NO SUSSIDI ALLA GEOTERMIA. Scriviamo -ancora- al Ministero

Continuiamo la battaglia che ormai coinvolge tutte le regioni in cui sono presenti o in progetto centrali geotermiche, tra cui la conferenza stampa a Firenze del 31 ottobre scorso, dopo aver già inviato al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare una circostanziata lettera sulle attività decisamente climalteranti inserite dal Ministero
dell’Ambiente nel Catalogo per il 2017 tra le attività ambientalmente favorevoli
e meritevoli di sussidi pubblici.

Oggi, avendo scongiurato finora l’inserimento della geotermia tra le produzioni di energia meritevoli di finanziamenti pubblici (pagati in bolletta da tutti i cittadini), a fronte di continue pressioni e dichiarazioni in merito ad un eventuale, e sciagurato, reinserimento della geotermia tra le attività a cui destinare tali sussidi pubblici, scriviamo di nuovo alla Commissione Sussidi del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, al Governo, ai deputati delle Commissioni Ambiente, Attività produttive e Unione Europea, ai senatori delle Commissioni Ambiente, Attività produttive e Unione Europea, agli estensori della mozione sui climalteranti, ai parlamentari e consiglieri regionali di Toscana, Umbria e Lazio sensibili alla questione, ai sindaci dei comuni geotermici della provincia di Terni, Viterbo e della Toscana.

LA LETTERA PUO’ ESSERE SCARICATA E VISUALIZZATA CLICCANDO QUI 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *