è un reato molto grave ed anche accusare qualcuno. A cosa mira questa tipologia di informazione? Messa così sembra che voglia cucire addosso ai cittadini che legittimamente e in maniera democratica esprimono il loro pensiero, anche in contrasto con le centrali geotermiche, una camicia da veri e propri criminali”.
“Indipendentemente dalla opinione di ciascuno sul tema della geotermia – aggiungono Marco Sabatini/Daniela Lastri, coordinatori regionali di Sinistra Italiana – troviamo poco professionale e di bassa qualità informativa, un telegiornale nazionale che contribuisce, tra l’altro senza citare fonti e senza riportare il nome di chi ha fatto certe affermazioni, a far passare l’idea che gli incendi in Amiata, ed in particolare a Piancastagnaio, siano responsabilità di chi è contrario alle centrali.”


Il Tirreno, 21 luglio 2017