Tag Archives: il manifesto

Due articoli interessanti de Il Manifesto sulla geotermia

Ripubblichiamo due articoli usciti il 6 febbraio 2018 sul quotidiano nazionale Il Manifesto.

 

 

 

 

 

Geotermia, una moratoria sulle perforazioni in Toscana
di Aldo Carra

La proposta. E’ possibile stabilire una moratoria che sospenda le ricerche di perforazione in corso in attesa di avere i piani di zona che individuano le aree non idonee per vincoli paesaggistici ed ambientali. Nel frattempo si può procedere nella formulare di una nuova legge regionale Ma quella geotermica è una forma di pulita e rinnovabile? E’ una ricchezza, quindi da sfruttare comunque? Fino a poco tempo fa la risposta positiva a queste domande sembrava scontata. Oggi non è più così. Le verifiche sugli effetti delle centrali geotermiche e delle loro emissioni sulla salute e quelle sulla staticità dei terreni sul lungo termine mostrano, infatti, dati non rassicuranti. E così a livello europeo è stato approvato un emendamento che afferma testualmente che lenergia geotermica non sempre è rinnovabile e pulita ribaltando, così, il cosiddetto senso comune. A questo punto, perciò, lequazione geotermico = energia alternativa pulita e rinnovabile perde i suoi connotati di dogma e tutte le politiche finora impostate andrebbero di conseguenza ridefinite. Le energie alternative o diverse da quelle fossili, vanno valutate senza le lenti ideologiche dietro le quali si nascondono spesso grandi interessi economici e secondo il loro impatto sulla salute e sulla sicurezza, sulle caratteristiche ambientali e sulle strutture economiche dei territori. Questo vale per lenergia solare e per quella eolica per le quali la dimensione degli impianti è determinante. Ma vale soprattutto per la produzione geotermica che sempre comporta manufatti industriali di grandi dimensioni che emanano sostanze comunque inquinanti. Da qui lopposizione diffusa, di cui si parla nellarticolo a fianco, nei territori della Maremma che coinvolge popolazioni, comuni, forze produttive, movimenti. Il fatto che questa opposizione si sia fatta più forte e diffusa in alcuni territori ha una spiegazione specifica: si tratta di territori che nel corso dei secoli hanno subito processi di declino e di rinascita, territori che hanno visto lo sfruttamento delle miniere con leconomia che ne discendeva, il loro successivo declino con processi di emigrazione e di abbandono, e, negli ultimi decenni, una nuova rinascita fondata sulla bellezza della natura, sullo sviluppo enogastronomico ed agro-zootecnico di qualità, sul connesso sviluppo agrituristico e sul nuovo turismo culturale e naturalistico. Questa trasformazione è avvenuta anche grazie allutilizzo di facilitazioni e risorse nazionali e soprattutto europee. Proprio per questo appare, qui più che altrove, assurdo dedicare oggi risorse per favorire megaimpianti geotermici che avrebbero l’effetto di distruggere il modello di sviluppo finora sostenuto e creato con le energie e con la passione di tante forze culturali ed imprenditoriali. Una operazione, quindi, insensata anche sotto l’aspetto delle finanze pubbliche. Una operazione che andrebbe fermata e ripensata radicalmente. Siamo in una regione governata da un presidente di sinistra che appartiene oggi ad una formazione politica che ha al suo vertice anche una dirigente che proviene da Legambiente. E’ possibile allora delineare una svolta politica anche a partire dal nuovo orientamento maturato nell’Unione Europea che mette in dubbio il carattere non inquinante e rinnovabile del geotermico? Penso che dobbiamo farlo. Intanto è possibile stabilire una moratoria che sospenda le ricerche di perforazione in corso in attesa
di avere i piani di zona che individuano le aree non idonee per vincoli paesaggistici ed ambientali. Nel frattempo si può procedere nella formulare di una nuova legge che prenda in considerazione i diversi aspetti appena accennati e consenta gli approfondimenti necessari. Quello che non si può e non si dovrebbe fare è procedere come se nulla fosse accaduto, consentire che proseguano le ricerche e le perforazioni, comprese quelle profonde e costose. Pensare che, dopo ricerche ed investimenti notevoli, le imprese possano poi rinunciare tranquillamente perché la zona nella quale oggi vengono autorizzati i sondaggi verrà dichiarata non idonea, ci sembra un modo di procedere senza senso. Per l’impresa che oggi investe, per quelle che ancora vogliono investire nel nuovo modello di sviluppo, per la stessa collettività tenuta nell’incertezza sul futuro. Soprattutto quando in partenza si sa che, in alcune zone, manufatti industriali di grandi dimensioni e comunque inquinanti non si possono e non si debbono fare perché ripropongono modelli di sviluppo economico contrastanti con quelli faticosamente costruiti e tanto esaltati come modelli alternativi e del futuro nei programmi elettorali.

Geotermia, dalla Toscana un mezzo dietrofront sulle centrali
di Riccardo Chiari

FIRENZE, Il caso. Dopo le proteste una nuova legge intende ridurre l’impatto ambientale degli impianti Sulla geotermia, alla fine la Regione Toscana è stata costretta a fare un passo indietro e annunciare una nuova legge che, come da comunicato ufficiale, «ha l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale e paesaggistico di nuove centrali per la produzione di energia». Una decisione ancora da verificare «sul campo», ma che è l’effetto diretto di tutta una serie di novità sfavorevoli ai grandi player del settore e allo stesso ente locale. A partire da una presa di posizione dell’Europarlamento, che nei giorni scorsi ha approvato un emendamento per la geotermia «pulita», contro gli impianti e le tecnologie più invasive e inquinanti. L’EMENDAMENTO, presentato dal gruppo europeo del M5S e subito appoggiato dalla Sinistra europea, è passato nonostante il voto contrario di Forza Italia, Lega, e perfino di 17 eurodeputati Pd interni al Pse. La presa d’atto che la geotermia «è fonte di energia non sempre rinnovabile, né pulita» ha naturalmente dato nuovo impulso al fronte sempre più vasto dei critici. Allarmati e in continua mobilitazione, ormai da anni, di fronte all’aumento esponenziale dello sviluppo dello sfruttamento geotermico. IN TOSCANA ad esempio sono stati rilasciati numerosi permessi di ricerca geotermica, e di costruzione di centrali pilota, in un territorio che dallo storico insediamento dell’alta Val di Cecina (Pomarance, Larderello e Castelnuovo Val di Cecina) si è allargato a dismisura, e che oggi va dal Monte Amiata alla Maremma, passando per le Colline dell’Albegna. Da Arcidosso a Castel del Piano, fino ad arrivare a Civitella Paganico, Manciano, Sorano, Roccalbegna, Orbetello, Scansano e Magliano, sono decine e decine i comuni che si sono trovati coinvolti nella «caccia alla geotermia» da parte di aziende private. Spinte a fare ricerche con la liberalizzazione del settore nel 2010, e grazie a una pioggia di incentivi pubblici. LA RISPOSTA non si è fatta attendere. Dapprima con la creazione di un fronte ambientalista diffuso – la Rete NoGesi – e poi con un lavoro capillare di sensibilizzazione dei residenti. Risultato: nella definizione del Piano ambientale ed energetico toscano, al novembre scorso ben 51 amministrazioni comunali su 274 avevano fatto domanda alla Regione per chiedere di essere definiti «aree non idonee» allinstallazione di impianti geotermici. I 51 comuni ribelli, il 20% dei municipi toscani, sono stati obbligati ad agire, nei fatti, a causa delle proteste sempre più diffuse dei cittadini e i dei loro comitati, che chiedono una vera moratoria sulla geotermia speculativa, e lapertura di una discussione approfondita sulla geotermia toscana. Anche nelle aule dei tribunali se ne discute. Una denuncia di Sos Geotermia, sulla gestione delle centrali di geotermia Bagnore 3 e 4 a Santa Fiora sullAmiata, ha portato la procura di Grosseto a indagare Massimo Montemaggi, amministratore di Enel Green Power, e Paolo Orsucci. Alla fine di gennaio il giudice per le indagini preliminari ha ammesso lincidente probatorio sulle emissioni delle due centrali geotermiche: in discussione la conformità o meno alla normativa di settore delle emissioni relative allammoniaca e al mercurio, e ladozione di Enel delle migliori tecnologie disponibili per contenere lattività inquinante. SODDISFATTI dellordinanza del gip il Forum ambientalista di Grosseto e la Rete NoGesi: «Lindagine è partita sulla base di una documentazione, pubblicata su riviste scientifiche, del professor Riccardo Basosi delluniversità di Siena, del dottor Bravi, e sugli studi del Dipartimento di ingegneria industriale delluniversità di Firenze. Il nuovo impianto di Bagnore non rispetta i limiti previsti dalla stessa Regione Toscana, dato che la tecnologia utilizzata non è quanto di più
tecnologicamente avanzato disponibile oggi, ma probabilmente solo la scelta più conveniente dal punto di vista economico-finanziario». In parallelo, ancora la Rete NoGesi insieme al comitato «Scansano Sos Geotermia» hanno chiesto ufficialmente alla Regione Toscana di sospendere tutte le procedure autorizzative sui permessi di ricerca geotermica, almeno fino a quando non sarà conclusa la mappatura delle «aree non idonee» a potenziali trivellazioni e realizzazioni di impianti geotermici. In aggiunta cè la richiesta di dare piena attuazione di quanto prescritto dal decreto legislativo 152/2006 in materia di mappatura e protezione delle falde acquifere. «ABBIAMO dimostrato con evidenza scientifica – spiegano Rete NoGesi e comitato Scansano Sos Geotermia – quale sia stato l’impatto ambientale, sanitario ed economico che la geotermia ha già avuto in un territorio particolare come quello dell’Amiata, il cui sottosuolo, di origine vulcanica e ricco di giacimenti e miniere, è ad altissimo rischio di inquinamento. Ora il pericolo non va esportato in Maremma».